Modifica la ricerca

I migliori ospedali per Ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo

Cos'è?
L’ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo (tessuti molli sottostanti), è una procedura medica di diagnostica per immagini non invasiva, non dolorosa e del tutto innocua che tramite la metodica ad ultrasuoni (onde sonore ad alta velocità) è in grado di rilevare alterazioni presenti sull’epidermide e negli strati sottostanti. Associata alla tecnica colordoppler, l’ecografia può mostrare la flussimetria – ovvero la direzione e la velocità del flusso sanguigno nei vasi che irrorano le zono sottocutanea – sia fisiologica che – eventualmente – patologica dei tessuti sani e delle lesioni localizzate (se presenti). La tecnica ad ultrasuoni utilizza una sonda che viene poggiata sulla porzione di cute da esaminare, e che rimanda, con ritorno ecografico, la morfologia delle strutture sottocutanee che vengono poi visualizzate sotto forma di immagini in un monitor appositamente collegato. 

A cosa serve?
L’ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo è un esame prescritto in diversi ambiti, sia relativi alla medicina estetica dermatologica che, ad esempio, in oncologia. In campo dermatologico viene utilizzata soprattutto a supporto di una diagnosi preesistente, per approfondirne la portata e per misurare le dimensioni di eventuali anomalie o lesioni localizzate. In generale, si prescrive questo tipo di indagine diagnostica in presenza di una tumefazione sospetta rilevata sulla cute o immediatamente sotto, che quindi risulti visibile o palpabile anche superficialmente.

Vediamo quali informazioni si possono ricavare utilizzando la metodica ad ultrasuoni in questo campo:
  • Individuazione e caratterizzazione di lesioni nodulari cutanee e sottocutanee tra cui cisti, ascessi, infiammazioni, lipomi 
  • Individuazione e stadiazione di ernie (a livello inguinale, ombelicale, addominale ecc.)
  • Stadiazione e monitoraggio di lesioni tumorali (neoplasie della pelle) come melanomi ed epiteliomi. Attraverso l’esame ecografico applicato alla tecnica colordoppler è possibile stabilire le dimensioni e la tipologia della massa neoplastica e la sua vascolarizzazione ai fini di una eventuale rimozione chirurgica o trattamento terapeutico
  • Esame dei linfonodi benigni reattivi
  • Controllo delle caratteristiche di una tumefazione sottocutanea in relazione alle altre strutture del sottocute 
  • Misurazione e caratterizzazione della distribuzione del grasso sottocutaneo (es. cellulite)
  • Valutazione degli esiti di interventi dermatologici estetici come l’iniezione di filler sottocutanei
Come si svolge?
L’ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo si svolge come tutti gli esami di tipo ecografico, basati quindi sulla metodica ad ultrasuoni. Il paziente viene invitato a sdraiarsi sul lettino, e la porzione di epidermide da esaminare viene opportunamente spalmata con uno speciale gel che amplifica il ritorno ecografico e permette alla sonda di scivolare meglio sulla superficie cutanea. Per eseguire l’esame la sonda ecografica viene quindi fatta scorrere avanti e indietro sulla zona da osservare, mentre gli ultrasuoni rimandano l’eco delle strutture sottostanti che vengono visualizzate sotto forma di immagini sul monitor dell’apparecchio ecografico. Tali immagini vengono poi registrare e scaricate su CD-rom per essere valutate dallo/a specialista di riferimento. Se l’esame si avvale della tecnica colordoppler sarà visualizzato anche il flusso sanguigno relativo alle strutture analizzate (in particolare lesioni, tumefazioni o masse neoplastiche) in direzione e velocità. 

L’esame è rapido, indolore e innocuo, può essere eseguito in gravidanza e in genere non dura oltre una decina di minuti. 

Come ci si prepara?
L’ecografia della cute e del tessuto sottocutaneo è un esame del tutto privo di rischi, e non comporta alcuna preparazione specifica. Non ci si presenta digiuni e non si assumono analgesici o mezzi di contrasto, pertanto chi segua terapie farmacologiche particolari può assumere i medicinali consueti anche in quella giornata senza modifiche. Occorre giungere all’appuntamento con la cute pulita su cui però non siano stati applicate creme o oli cosmetici. L’esame, come precisato, è del tutto innocuo perché le onde sonore ad alta frequenza non producono danni al corpo umano, pertanto il paziente non necessita di accompagnamento, e può mettersi alla guida subito dopo. Il referto può essere consegnato subito dopo l’ecografia o qualche giorno dopo e va interpretato dal medico specialista che l’ha prescritto.
Continua a leggere
700700700700700700700700700700700700700700700700700700700700
Installa subito l'APP di
Logo dove come mi curo it e resta sempre aggiornato!