NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Giochi gonfiabili, i pericoli sottovalutati

Large dcmc 428
14 maggio 2017

Mamma e Bambino

Non solo soffocamento o rischio che si sgonfino all’improvviso, mettendo in difficoltà i bambini: i giochi gonfiabili possono contenere sostanze potenzialmente pericolose


Con le belle giornate di sole è facile che tutta la famiglia si regali un week end al mare, al lago, nella piscinetta già aperta vicino a casa. Braccioli, canotti e palloni colorati fioriscono in edicole e negozi di giocattoli o anche sulle bancarelle del lungomare e diventano subito gli oggetti dei desideri dei nostri piccoli che li indicano e li richiedono, stregati dal colore, dalle dimensioni, dal fatto stesso che parlano di estate e di libertà. È bene però prestare un po’ di attenzione, perché questi oggetti così affascinanti possono contenere sostanze nocive.

I ricercatori Christoph Wiedmer e Andrea Buettner del Fraunhofer Institute for Process Engineering and Packaging in Germania, hanno svolto uno studio poi pubblicato sulla rivista Analytical and Bioanalytical Chemistry (ABC) analizzando i componenti di giochi gonfiabili comunemente venduti nei supermercati, nelle edicole o on-line. Gli esperti hanno scoperto che la presenza di sostanze come i composti carbonilici, i chetoni come il cicloesanone, l’isoforone, sono spesso responsabili dell’odore particolare che si avverte dai giochi gonfiabili. Queste sostanze, a differenza del PVC (polivinil-cloruro) sono potenzialmente nocive. I ricercatori hanno condotto le analisi con prove chimiche: salvagente, braccioli, palloni sono stati sciolti per dividere il PVC dalle altre sostanze, grazie all’uso di solventi e di altri reagenti.

Purtroppo nella filiera di produzione è facile che il PVC venga contaminato. Spiegano gli esperti.
 
Allora che fare? L’odore può aiutare a riconoscere queste sostanze. Se il gioco ha un odore di plastica troppo forte e sgradevole, potrebbe essere pericoloso.