Modifica
la ricerca

I migliori ospedali per Ginocchio - Artroscopia

Che cos'è?
Con il termine artroscopia si intende un’operazione chirurgica poco invasiva, in quanto non viene provocata alcuna ferita aperta sulla zona interessata dall'esame. Questa tecnica chirurgica dà la possibilità di esaminare e ispezionare l’interno delle articolazioni tramite l’artroscopio, un microscopio di piccole dimensioni. Questo strumento viene inserito, tramite piccole incisioni cutanee, dei buchini nell’articolazione del ginocchio. E' possibile effettuare la tecnica artroscopica anche su altre articolazioni come anca, spalla, gomito, polso e caviglia.
L’artroscopio viene impiegato in chirurgia non solo come strumento diagnostico ma anche come strumento chirurgico vero e proprio. La portata chirurgica di tale strumento non è da sottovalutare in quanto le immagini e/o i video che si ottengono dall’artroscopio consentono ai chirurghi di diagnosticare e di trattare la patologia che interessa dell’articolazione ispezionata in pochissimo tempo. Basti considerare che solitamente l’operazione dura al massimo un’ora e mezzo circa.
Si decide di ricorrere all’artroscopia quando i mezzi diagnostici tradizionali, come la radiografia, non riescono a fornire una chiara immagine dell’articolazione colpita da patologia. Questo può accadere ad esempio nel caso in cui l’articolazione si presenti troppo gonfia. 

Quando si fa?
Per quanto riguarda il ginocchio, si ricorre all’artroscopia per trattare le seguenti patologie:
  • lesioni/alterazioni al menisco;
  • lesioni dei legamenti crociati;
  • alterazioni patologiche della cartilagine;
  • problematiche a carico della rotula;
  • infiammazione della membrana sinoviale (una sottile membrana di tessuto connettivo che ricopre ogni articolazione umana).

Preparazione
Essendo un’operazione chirurgica a tutti gli effetti è richiesta un’anestesia locale o totale, che viene decisa dall’anestesista in base ai risultati dei classici esami clinici da effettuare in fase pre-operatoria (esami del sangue, elettrocardiogramma, radiografie etc.) e in base all’articolazione da operare.

Dopo l'intervento
L’intervento richiede, solitamente, solo un giorno di ricovero in ospedale. Al termine dello stesso è necessario effettuare una riabilitazione e non è possibile guidare subito dopo essere stati dimessi.

I tempi di riabilitazione, logicamente, dipendono dal tipo di operazione effettuata. La ricostruzione del legamento crociato anteriore avrà una prognosi molto più lunga rispetto alla meniscectomia (la rimozione parziale del menisco). I tempi di convalescenza dipendono anche dallo stato in salute del paziente e dall’età e dalla tipologia di lavoro svolto dallo stesso (i lavori che contemplano un maggiore sforzo dell’articolazione operata impiegheranno molto più tempo a recuperare completamente l’uso del ginocchio).

Come scegliere la struttura sanitaria
Per l’intervento chirurgico "artroscopia" il Ministero indica il numero di interventi effettuati dalla struttura presa in considerazione, indice di esperienza della tecnica. In particolare, è preferibile optare per strutture che effettuino almeno 100 interventi l'anno (semaforo verde).

 
Leggi di più
12121212121212121212