La sedentarietà è devastante

La sedentarietà è devastante
21 ottobre 2016

Benessere

L’inattività fisica causa 5 milioni di morti l’anno nel mondo


La sedentarietà è causa di morte per cinque milioni di persone l’anno nel mondo con costi sociali enormi: si parla di 67,5 miliardi di dollari, riferiti all’incremento delle malattie cardiovascolari, del diabete e dei tumori. Il dato emerge da quattro studi coordinati da Ulf Ekelund, per conto della Norwegian School of Sports Sciences e della Cambridge University, che hanno coinvolto un milione di persone. Quanto alle cause di mortalità, la sedentarietà è seconda come numero di decessi al solo umo, che uccide sei milioni di persone ogni anno.

La sedentarietà è divenuta una pandemia, tanto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta esaminando una revisione delle dosi di esercizio fisico blando, sin qui fissati in 150 minuti. Si pensa di portarli a breve in 200 minuti. E’ infatti accertato che un adulto su quattro nel mondo nemmeno provvede alla mezz’ora giornaliera di camminata di buon passo, per coprire non meno di 5,6 chilometrio, o alla pedalata di un’ora a ritmo moderato, a non meno di 16 km/ora. Non si muovono e mangiano “cibo spazzatura".

In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale.
Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore.
Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.