NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Consigli per dormire quando l’afa infuria

Consigli per dormire quando l’afa infuria
14 agosto 2016

Benessere

Caldo afoso e umidità, soprattutto in città, sono una costante estiva, con influenza sulla qualità del sonno, ma ci sono accorgimenti utili ad agevolare il riposo notturno. Vediamo i principali, a partire dal futon, il tipico letto giapponese. Dormire vicini a terra è un’opzione utile perché l’aria calda tende a salire. Chi soffre per le gambe gonfie può ulteriormente appoggiarle su un cuscino per favorire la circolazione. Nulla vieta di riposare sul pavimento, se la schiena e le ossa lo tollerano. Anche le estremità, aiutano a contrastare l’insonnia: bagnarsi mani e braccia o ricorrere a un pediluvio può aiutare a regolare la temperatura, ma una doccia tiepida è ancora il rimedio migliore perché l’effetto rinfrescante è più duraturo.

Anche il cibo concorre, c’è chi consiglia alimenti un po’ piccanti per favorire la sudorazione, come si usa da sempre in Messico. Ma ci sono controindicazioni perché il peperoncino stimola la vasodilatazione e aiuta a dissipare il calore, ma aumenta nel contempo la temperatura corporea. La sudorazione è una reazione spontanea dell’organismo per la termoregolazione, non serve accelerare questo processo. Il consiglio anti-caldo, invece, è quello di mangiare leggero.

Il refrigerio alimentare è una buona opportunità, anche se bisogna evitare bevande troppo fredde. Il gelato funziona ma certo non dopo aver giocato mezz’ora sotto il sole a picco in spiaggia, con rischio di congestione. Più opportuna una fetta d’anguria rispetto a un cono gelato perché contiene acqua, vitamine e sali minerali, utilissimi.