Curiosità

In questa sezione potrai consultare le curiosità riguardanti il mondo della salute e della sanità. Un’informazione semplice e alla portata di tutti per informarsi velocemente e rapidamente sulle ultime novità, innovazioni e tanto altro per restare sempre aggiornati.

Fortificati contro lo stress

Fortificati contro lo stress
18 novembre 2016

Benessere

Un’ottima forma fisica riduce gli effetti negativi dell’ambiente di lavoro


Lo stress che si produce sul lavoro ci guasta la vita, pregiudica il nostro equilibrio psicologico, incrementa i sintomi depressivi e aumenta i fattori di rischio cardiovascolare (pressione alta e incremento del colesterolo cattivo), ma può essere efficacemente contrastato se si è in buona forma fisica. Lo ha accertato uno studio elvetico-svedese comparso sulla rivista Medicine and Science in Sports and Exercise. Secondo l’indagine beneficiano di un ottimo livello di forma fisica proprio i professionisti che vivono lo stress sul lavoro a livelli elevati.

Sotto esame quasi 200 soggetti svedesi (51% uomini, 39 anni la loro età media) che si sono sottoposti a test da sforzo al cicloergometro. Oltre all’elettrocardiogramma mentre pedalavano hanno consentito altre misurazioni: pressione arteriosa, indice di massa corporea, colesterolo, trigliceridi ed emoglobina glicata. E’ stato poi loro richiesto di raccontare come percepivano lo stress e a parità di sensazioni si è rilevato che vi sono notevoli differenze tra gli individui in base alla forma fisica, se questa è carente, media oppure elevata. Inoltre molto si riflette sulla salute cardiovascolare: con livelli di stress elevati i valori di colesterolo LDL vanno ben oltre il limite nei soggetti poco più che sedentari, ma si mantengono nella norma in chi gode di un'ottima forma fisica. Nel caso opposto, bassa esposizione allo stress, vi sono differenze di scarso rilievo.

Una morale la suggerisce il professor Markus Gerber dell'Università di Basilea: «E’ un’Indagine di grande interesse perché quando le persone sono stressate tendono a rinunciare all’attività fisica mentre dovrebbero praticarla, per gli indubbi vantaggi che ne derivano e di cui non sono consapevoli».