Artrosi anca, ginocchio e spalla: quando va operata? Intervista a Villa Laura di Bologna

Artrosi anca, ginocchio e spalla: quando va operata? Intervista a Villa Laura di Bologna

Ricerca e Prevenzione

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2019

L’artrosi dell’anca, del ginocchio e della spalla: quando è necessario operare?

Intervista al Dott.Luca Arfilli, Direttore Sanitario dell'Ospedale Privato Accreditato Villa Laura di Bologna


Artrosi Spalla Un dolore intenso che colpisce il ginocchio, l'anca o la spalla e che limita le normali attività quotidiane. Può trattarsi di artrosi, malattia degenerativa che erode progressivamente la cartilagine, il tessuto che riveste la parte terminale delle ossa. Quando la funzionalità delle articolazioni è compromessa e il dolore importante può rendersi necessaria l’operazione chirurgica.

Per chi è indicato l’intervento di artroprotesi?
Le condizioni patologiche che più frequentemente conducono a un’indicazione all’intervento di sostituzione protesica sono quelle associate alla patologia degenerativa artrosica, più comune tra gli anziani. Tuttavia, anche i giovani, specialmente gli sportivi, possono esserne colpiti. Presso la Casa di Cura Villa Laura molti ortopedici si avvalgono di tecniche mini-invasive e “conservative” che, tra gli altri vantaggi, consentono una ripresa più rapida.

In quali ambiti la Casa di Cura Villa Laura rappresenta un punto di riferimento per il territorio?
Secondo un'analisi retrospettiva dei dati di attività, la clinica ha raggiunto livelli di eccellenza oltre che nella chirurgia ortopedica, nelle branche oculistica, ginecologica e flebologica (ramo della medicina che si occupa della diagnosi e del trattamento delle patologie venose), per cui richiama pazienti da tutta Italia. Quanto all’ortopedia, si eseguono tutti i tipi d’intervento in regime di elezione (ricovero programmato). In quest’ambito il presidio rappresenta un consolidato punto di riferimento, in particolare, per la chirurgia del ginocchio, dell’anca e del piede, senza dimenticare la chirurgia della spalla, del gomito e della mano. Nel 2018, sono stati eseguiti 800 interventi per protesi di ginocchio, 220 per protesi d’anca, 160 per protesi di spalla e 70 per protesi di caviglia.
Scopri i servizi dell'Ortopedia e Traumatologia di Villa LauraScopri i servizi dell'Oculistica di Villa LauraScopri i servizi di Ginecologia di Villa LauraScopri i servizi di Angiologia di Villa Laura

Villa Laura - Lica Arfilli
Qual è il percorso che conduce all’operazione e che tipo di riabilitazione è prevista successivamente?

I pazienti che necessitano di un intervento di artroprotesi si rivolgono inizialmente ai nostri medici specialisti ortopedici. Successivamente, in base allo specifico caso clinico, il paziente viene avviato ad un accurato iter diagnostico (radiografia, risonanza magnetica, ecografia).

In un’ottica di massima sicurezza e qualità delle cure, a tutti i candidati all'intervento chirurgico viene fatto anche un check up cardiologico ed internistico (in cui viene valutato lo stato di salute nel suo complesso). Una volta che il paziente è ritenuto idoneo all’intervento, viene operato. Subito dopo l’intervento di artroprotesi, il paziente viene seguito dall’équipe medica e dal fisioterapista per una corretta riabilitazione post-operatoria che permetta di recuperare velocemente la massima efficienza.

In cosa consiste la chirurgia artroscopica?
È una procedura che permette di visualizzare le strutture articolari e d’intervenire con un’incisione cutanea minima. Ciò comporta una ripresa più rapida nel post-operatorio ed un minor rischio di complicanze. Nella nostra clinica, la tecnica artroscopica viene utilizzata oltre che per la chirurgia del ginocchio, anche per gli interventi sull’anca, sulla caviglia, sulla spalla e sul polso.

Quali sono le novità della ricerca?
Un campo in cui i nostri professionisti sono impegnati è quello della chirurgia rigenerativa mediante l’utilizzo di cellule staminali. Le prospettive sono molto affascinanti per la possibilità di arrivare alla vera e propria rigenerazione di strutture anatomiche degenerate. A tal proposito, un’area di interesse è proprio quella delle patologie della cartilagine (condropatie).
In collaborazione con
Michela Crippa

Michela Crippa

Giornalista professionista, da oltre dodici anni mi occupo di giornalismo medico-scientifico per le riviste e i siti del Gruppo Sfera (Rizzoli) scrivendo principalmente di salute e alimentazione. Ho lavorato come redattore presso il mensile "Donna e Mamma" e oggi curo la rubrica delle news in primo piano di "Io e il Mio Bambino" e realizzo reportage sulle strutture ospedaliere per la sezione viaggi nei centri di eccellenza. Inoltre lavoro come addetta stampa del portale Dove e Come Mi Curo.
Data di pubblicazione: 27 novembre 2019