NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Insonnia estiva da contrastare

Insonnia estiva da contrastare
11 luglio 2016

Benessere

Una persona su quattro nel mondo soffre di disturbi del sonno più o meno rilevanti. In particolare d’estate il caldo e l’umidità influiscono sull'insonnia, un disagio che può diventare molto fastidioso. Il tema, secondo Michael Perlis, direttore della Scuola di medicina del sonno dell’Università della Pennsylvania, non va sottovalutato “perché con il tempo può diventare cronico e mettere a rischio la salute". Oggi spesso ci si addormenta rapidamente ma dopo poche ore si verifica l’inatteso risveglio, con difficoltà a riprendere sonno. I più fortunati si riaddormentano dopo un’ora, per altri la nottata è già finita. Molti medici attribuiscono il fenomeno a stress e ansia, ma non dimenticano la depressione, le apnee notturne, gli stati di dolore cronico e il reflusso gastroesofageo che possono determinarla.

Quando l'insonnia è figlia del caldo, in estate, ecco i consigli di Perlis: «Evitare il pisolino durante il giorno e mai andare a letto presto nella giornata successiva alla nottata insonne. Sono il rimedio per far tornare le cose a posto». Per scongiurare i risvegli notturni evitare di lasciare luci accese, perché nel mezzo della notte possono influire sui livelli della melatonina e sul ritmo circadiano. Soprattutto spegnere computer e smartphones. Serve anche silenzio assoluto.

Si suggerisce di non guardare la tv nel cuore della notte e di non mangiare in quelle ore perché l’organismo potrebbe adottare l’abitudine sbagliata e ‘risvegliarsi’ le notti successive. Diversi studi scientifici dimostrano che quest’abitudine poco salubre fa ingrassare di più.