Ernia inguinale, via il dolore cronico con la protesi autofissante al San Giovanni Bosco di Napoli 

Ernia inguinale, via il dolore cronico con la protesi autofissante al San Giovanni Bosco di Napoli 

Ernia inguinale, via il dolore cronico con la protesi autofissante al San Giovanni Bosco di Napoli 


Ripresa immediata, rischi di recidiva quasi azzerati, dolore post operatorio contenuto e nessun rischio di dolore cronico: sono questi i principali vantaggi dell'innovativa tecnica chirurgica con protesi autofissante praticata da ormai circa un decennio presso il Day Surgery Hernia Center del San Giovanni Bosco di Napoli. Una metodologia per il trattamento dell'ernia inguinale che punta a scongiurare le principali complicanze dell'intervento chirurgico tradizionale. Il Direttore della struttura, Angelo Sorge, che dà anche il nome alla tecnica, ci spiega in cosa consiste, quale evoluzione ha avuto negli anni e quali risultati sono stati raggiunti.

Gli Speciali

Continua a leggere il contenuto. Come?

Registrati al sito e iscriviti alla Newsletter

  • È un servizio gratuito

  • Ogni settimana, nuovi contenuti esclusivi e aggiornati

  • Ricevi nella tua casella email i nostri aggiornamenti in anteprima

  • Consulta contenuti attuali e scientificamente verificati

Registrati e Iscriviti

Hai già un account? Accedi

Ernia inguinale, via il dolore cronico con la protesi autofissante al San Giovanni Bosco di Napoli 


Ripresa immediata, rischi di recidiva quasi azzerati, dolore post operatorio contenuto e nessun rischio di dolore cronico: sono questi i principali vantaggi dell'innovativa tecnica chirurgica con protesi autofissante praticata da ormai circa un decennio presso il Day Surgery Hernia Center del San Giovanni Bosco di Napoli. Una metodologia per il trattamento dell'ernia inguinale che punta a scongiurare le principali complicanze dell'intervento chirurgico tradizionale. Il Direttore della struttura, Angelo Sorge, che dà anche il nome alla tecnica, ci spiega in cosa consiste, quale evoluzione ha avuto negli anni e quali risultati sono stati raggiunti.

 

Immagine che rappresenta una donna che prova dolore alla pancia


Cosa differenzia la nuova tecnica da quella tradizionale?

La metodologia Apom, ideata dal chirurgo francese Philippe Chastan e poi ereditata e perfezionata dal mio team, utilizza, per occludere la porta erniaria, protesi autofissanti realizzate in monofilamenti di poliestere e acido polilattico. Questo materiale - l’acido polilattico - oltre a essere riassorbibile è dotato di un ingegnoso meccanismo di autofissaggio: i suoi monofilamenti, incastrandosi nelle fibre muscolari tengono la protesi agganciata alla superficie del pavimento inguinale. Questo sistema non danneggia i nervi e praticamente azzera il rischio di dolore cronico, una complicanza che può essere invece determinata dai tradizionali sistemi di fissaggio.


In che percentuale si presentano le recidive?

Con la tecnica tradizionale, in centri non specializzati si arriva all'11% di recidive mentre negli Hernia Center altamente specializzati la percentuale varia tra l'1% e il 6%.
Nel corso di uno studio eseguito per documentare i risultati della nostra tecnica, invece, sono state registrate solo 3 recidive su 1.000 casi indagati (pari allo 0,3%) e nessun caso di dolore cronico.


Quanti interventi annui vengono praticati presso l’Hernia Center del San Giovanni Bosco di Napoli?

Quest'anno, nonostante il rallentamento causato della pandemia da Covid19, abbiamo eseguito ad oggi circa 450 interventi, ma in passato siamo arrivati a effettuarne anche 600-650 nei primi 8 mesi dell’anno.
I pazienti arrivano anche da fuori-regione, soprattutto da Sicilia, Calabria, Puglia e Basilicata, ma si rivolgono a noi anche pazienti del Centro Nord.


Immagine che rappresenta un team di medici che sta operandoQuanto dura l'intervento e dopo quanto viene dimesso il paziente?

L'intervento dura in media 30 minuti tenendo conto che ci sono interventi più complicati (all’Hernia Center vengono inviati spesso casi con complicanze da precedenti interventi o casi di per sé complessi) che richiedono circa 1 ora e altri più semplici che necessitano non più di 20 minuti. I pazienti vengono dimessi lo stesso giorno dell’intervento, entro poche ore, al di là del tipo di anestesia effettuata (anestesia locale o anestesia periferica o spinale con prilocaina o anestesia generale in maschera laringea).
La ripresa è rapida: il giorno dopo l’intervento il paziente è già autosufficiente, può cioè camminare, guidare, salire le scale, ecc. Sono poi previsti 2 controlli post-intervento: il primo dopo 2-3 giorni e il secondo dopo 9. L'intero iter diagnostico-terapeutico è a carico del SSN.


Quanto è diffusa questa tecnica in Italia?

Il nostro non è l'unico centro a proporla, ce ne sono altri sul territorio. Per i chirurghi di queste strutture organizziamo corsi di aggiornamento che però in questo momento, a causa della pandemia da Covid19, sono sospesi. Va detto che la protesi di per sé offre grandi vantaggi, ma è fondamentale saperla inserire correttamente attenendosi rigorosamente alla tecnica perché, una volta impiantata, è piuttosto complicato riposizionarla.


Come si accede all’Hernia Center?

Contatti ed informazioni possono essere reperiti sul sito angelosorge.it

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Michela Crippa

Michela Crippa

Giornalista professionista, da oltre dodici anni mi occupo di giornalismo medico-scientifico per le riviste e i siti del Gruppo Sfera (Rizzoli) scrivendo principalmente di salute e alimentazione. Ho lavorato come redattore presso il mensile "Donna e Mamma" e oggi curo la rubrica delle news in primo piano di "Io e il Mio Bambino" e realizzo reportage sulle strutture ospedaliere per la sezione viaggi nei centri di eccellenza. Inoltre lavoro come addetta stampa del portale Dove e Come Mi Curo.


Ti è piaciuto il contenuto?

Condividilo sui tuoi canali

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...