Supervista, possibili 20 decimi

Supervista, possibili 20 decimi
19 settembre 2016

Benessere

Pensati per chi ci vede poco, alcuni esercizi specifici possono condurre i normovedenti a raggiungere l’ipervisione. Da 10 decimi al doppio. Il dato è stato svelato durante il congresso Ipovisione-Sportvision dal professor Alessandro Segnalini, Università degli studi di Roma “La Sapienza", che ha raccontato come l'uomo «sfrutti soltanto il 40-60% delle proprie capacità visive, con possibilità di incrementarle con una serie di tecniche». Tra queste quella di seguire il cambiamento di colore di una scacchiera, esercizio normalmente utilizzato per gli ipovedentiche, ha dimostrato particolare efficacia su chi ha una vista superiore a dieci decimi.

Il ricercatore ha rilevato che dieci sedute da 20 minuti di visual training hanno migliorato l’acuità visiva di alcuni tennisti portando a 20 decimi la loro vista, rafforzando anche la sensibilità al contrasto di luce. Dopo i tennisti analogo esperimento è stato effettuato su un gruppo di tiratori che hanno portato i loro punteggi medi da 163 a 210. Percepire meglio le immagini, per un atleta, migliora significativamente i tempi di reazione occhio-cervello, oltre ad aumentare il senso della profondità.

In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale.
Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore.
Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.