Plastica e ambiente: quali sono le conseguenze?

Plastica e ambiente: quali sono le conseguenze?

Alimentazione

Ultimo aggiornamento: 08 giugno 2019

Indice




La Commissione Europea ha approvato la direttiva per regolamentare e vietare l’uso di prodotti di plastica mono-utilizzo al fine di arginare il crescente inquinamento dei mari, causato per oltre l’80% da parte di questi rifiuti. Dal momento che i tempi di decomposizione sono molto lunghi (es.: una bottiglia di plastica impiega fino a 100 anni per degradarsi completamente), la plastica si accumula progressivamente sempre di più in mari, fiumi e spiagge di tutto il Mondo.

Immagine di una tartaruga che nuota nell'acqua vicino a un sacchetto di plasticaA loro volta, i residui di plastica si disperdono nell’ambiente e vengono assunti anche inconsapevolmente da diverse specie animali, come tartarughe marine, foche, balene e uccelli, ma da molluschi, pesci e crostacei. I quali, a loro volta, vengono mangiati dall’uomo.
 
Per evitare dunque che l’inquinamento da plastiche possa peggiorare ulteriormente, l’UE ha approvato la direttiva che prevede di agire seguendo due linee principali: da una parte si vuole ridurre la produzione di prodotti di plastica monouso, dall’altra si vuole incentivare le aziende a riciclare la plastica già esistente per creare nuovi prodotti. Inoltre, i singoli stati dovrebbero lanciare campagne di sensibilizzazione che spingano i cittadini a comportamenti di riutilizzo dei prodotti, oltre che al riciclo e al rispetto per l’ambiente.

Inoltre, si è deciso di applicare il principio della responsabilità estesa del produttore a tutti i prodotti contenenti plastiche: esso prevede che siano proprio le aziende produttrici a occuparsi delle operazioni di riciclaggio, compresi raccolta, trasporto e trattamento.
 
 

I prodotti monouso che saranno vietati

Quali sono dunque i prodotti monouso che saranno rimossi dal commercio?
  • Posate,
  • bastoncini cotonati,
  • piatti,
  • cannucce,
  • miscelatori per bevande e bastoncini per palloncini,
  • assorbenti igienici,
  • salviette umidificate,
  • scatole monouso per hamburger e panini,
  • contenitori alimentari per frutta e verdura, dessert o gelati.
 
Inoltre, la Commissione ha deciso anche di aggiungere all’elenco:
  • sacchetti in plastica leggera,
  • articoli di plastica oxo-degradabili, come sacchetti o imballaggi,
  • contenitori per fast-food in polistirolo espanso.
 
Immagine di una scultura a forma di pesce realizzata mettendo insieme diversi rifiuti di plasticaNon contenti, anche i rifiuti da tabacco, così come i resti di materiali e attrezzatura da pesca sono stati compresi all’interno della direttiva.
Infatti anche i filtri per le sigarette contengono plastica e bisogna ridurre del 50% per il 2025. Un mozzicone di sigaretta impiega 2 anni prima di essere completamente smaltito e può arrivare a inquinare tra i 500 e 1000 litri d’acqua.

Per quanto invece riguarda le attrezzature da pesca, i singoli Stati si devono impegnare a garantire la raccolta almeno del 50% di questi materiali che vengono abbandonati o persi, arrivando a riciclarne il 15% entro il 2025. Proprio queste attrezzature perse in mare rappresentano quasi un terzo dei rifiuti di plastiche ritrovati in ambienti marini.
Legambiente ricorda che questi due rifiuti siano i più frequenti sulle spiagge italiane.

Secondo la Commissione Europea, sono i produttori che, come detto sopra, devono farsi carico delle operazioni per il riciclo dei rifiuti, compresi la raccolta e il trattamento. Inoltre sarebbe utile costruire dei centri di raccolta vicino ai porti, luoghi in cui si ritrovano maggiormente le attrezzature abbandonate.
 
 

Micropalstiche: quali conseguenze per l’uomo?

Come detto inizialmente, la plastica dispersa nell’ambiente viene ingerita da parte degli animali, marini e non, che a volte finiscono anche sulle nostre tavole. Questo vuol dire che le microplastiche potrebbero essere presenti nella catena alimentare umana.
Questa ipotesi è stata confermata dallo studio effettuato su 8 candidati provenienti da Europa, Giappone e Russia dall’Agenzia dell’ambiente austriaca: sono stati ritrovati all’interno delle feci dei soggetti studiati dei residui di polimeri, che potrebbero essere connessi a delle malattie gastrointestinali. Le particelle di microplastiche avevano dimensioni variabili tra i 50 e i 500 micrometri (per essere più chiari, un capello umano è spesso circa 100 micrometri). I residui ritrovati sono di polipropilene, tipico degli involucri di plastica, e polietilene tereftalato, materiale di cui sono fatte le bottiglie di plastica.
 
Immagine di un piatto con dei gamberetti e frutti di mare mistiSecondo il Prof. Philipp Schwabl, ricercatore presso l’Università di Medicina di Vienna, che ha partecipato allo studio sopracitato, questa ricerca dimostra come la plastica sia in grado di raggiungere anche l’intestino umano, passando attraverso il sangue, il sistema linfatico e raggiungendo anche il fegato.

Quali conseguenze può comportare per la salute dell’uomo l’assunzione di microplastiche? Sono necessarie ulteriori ricerche per capire in che modo questi agenti esogeni possano stimolare la risposta immunitaria del sistema digestivo, o come veicolino sostanze tossiche per l’organismo.

È stato provato in precedenza come metalli pesanti e sostanze tossiche disperse nei mari si attacchino spesso alla superficie delle particelle di plastica, trovando così la via indiretta per arrivare sino a noi.
 
Un’ulteriore problematica inerente alla plastica sta nel modo in cui viene riutilizzata dai cittadini: secondo McDowell, professore dell’Università di Ulster, i consumatori non sono in grado di igienizzare adeguatamente tazze, bottiglie e altri contenitori riutilizzabili così come anche usati per il trasporto di alimenti in sacchetti: questo potrebbe arrivare a scatenare un aumento della proliferazione di batteri come Escherichia coliCampylobacter e Listeria, e Norovirus e altri virus di origine alimentare che causano gastroenteriti acute.
 

Parola d’ordine: Riciclare!

In conclusione, è possibile affermare che l’inquinamento causato dai rifiuti plastici nei mari non è solo un problema di tipo ambientale, ma che riguarda direttamente ogni singolo individuo presente sul pianeta, dal momento che le microplastiche sono già presenti nella nostra catena alimentare, o lo saranno molto presto.

Immagine di una ano che raccoglie una bottiglia di plastica da una spiaggiaDunque bisogna perseverare per quanto riguarda la riduzione dei quantitativi di prodotti plastici, incentivare le pratiche di riciclo e riutilizzo corretto di prodotti di plastica: in questo modo non solo si ridurrà l’inquinamento presente, ma si potrà prevenire anche quello futuro.

Infine, tutto questo porterebbe a risultati migliori in tempi più brevi qualora anche i cittadini facessero la loro parte, seguendo comportamenti virtuosi in fatto di riciclo e di buone pratiche civiche, evitando di gettare per terra i mozziconi di sigaretta o di abbandonare bottiglie e involucri di plastica in spiaggia, o in generale nell’ambiente.


 

Riferimenti bibliografici

 
In collaborazione con
Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo

Dove e Come Mi Curo dispone, al suo interno, di un team di lavoro poliedrico e multifunzionale composto da professionisti con diversi background.
Dalla componente scientifica a quella giornalistica ed editoriale, le figure professionali che operano in Dove e Come Mi Curo ogni giorno pianificano e arricchiscono la sezione Notizie del portale. Dalle Curiosità a L’Appuntamento Con passando per gli Approfondimenti Scientifici, ogni contenuto è meticolosamente pensato, creato e divulgato dalla redazione per il suo pubblico, con l'obiettivo di rendere facilmente comprensibili e utili contenuti scientifici e tecnici in ambito medico-scientifico e di approfondire le ultime novità del settore. Oltre ai canali social (di seguito segnalati) ci potete trovare anche su Facebook.
Data di pubblicazione: 08 giugno 2019