Gastrite: 10 consigli utili

Gastrite: 10 consigli utili
21 settembre 2017

Benessere

La gastrite è una patologia dovuta a un processo infiammatorio della mucosa gastrica. Un disturbo diffuso in tutto il mondo, soprattutto nelle società civilizzate occidentali, che colpisce persone con età superiore ai 30 anni.

I sintomi della gastrite sono rappresentati da bruciori e crampi allo stomaco, reflusso gastroesofageo, alito cattivo, nausea, dolore e pesantezza nella parte intorno allo sterno, senso di indigestione. Naturalmente a seconda di una gastrite acuta o cronica vi sono anche altre sintomatologie, come disturbi intestinali, tachicardie, asma e nei casi più gravi generare il sanguinamento o l’ulcera allo stomaco.

Le cause della gastrite devono essere ricercate in comportamenti alimentari sbagliati, fumo, alcool, nello stress o problematiche psicologiche, nella mancanza di attività sportiva e nella presenza di virus nello stomaco. Relativamente a quest’ultima causa, la patologia può essere scatenata dall’Helycobacter Pylori, un batterio molto difficile da trattare e altamente resistente agli antibiotici. Chi soffre di gastrite deve rivolgersi ad un medico, che gli farà fare esami opportuni per valutare la gravità della malattia e prescirverà farmaci contro l'acidità di stomaco. Inoltre, ecco dei consigli utili per attenuare i sintomi.
 

Alimenti da preferire per evitare il reflusso stomaco


Se le cause del bruciore di stomaco dipendono da abitudini alimentari sbagliate, una dieta sana, studiata per ridurre le secrezioni acide che generano l’infiammazione delle mucose, consente di prevenire e attenuare i disturbi della gastrite.
I cibi da preferire sono rappresentati da: pane ben cotto, fette biscottate, pasta, riso, cereali, latte ad alta digeribilità, formaggi freschi non fermentanti, uova, frutta fresca o cotta, carne bianca, olio, burro, pesce magro.
 

Eliminare gli alimenti che provocano bruciore di stomaco


La dieta di coloro che soffrono di gastrite non deve contenere cibi che alterano l’equilibrio gastrico. Infatti, sono da eliminare gli alimenti che provocano bruciore di stomaco, rappresentati da: pane fresco con mollica poco cotto, alimenti a base di farine integrali e di segale, i legumi interi, il latte freddo e i formaggi stagionati, carne e pesce grassi, salumi, verdure crude, frutta secca, vino, alcolici, bevande gassate, succhi di frutta acidi, dolci, creme, cioccolato, gelati, spezie piccanti, aceto, spezie, menta, crostaci e brodi di carne.
 

Cotture senza grassi


La cottura dei cibi, soprattutto di carne e pesce deve avvenire senza l’uso di grassi. Olio, burro o margarina se utilizzati per friggere possono avere conseguenze dannose per lo stomaco e acutizzare la gastrite.
Quindi, meglio preferire cibi bolliti, cotti al forno, alla griglia o lessi, magari ricorrendo a qualche spezia per esaltarne il gusto.
 

Caffè stomaco un binomio da evitare


Il caffè deve essere bandito dalle diete di chi soffre di acidità di stomaco. Infatti, la caffeina può aumentare la secrezione gastrica e accentuare il bruciore di stomaco.
 

Centrifugati e infusi contro la gastrite


Centrifugati di carote e finocchi sono un valido rimedio naturale per difendersi dall’acidità di stomaco.
Mentre per favorire la digestione sono perfetti gli infusi di liquirizia, mentre per calmare le infiammazioni e lenire i dolori si può ricorrere alla camomilla o alla malva.
 

Limone e zenzero


Il succo di limone ha un elevato potere alcalinizzante sull’organismo e contribuisce a regolare il ph dello stomaco. Bere un bicchiere di acqua e limone la mattina a stomaco vuoto, è un valido rimedio naturale per neutralizzare l’acidità gastrica e quindi prevenire i dolori di stomaco dovuti alla gastrite.
Un altro consiglio è quello di masticare un pezzo di zenzero fresco prima dei pasti, per stimolare la digestione e prevenire le infiammazioni della mucosa gastrica.
 

Riflessologia plantare per allievare stress


La gastrite spesso è causata da stress o nervoso, trattamenti legati ai meridiani energetici possono contribuire a ristabilire l’equilibrio e con effetti positivi sulle funzionalità dei vari organi, tra cui lo stomaco.
La riflessologia plantare è una delle tecniche non invasive, utili a far ritrovare il benessere del corpo e alleviare i sintomi della gastrite.
 

Attività fisica


L'attività fisica, camminata, aerobica, ciclismo o nuoto, hanno effetti benefici contro la gastrite. Favoriscono il corretto funzionamento dell'organsimo e sopratutto dell'intestino, contrastando la stitichezza e altri sintomi.