Curiosità

In questa sezione potrai consultare le curiosità riguardanti il mondo della salute e della sanità. Un’informazione semplice e alla portata di tutti per informarsi velocemente e rapidamente sulle ultime novità, innovazioni e tanto altro per restare sempre aggiornati.

"Bandiera Azzurra": cos'è e come ottenerla?

"Bandiera Azzurra": cos'è e come ottenerla?
14 ottobre 2017

Benessere

Bandiera Azzurra: cos'è?


Un nuovo progetto dal 4 ottobre 2017 sta per coinvolgere molte città e comuni italiani all'insegna dello sport e della salute, si tratta del riconoscimento Bandiera Azzurra. Un'iniziativa voluta per mobilitare tutte quelle persone che non svolgono regolarmente attività fisica ma che sono disposte a camminare e correre per i borghi o per i giardini delle città in compagnia. Per questo è prevista una stretta collaborazione tra Fidal e ANCI che si occuperanno di realizzare manifestazioni sportive aperte a tutti, praticanti e non, donne e bambini, anziani e anche persone con disabilità. Non significa però che per ottenere la Bandiera Azzurra sia sufficiente organizzare qualche competizione durante l'anno, anzi la città che mira a questo riconoscimento dovrà offrire agli sportivi degli spazi dedicati per lo svolgimento delle quotidiane corse o passeggiate oppure delle piste ciclabili sicure per gli amanti della bicicletta.


La nascita e la finalità della Bandiera Azzurra


La Bandiera Azzurra nasce per volere di Maurizio Damilano, un azzurro campione olimpico e mondiale di marcia, che ha deciso di promuovere lo sport in tutte le città italiane che vorranno aderire al progetto. Non manca l'attenzione verso la salute, uno dei principali obiettivi, infatti l'attività sportiva è finalizzata proprio a migliorare le condizioni delle persone facendo trascorrere più tempo all'aperto possibilmente in spazi verdi e lontani dall'inquinamento.
 

Come fare per ottenere il riconoscimento Bandiera Azzurra


Le città e i comuni interessanti a fregiarsi della Bandiera Azzurra devono dimostrare di porre la giusta attenzione sulle problematiche legate a chi fa sport in strada o nelle piazze.
L'interesse verso i cittadini è fondamentale e tutta l'amministrazione comunale dovrebbe porsi come garanzia e migliorare qualitativamente gli spazi da destinare all'attività motoria. Bisogna dimostrare, infatti, di aver capito a fondo l'importanza di questo progetto per riuscire ad ottenere la bandiera. Oltre a questo, è necessario che vengano destinate delle aree alla corsa, alle passeggiate e alle biciclette senza ostacoli e possibilmente sfruttando le zone verdi della città. Difficilmente le città che mettono a disposizione solamente strade asfaltate e trafficate potranno ottenere il riconoscimento, verranno infatti preferite quelle che destinano per l'occasione i parchi e i giardini promuovendo lo sport in un ambiente salutare e non inquinato.
Un requisito importante per guadagnarsi la Bandiera Azzurra è organizzare regolarmente manifestazioni sullo sport e sulla salute a cui possa aderire tutta la cittadinanza. Questo è un punto essenziale perché serve ad avvicinare le persone al progetto e ad illustrare quali vantaggi possano derivare dallo svolgimento dell'attività fisica anche in modo amatoriale. Per adempiere a questo obiettivo l'amministrazione comunale deve dimostrarsi interessata e coinvolgere, magari, anche le associazioni sportive locali.
L'ultimo requisito è riuscire a garantire la possibilità di svolgere una corsa o una passeggiata quotidiana a tutti coloro che non riescono a non indossare le scarpe ginniche e uscire a fare sport.
 

Quali sono le città italiane ad avere il riconoscimento Bandiera Azzurra


Essendo il progetto della Bandiera Azzurra appena sorto, non ci sono ancora città italiane che possono fregiarsi di questo titolo, tuttavia sono molte le candidate che ambiscono a diventare dei punti fondamentali per lo sport e per l'attenzione verso la salute.
Tuttavia ci sono numerosi comuni che stanno dimostrando di poter godere di un riconoscimento che, probabilmente, avverrà a breve dato il notevole impegno profuso.
Per ora sono state premiate alcune città come Roma, Torino, Vicenza, Pesaro, Bari e Milano, ma si pensa che in futuro anche le piccole realtà decidano di impegnarsi in questo progetto favorendo lo sport anche nei paesi e non solo nelle metropoli maggiori.