Vademecum per le scottature domestiche

Vademecum per le scottature domestiche
02 marzo 2017

Benessere

A chi non è mai capitato di scottarsi in casa? Proprio le ustioni sono l’incidente domestico più frequente subito dopo alle cadute. Sono soprattutto le donne, le regine del focolare, a scottarsi più facilmente.
Le ustioni, in generale, vengono suddivise a seconda della profondità e dell’estensione, in tre gradi progressivi: le ustioni di primo grado sono quelle più leggere, si manifestano solo con arrossamento della parte interessata. Le ustioni di secondo grado sono più profonde, in quanto interessano non solo lo strato superficiale, ma anche quello immediatamente sottostante. Si manifestano con vesciche e dolore intenso. Le ustioni di terzo grado sono le più gravi. Comportano la distruzione della pelle fino ad arrivare alla carbonizzazione dei tessuti.

I gradi delle ustioni vanno poi confrontati con l’estensione, che ha un’importanza grandissima per la valutazione del danno e del pericolo di vita.

Immaginiamo di esserci scottati superficialmente, senza bolle, una piccola quantità di pelle. Ad esempio abbiamo toccato la piastra bollente del forno con un dito. Cosa possiamo fare una volta che ci siamo ustionati?

Il rimedio è uno solo ed è il più semplice: raffreddare l’ustione con acqua corrente fredda per almeno 15-20 minuti. L’acqua ha il duplice effetto di abbassare la temperature della parte scottata e di attenuare il dolore.

E i “rimedi della nonna”? Purtroppo non hanno alcuna evidenza scientifica. Il ghiaccio è assolutamente sconsigliato. L’applicazione di oli è da evitare, potrebbero non far raffreddare la zona. Cipolle, patate crude banane o albume d’uovo...nessuna conferma in merito.

Ricordiamo poi che se l’ustione presenta bolle (da non scoppiare!), è estesa, o sembra profonda, è sempre bene correre dal medico, che valuterà l’ustione e ci consiglierà il trattamento più adeguato: a seconda della gravità ci consiglierà garze di paraffina, una pomata antimicrobica o altri rimedi.
In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale.
Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore.
Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.