NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Frutta secca, antidoto formidabile

Large dcmc 314
09 gennaio 2017

Alimentazione

Non sono poche le valenze positive di noci e frutta secca in guscio, se questi alimenti sono consumati ogni giorno con moderazione: ci proteggono da tumori, malattie coronariche, patologie respiratorie, diabete e obesità. Lo conferma uno studio pubblicato condotto da ricercatori ed esperti dell’Imperial College di Londra e della norvegese University of Science and Technology. L'indagine ha preso in considerazione oltre 800 mila soggetti (ambosessi) e valutato 12 mila casi di patologia coronarica, 9 mila di ictus e 18 mila tra patologie cardiovascolari e cancro, nonché 85 mila decessi.

Il responso dello studio è netto: 20 grammi quotidiani di frutta secca in guscio – soprattutto noci, nocciole e arachidi – concorrono alla riduzione della probabilità di ammalarsi di cuore (-30%), di tumore (-15%), di morte prematura (-22%). Meno evidenti, nella medesima dose giornaliera, i rischi di ammalarsi di diabete o di patologie respiratorie.

Questi alimenti, gustosi e apprezzati a tutte le latitudini, sono un antidoto formidabile, in particolare sul fronte della prevenzione, per i loro nutrienti: noci e arachidi sono ricchi di fibre, magnesio e grassi polinsaturi che abbattono il rischio di malattie cardiovascolari oltre a ridurre i livelli di colesterolo. Soprattutto le noci e le noci pecan abbondano in antiossidanti, in grado di contrastare lo stress ossidativo ed eventualmente ridurre il rischio di cancro. E il rischio di obesità, malgrado l’alto tasso di grassi contenuti nella frutta secca, è ridotto per la concomitante presenza di proteine e fibre.

Il ruolo non va però equivocato: non dobbiamo considerare noci e nocciole come farmaci, la frutta secca in guscio rappresenta il marcatore di uno stile alimentare, cioè l’indicatore di una dieta selezionata: chi mangia regolarmente frutta secca sostituisce con questo alimento merendine, biscotti e dolci.