Infertilità: quanti conoscono le cause e i rischi dell'età?

Infertilità: quanti conoscono le cause e i rischi dell'età?

Ricerca e Prevenzione

Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2020

Indice

Infertilità, italiani poco consapevoli dei rischi dell'avanzare dell'età

Foto che ritrae una donna stanca e in apprensioneNel nostro Paese, 2 su 10 pensano che la fertilità femminile cominci a calare dai 46 ai 50 anni, mentre la china discendente inizia intorno ai 30 e, passati i 35, la riduzione è già significativa. È uno dei dati emersi da un'indagine commissionata dall'Istituto Valenciano per l’Infertilità (IVI) su 600 uomini e donne tra i 25 e i 44 anni, presentata recentemente a Milano durante la tavola rotonda “Essere Mamma Oggi”.

Nell'occasione si è parlato di com'è cambiata la vita della donna rispetto al passato, di quanto questa è libera di scegliere se e come essere madre e di come affrontare problematiche legate all'infertilità dovuta allo slittamento dell'età in cui si cerca il primo figlio. “In tante, oggi, si trovano a dover posticipare la ricerca di un bambino per scelta o per necessità, perché non hanno ancora raggiunto una stabilità economica o non hanno trovato il partner ideale con cui farlo. È importante che siano consapevoli che la fertilità va esaurendosi col tempo e che passati 5 o 10 anni potrebbero non essere più nelle condizioni biologiche di realizzare questo progetto”, spiega Daniela Galliano, direttrice del Centro IVI di Roma


Una via ancora poco conosciuta per salvaguardare la fertilità

Fotografia che ritrae cibo ricco di antiossidantiPer preservare la fertilità, oltre a seguire alcune regole e far propri corretti stili di vita (proteggersi dalle infezioni a trasmissione sessuale come la Chlamydia e la Gonorrea, rinunciare al fumo, limitare l'alcool, mantenere il proprio peso nella norma, difendersi dalle sostanze inquinanti, scegliere cibi sani con effetti antiossidanti e valutare la propria storia familiare), una possibilità ancora poco nota si chiama social freezing.
“Consiste nel congelamento degli ovociti della donna possibilmente quando la sua fertilità è massima. Questi vengono crioconservati a una temperatura di meno 196 gradi centigradi, operazione che evita la formazione di cristalli di ghiaccio e permette di preservare la qualità dei gameti anche dopo molti anni dal prelievo”, spiega Daniela Galliano. 

L'obiettivo è avere maggiori chance di concepire un figlio in futuro ricorrendo alle procedure di procreazione medicalmente assistita, qualora non si riuscisse ad avviare una gravidanza spontaneamente. “Sono molte, infatti, le donne che oggi decidono di mettere su famiglia in tarda età, anche raggiunti i 40 anni, continua la direttrice. A questo punto, però, le probabilità di concepire si riducono drammaticamente anche avvalendosi delle tecniche di procreazione medicalmente assistita. Da qui la necessità di poter contare su ovociti di qualità “messi in sicurezza” in giovane età.
 
Quanto costa crioconservare gli ovociti
“Le spese si aggirano intorno ai 2mila euro”, spiega Daniela Galliano. Nel nostro Paese, sono a carico della coppia.
Per quante sono costrette a sottoporsi a cicli di chemioterapia o ad altre terapie che mettono in pericolo la fertilità, invece, sono coperte dal Sistema Sanitario Nazionale.

Cosa emerge dall'indagine commissionata da IVI

Riguardo ai fattori da correlare all'infertilità
Gli intervistati indicano, in primis, il fumo, mentre 6 su 10 riconoscono, tra gli elementi implicati, età e alcool. Sottostimati risultano, invece, gli effetti negativi di anoressia e obesità, degli agenti inquinanti e delle malattie sessualmente trasmesse
Le donne sono più informate rispetto agli uomini, specialmente quelle con un'età compresa tra i 30 e i 34 anni (sul livello di consapevolezza incide il grado di scolarità).
 
In merito all'età d'inizio del calo della fertilità femminile
La maggioranza del campione la colloca tra i 36 e i 45 anni; il 13% ritiene che cominci dai 30-35 anni, il 17% dai 46 ai 50 anni e l'11% dopo i 50 anni (in misura superiore gli uomini). 
 
Quanto alla quota di coppie che non riescono ad avere figli
Il 27% non ha idea di quante siano; 3 su 10 ritengono che la percentuale si aggiri intorno al 10-15%; altrettanti pensano che si collochi tra il 20% e il 30%. In media, le persone credono che le coppie che non riescono ad avere figli siano il 19%, ma le donne e gli over 40 hanno una percezione del fenomeno più ampia
 
Sull'eventualità che il figlio non arrivi naturalmente
Il 49% degli intervistati afferma che ricorrerebbe all’adozione, il 48% alla fecondazione assistita e il 5% all’utero in affitto. Chi non ha ancora avuto figli indica in misura superiore alla media, come via preferenziale, la fecondazione assistita, mentre chi ha già figli l’adozione. Tra coloro che ipotizzano il ricorso alla fecondazione assistita, il 37% accetterebbe anche la via della donazione eterologa (le donne in misura maggiore rispetto agli uomini, in particolare i 25-29enni). 
 
Quanto all'opportunità di ricorrere alla donazione di gameti
Tra gli intervistati, 4 su 10 si dicono aperti a questa possibilità; 2 su 10 sono propensi ma solo in casi particolari; meno di 2 su 10 si dichiarano contrari; oltre 2 su 10 non sanno esprimere un parere. 
 
Immagine che ritrae un kit di crioconservazioneRiguardo al social freezing 
Il 74% dei 25-44enni dichiara di aver sentito parlare della tecnica, ma il livello d'informazione è differente: il 37% l’ha solo sentita nominare ma non sa se si pratichi in Italia; il 20% sa che esiste ma pensa che non vi si possa accedere nel nostro Paese; solo il 17% sa che rappresenta una possibilità anche sul nostro territorio. 

In merito alla crioconservazione degli ovociti, il 23% ne giustifica il ricorso per motivi professionali; una quota decisamente più ampia approva la tecnica solo nel caso la donna debba sottoporsi a terapie o a interventi chirurgici che rischiano di renderla sterile. Le opinioni di donne e uomini sono quasi sempre coincidenti, a eccezione dell'eventualità della menopausa precoce: il campione femminile, in questo caso, è maggiormente aperto al ricorso alla crioconservazione dei gameti. La motivazione legata al compimento del percorso professionale, invece, è sostenuta in misura maggiore dai più giovani.

Nel caso in cui una donna abbia crioconservato i suoi ovociti e a distanza di tempo li voglia utilizzare per diventare madre, il 52% ritiene che debba essere libera di farlo a prescindere da qualsiasi valutazione; il 18% non sa esprimere un’opinione al riguardo; una quota tra il 10% ed il 20% approva la decisione solo in presenza di alcune condizioni: la salute, un'età adeguata e la stabilità di coppia

Complessivamente la crioconservazione (anche nello specifico del social freezing), è considerata dalla maggior parte degli intervistati una scelta non egoista, sicura per il nascituro e per la madre e indolore, ma costosa e innaturale

Sulla propensione alla pratica della crioconservazione, il 42% prenderebbe in considerazione questa opzione, il 28% no, mentre il 30% è indecisa.
I Centri di Procreazione Medicalmente Assistita sono noti a poco meno della metà del campione, soprattutto alle donne e ai più giovani. 
 
Riguardo alle paure legate alla maternità 
In cima ai timori campeggia la questione economica, a cui si associa la preoccupazione di trovare e mantenere il lavoro. Poi ci sono le insicurezze personali relative alle proprie capacità di crescere un figlio

I limiti dettati dalla carriera riguardano solo il 6% degli intervistati, in particolare sono indicati da chi ha già figli ma ne vorrebbe altri. 

 
In collaborazione con
Michela Crippa

Michela Crippa

Giornalista professionista, da oltre dodici anni mi occupo di giornalismo medico-scientifico per le riviste e i siti del Gruppo Sfera (Rizzoli) scrivendo principalmente di salute e alimentazione. Ho lavorato come redattore presso il mensile "Donna e Mamma" e oggi curo la rubrica delle news in primo piano di "Io e il Mio Bambino" e realizzo reportage sulle strutture ospedaliere per la sezione viaggi nei centri di eccellenza. Inoltre lavoro come addetta stampa del portale Dove e Come Mi Curo.
Data di pubblicazione: 10 gennaio 2020
Installa subito l'APP di
Logo dove come mi curo it e resta sempre aggiornato!