Internet, le leggende sul cancro

Internet, le leggende sul cancro
21 novembre 2016

Ricerca e Prevenzione

Per fare finalmente chiarezza, visto che internet ospita di tutto, compreso il suo contrario, gli esperti dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) hanno stilato un elenco di falsi miti sul cancro.

Il primo è che i tumori sono figli della civiltà occidentale. E’ ben vero che il mondo in cui viviamo ha visto un’impennata dei casi di tumore, ma questi sono noti dai tempi degli Egizi e dei Greci. L’incremento dei casi deriva soprattutto dall’età, il cancro è una patologia tipica dell’invecchiamento, causata da danni al Dna che si accumulano col passare degli anni.

Secondo appunto: non esistono alimenti antitumorali, anche se mirtilli, pomodori, broccoli e il tè verde godono di ottima fama, l'idea che possano evitare il cancro è fuori luogo. Conta invece una dieta equilibrata, povera di grassi animali e ricca di vegetali. Quattro tumori su dieci dipendono da stili di vita sbagliati, a partire dal cibo, ma l’alimentazione non aumenta il rischio di tumore per il tasso di acidità del sangue, visto che i reni lo regolano naturalmente. Basti pensare che l’urina presenta diversi livelli di pH in base a ciò che mangiamo.

Terzo punto, è bene evitare una dieta troppo dolce, ma non è vero che il cancro si nutre di zuccheri. Meglio evitare i picchi di insulina, ma per altri motivi. Troppa insulina in circolo, induce nella donna una produzione eccessiva di testosterone, l’ormone sessuale maschile. L’insulina favorisce la produzione di IGF-I, un fattore di crescita che fertilizza le cellule in generale e in particolare quelle cancerose. I tumori al seno sono particolarmente sensibili all’azione combinata degli ormoni sessuali e dei fattori di crescita.

I tumori non hanno nulla a che vedere con le infezioni fungine, l’impiego di bicarbonato di sodio non ha alcun senso. Tra l’altro alti dosi di bicarbonato possono essere letali.

Senza alcun fondamento sono le teorie pseudoscientifiche sulle cure, dal siero Bonifacio sino al metodo Di Bella. Tutte fandonie.

Chemioterapia, radioterapia e interventi chirurgici presentano effetti collaterali ma aiutano a contrastare il tumore e a convivere con la malattia. Si procede con una terapia solo se i pro superano i contro. Dal cancro si guarisce ma il dato non si può generalizzare: se i tumori cerebrali o del fegato hanno ancora elevato esito infausto, la guarigione dalla malattia nel caso di prostata, seno e tiroide, avviene in quasi 9 pazienti su 10. Dieci anni fa gli italiani vivi dopo una diagnosi di tumore erano poco più di 2 milioni, oggi sono oltre i 3 milioni e il dato cresce di circa il tre per cento ogni anno.
Per ulteriori informazioni sulle terapie oncologiche, leggi l'approfondimento che ne spiega le tecniche.

In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale.
Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore.
Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.