Curiosità

In questa sezione potrai consultare le curiosità riguardanti il mondo della salute e della sanità. Un’informazione semplice e alla portata di tutti per informarsi velocemente e rapidamente sulle ultime novità, innovazioni e tanto altro per restare sempre aggiornati.

Codice Argento: come si organizzeranno i pronto soccorsi

Codice Argento: come si organizzeranno i pronto soccorsi
10 luglio 2017

Ricerca e Prevenzione

Sappiamo già che l’età media della popolazione è destinata ad aumentare. Cosa significa? Semplicemente ci saranno sempre più anziani, a fronte di una popolazione giovane stabile (guarda anche Cosa succederà fra 65 anni).

In quest’ottica è naturale che l’attenzione verso la cura dell’anziano aumenti. Per questo è nato il progetto Codice d’Argento, in sperimentazione nei pronto soccorso bresciani, che includerà oltre ai codici bianco, verde, giallo e rosso anche uno speciale codice per pazienti fragili.
L’obiettivo è ridurre i tempi di attesa per chi ha più di 75 anni, che avrà la precedenza a chi ha lo stesso codice di priorità, e la presa in carico mirata dei pazienti fragili. Per questi pazienti infatti, oltre al trattamento del problema acuto che li ha portati in pronto soccorso, saranno monitorati anche altri fattori come la condizione sociale e quella famigliare e la presenza di malattie croniche. Tutto ciò per garantire la sopravvivenza in condizioni di minor disabilità e dipendenza e di minore dolore possibile.
 

Come si assegnerà il bollino argento?


Come per gli altri codici, viene dato dall’infermiere addetto al triage, anche in base a una serie di domande da rispondersi con un sì/no e a una griglia di valutazione. Qualche esempio. Ha compiuto 75 anni? E’ già venuto in pronto soccorso negli ultimi 6 mesi? E’ stato ricoverato in ospedale negli ultimi 6 mesi? Ha bisogno di qualcuno che gli prepari o somministri le medicine? Riesce a camminare da solo? Riesce ad alzarsi dal letto da solo?

Nel 2015 nel territorio dell’ATS di Brescia ha registrato oltre 77mila ricoveri di ultra sessantacinquenni, pari a quasi il 45% del totale. Inoltre con l’aumentare dell’età diventa più frequente il ricovero in ospedale per chi arriva in pronto soccorso. Questa frequenza supera il 50% tra chi ha più di 90anni