NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Un boccone di traverso

Un boccone di traverso
19 dicembre 2016

Mamma e Bambino

Per fronteggiare le morti da soffocamento occorre istruire i familiari dei piccoli che possono esserne vittime


Basta un boccone di cibo che va “di traverso", finisce nelle vie respiratorie invece di prendere la strada giusta, verso l’apparato digerente. Idem per un pezzetto di un giocattolo casualmente ingerito e finito nell’apparato sbagliato. Il piccolo tossisce, cerca disperatamente di reindirizzare quel boccone, mentre gli adulti si prodigano con colpi spasmodici sulle spalle, a volte lo mettono a testa in giù per aiutarlo. picchiettandogli le spalle. Purtroppo spesso lo sforzo è vano, con esiti tragici.

E’ sufficiente riferire che nella fascia 0-4 anni il 27% delle morti “accidentali" dipende da queste “fatalità". Nelle fasce d’età 5–9 anni e 10–1, la percentuale di morti per soffocamento diminuisce (11,5% e 4,7%), ma rimane comunque elevata.

Per prevenire questi eventi tragici è stato deciso di insegnare a genitori, nonni , insegnanti e bambini le manovre da attuare in caso di ostruzione delle vie respiratorie in presenza di un corpo estraneo: se ne occupa la Società di Medicina di Emergenza ed Urgenza Pediatrica (SIMEUP) che organizza giornate di prevenzione in tutta Italia denominate “Una manovra per la vita", impiegando manichini per illustrare i comportamenti da attuare in emergenza.