Modifica la ricerca

I migliori ospedali per Cuore - Scompenso Cardiaco

Che cos’è
Lo scompenso cardiaco è una malattia del cuore caratterizzato dall’incapacità dello stesso di pompare sangue in quantità adatte a soddisfare i bisogni dell’organismo. Può essere classificato in vari modi:
  • in base alla durata della malattia in acuto o, come nella maggior parte dei casi, cronico;
  • in base alla zona del cuore colpita in destro o, più frequentemente, in sinistro;
  • in base alla fase del battito in diastolico o sistolico.
Indipendentemente dalla classificazione e dalla causa, il cuore scompensato è un cuore che diventa sempre più affaticato e non permette al resto del corpo di essere ben irrorato di sangue. Questo crea un circolo vizioso in quanto gli organi, ricevendo meno sangue, ne richiedono un maggiore apporto ma il cuore, già sfiancato, prova a pompare più sangue senza riuscirci. Nel corso degli anni il cuore tende a raggiungere dimensioni sempre più grandi e a funzionare sempre di meno.
Colpisce il 2-3% della popolazione generale, il 10-15% se si considerano le fasce più alte di età. È la più importante causa di ricovero in ospedale per i pazienti di età >65 anni.
 
Cause
Lo scompenso cardiaco può essere causato da tutte quelle malattie che, a lungo andare, determinano uno sfiancamento del cuore.
Le principali malattie che possono causare lo scompenso cardiaco sono:
  • Malattie delle coronarie e infarto: la coronaropatia è la causa più frequente di scompenso cardiaco in quanto determina la morte di una parte del tessuto del cuore che quindi non funzionerà più bene;
  • Ipertensione arteriosa: la pressione costantemente alta può determinare uno sfiancamento del cuore a lungo andare, soprattutto se associata ad altri fattori (diabete, ipercolesterolemia, fumo);
  • Malattie delle valvole del cuore: le valvole sono fondamentali nella funzione di pompa del cuore. Un danno a carico delle valvole crea disordine e sfiancamento del cuore.
  • Malattie congenite del cuore
  • Infezioni del cuore
  • Aritmie
 
Sintomi
Nel paziente con scompenso cardiaco Il sangue non solo non riesce ad essere pompato al resto degli organi dal cuore ristagna a monte di quest’ultimo, causando sintomi diversi a seconda delle caratteristiche dello scompenso. Il sangue che ristagna a livello dei polmoni determina dispnea (difficoltà a respirare dopo minimi sforzi o addirittura durante il riposo) e tosse durante la notte. Ci può essere anche rigonfiamento del fegato (per il ristagno del sangue nel fegato), anemia e colorazione biancastra della pelle (perché il sangue non raggiunge la pelle), edemi e rigonfiamenti alle gambe (per ristagno del sangue per gravità alle parti inferiori del corpo), confusione e problemi di memoria (per il mancato apporto di sangue al cervello).
 
Diagnosi
Lo scompenso cardiaco è facilmente diagnosticabile tramite un’attenta intervista sui sintomi, una visita medica e un ecocolordoppler del cuore. Potrebbero essere altri esami come esami del sangue, radiografia del torace, elettrocardiogramma, test da sforzo, TAC o Risonanza Magnetica del cuore, coronarografia.
Gli esami servono, oltre che per la diagnosi di scompenso, per indagarne la causa e per verificare lo stadio della malattia. A seconda della complessità del quadro, esistono varie classificazioni dello scompenso cardiaco e in base a questo verrà orientata la terapia.
 
Terapia
Il trattamento dello scompenso cardiaco riguarda diverse figure mediche e dipende dalla gravità e dallo stadio della malattia. Lo scompenso cardiaco non può guarire ma esistono vari trattamenti che ne alleviano i sintomi e migliorano la qualità della vita, riducendo i ricoveri in ospedale e la mortalità. Importante è il cambiamento dello stile di vita e delle abitudini alimentari (ad esempio sull'apporto di sale, assunzione di acqua, la pratica di attività fisica moderata). La terapia farmacologica è comunque essenziale e spesso è composta dall'associazione di più farmaci.
Qualora la sola terapia farmacologica non fosse sufficiente o non tollerata dal paziente per gli effetti collaterali, può essere associata la resincronizzazione cardiaca elettrica o l’introduzione di un pacemaker.
Il trattamento del paziente terminale, ma solo nel caso in cui si rispettino tutti i rigidi criteri di selezione, è il trapianto di cuore.
 
Come scegliere la struttura sanitaria 
Per lo “Scompenso cardiaco” il Ministero della Salute indica la percentuale di mortalità entro un mese dal ricovero, indice dell’efficacia delle cure prestate. In particolare, è preferibile optare per strutture che abbiano una mortalità a 30 giorni dal ricoveri inferiore al 9% dei casi (semaforo verde).

Approfondisci l'indicatore relativo al numero di pazienti che muoiono nei 30 giorni successivi al ricovero.


 
Leggi di più
88888888888888888888