Le uova come farmaco

Le uova come farmaco
14 novembre 2016

Alimentazione

L’uovo trova ampi apprezzamenti, a livello scientifico, per le proteine di qualità che contiene, capaci di abbassare la pressione del sangue e di ridurre il rischio di ictus. Addirittura del 12% nel caso in cui se ne mangiasse uno al giorno. L’uovo, insomma, come un vero e proprio farmaco che agisce in prevenzione di guai seri. Lo garantiscono gli scienziati dell’EpidStat Institute di Ann Arbor (Usa) che hanno pubblicato sul Journal of the American College of Nutrition una ricerca che ha preso in esame una serie studi precedenti, condotti fra il 1982 e il 2015, su un campione di 584mila persone.

L’indagine aveva nel mirino il rapporto tra l'assunzione di uova e l’insorgere di cardiopatie coronariche e ictus: grazie agli elementi nutrizionali benefici, tra cui gli antiossidanti, in grado di ridurre lo stress ossidativo e l'infiammazione, le uova aiutano ad abbassare la pressione sanguigna. Uno al giorno potrebbe addirittura ridurre del 12% il rischio di ictus. Vediamo rapidamente lo scenario di riferimento: le uova di grandi dimensioni, quelle presenti sul mercato statunitense, contengono in media 6 grammi di proteine di alta qualità e le vitamine E, D e A. Il tuorlo vede soprattutto la presenza di luteina e zeaxantina, che hanno proprietà antiossidanti.

In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale.
Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore.
Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.