Modifica la ricerca

I migliori ospedali per Ortopedia e Traumatologia

Cosa sono?
Ortopedia e traumatologia sono una branca medica specialistica che si occupa di studiare, diagnosticare, prevenire e curare le patologie e le lesioni che possono colpire l’apparato muscolo-scheletrico umano ad ogni età. Il sistema osteo-muscolare degli esseri umani è piuttosto complesso, esso infatti comprende:
  • La struttura scheletrica: lo scheletro è composto da 260 ossa di cui 270 alla nascita (alcune si fondono insieme dopo lo sviluppo puberale) tra loro collegate da 68 articolazioni suddivise in  mobili, semimobili e fisse
  • L’apparato muscolare: comprende 327 muscoli (si intendono solo quelli dell’apparato locomotore)
  • Strutture cartilaginee: rivestono le ossa delle articolazioni per proteggerle e permetterne lo scorrimento le une sulle altre, e sono fatte di tessuto connettivale elastico e resistente, ma con il tempo, e a causa dell’attrito continuo, tendono a consumarsi
  • Tendini e legamenti: i tendini collegano i muscoli alle ossa, i legamenti connettono le ossa tra di loro o le “legano” insieme negli snodi articolari. Entrambe queste strutture sono fatte di collagene e tessuto fibroso e sono soggette a traumi quali strappi e rotture 
Ortopedia e traumatologia, oltre ad occuparsi del sistema osteo-muscolare e delle strutture che lo compongono, trattano anche i nervi periferici che ci fanno muovere. Il sistema nervoso periferico – suddiviso in volontario e autonomo – tra le altre funzioni ha proprio il compito di trasmettere l’input motorio (che parte dal cervello) ai muscoli. Per questo anche i nervi collegati con l’apparato muscolo-scheletrico, quando lesi, sono di pertinenza dello/a specialista in ortopedia e traumatologia.

A cosa servono?
L’apparato locomotore in tutte le sue parti, e i nervi che ne promuovono il movimento e ne garantiscono la sensibilità, sono soggetti a traumi, lesioni da sovraccarico funzionale, infiammazioni, malattie da usura o infettive, neoformazioni benigne o maligne. Tutta questa vasta gamma di patologie e disfunzioni vengono diagnosticate e curate dagli/le specialisti/e in ortopedia e in traumatologia. Le più comuni patologie ortopediche sono:
  • Malattie dello scheletro tra cui osteiti, osteomieliti e tumori, sia maligni che benigni
  • Malattie e lesioni dell’articolazione quali lussazioni e sublussazioni, instabilità articolare, artrosi, condropatie
  • Malformazioni e deviazioni della colonna tra cui scoliosi
  • Deformazioni del piede e della caviglia, piede piatto, alluce valgo
  • Discopatie, ernie del disco, ernie espulse
  • Malattie e anomalie dei muscoli quali miositi, miomi e miosarcomi 
  • Malattie e anomalie a carico del sistema nervoso periferico tra cui neuriti, nevriti e nevralgie, compressioni canalicolari (quali la sindrome del tunnel carpale), neurinomi
  • Problemi dei legamenti, tra cui lassità (eccessiva elasticità)
Le principali lesioni traumatiche sono, invece:
  • Fratture ossee semplici o multiple, composte o scomposte
  • Lussazioni traumatiche delle articolazioni, distacchi delle cartilagini, dislocazioni
  • Rotture, strappi dei muscoli
  • Rottura o lacerazione del legamenti
  • Lesioni dei nervi periferici, rotture o perdita di continuità nervosa
Le malattie, le lesioni e i traumi dell’apparato locomotore prevedono soluzioni terapeutiche differenziate, alcune solo di tipo riabilitativo altre che prevedono interventi chirurgici ricostruttivi e/o con inserimento di protesi. Ecco solo alcune delle prestazioni sanitarie disponibili sia per quanto riguarda la diagnostica che le cure afferenti alle aree specialistiche di ortopedia e traumatologia: A chi si rivolgono?
Gli/le specialisti/e in ortopedia e traumatologia intervengono sui pazienti con sintomi a carico dell’apparato locomotore e/o del sistema nervoso periferico anche d’urgenza, come nel caso delle fratture, nei pronto soccorso. Una visita ortopedica è pertanto necessaria in presenza delle seguenti condizioni:
  • Sospetta frattura in caso di incidente
  • Sospetta lesione a carico di tendini, legamenti, muscoli, con evidenti sintomi quali tumefazione e arrossamento della parte, dolore, ecchimosi, arrossamento
  • Limitazione funzionale dei movimenti delle piccole articolazioni
  • Dolori articolari localizzati o diffusi a livello articolare
  • Forti nevralgie (ad esempio sciatalgia) a carico del nervi che attraversano gli arti o la colonna
  • Difficoltà e/o dolore a camminare
  • Difetti nella deambulazione e nella postura, schiena curva, rotazione visibile del busto
  • Mal di schiena 
  • Tumefazioni visibili non traumatiche a carico di ossa o articolazioni
In caso di sospetta lesione traumatica a carico della colonna vertebrale o di fratture importanti e/o esposte, è indispensabile che il paziente non venga mosso, pertanto occorre chiamare immediatamente il 118 e attendere il soccorso di personale esperto.
Leggi di più
2828282828282828282828282828282828282828