Aritmia ventricolare: l'efficacia della protonterapia

Aritmia ventricolare: l'efficacia della protonterapia

Indice


L’aritmia ventricolare si può curare con un fascio di protoni. L’efficacia di questa nuova cura (protonterapia) è stata provata in un intervento eccezionale che è stato realizzato, per la prima volta al mondo a Pavia, in un paziente di 73 anni.

Pochi giorni dopo l’irradiazione, l’uomo è tornato a casa senza il pericoloso battito irregolare che gli altri trattamenti non avevano risolto. La tecnica innovativa è stata messa a punto alla Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia ed eseguita al CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, uno dei 6 centri al mondo dotati di acceleratori capaci di generare fasci di protoni e ioni carbonio. Di solito questa speciale irradiazione è utilizzata per la cura dei tumori resistenti alla radioterapia e non operabili. Anche per l’impiego di questa apparecchiatura per un problema cardiaco rende unico l’intervento italiano. 

Consulta le migliori strutture per Radioterapia:
I migliori ospedali per Radioterapia

Cos’è l’aritmia ventricolare

Quando il cuore, all’interno del ventricolo, genera impulsi elettrici non sincronizzati, si manifesta un’aritmia ventricolare.
Il movimento non sincronizzato delle fibre muscolari riduce l’efficacia della pompa cardiaca, ma può anche innescare una serie di scariche elettriche che portano all’arresto del battito e morte. Per fermare l’aritmia è necessario intervenire sulla parte del cuore dove si generano gli impulsi anomali. “In genere l’approccio farmacologico, la chirurgia e la radiofrequenza sono efficaci nel contrastare l’aritmia” spiega il dottor Roberto Rordorf, responsabile dell’Unità di Aritmologia della UOC Cardiologia del Policlinico San Matteo, diretta dal dottor Luigi Oltrona Visconti. “In questo caso particolarmente grave, tuttavia, queste soluzioni terapeutiche si sono rivelate inefficaci e si è reso necessario un intervento diverso”, prosegue Rordorf.

Perché l’adroterapia

Immagine che raffigura un ecocardiografiaL’adroterapia con protoni, forma avanzata di radioterapia per la cura dei tumori, è stata considerata per il trattamento di una patologia cardiaca proprio per la necessità di contrastare una forma particolarmente aggressiva di aritmia ventricolare che non aveva risposto efficacemente sia ai trattamenti tradizionali sia a quelli più avanzati  - varie associazioni di farmaci, ablazione (eliminazione invasiva tramite radiofrequenza e denervazione, cioè chirurgia toracica sul sistema nervoso cardiaco) e che determinava nel paziente continue e pericolose alterazioni del ritmo cardiaco.

La radioterapia era già stata impiegata in particolari e rari casi di aritmia, ma erano stati impiegati solo fotoni. Fino a oggi l’utilizzo di particelle pesanti (protoni, ioni carbonio) in questo ambito era documentato nella letteratura scientifica internazionale solo su modelli animali. Questa volta i medici hanno deciso di procedere con i protoni per l’altissima precisione con cui il fascio di protoni possono colpire in modo mirato la porzione del cuore responsabile dei battiti cardiaci irregolari e con un ridottissimo impatto sui delicati tessuti circostanti

Gli esperti del San Matteo e CNAO hanno identificato la porzione di cuore da colpire con l’utilizzo di mappature ad alta definizione dell’attivazione cardiaca che sono state integrate con immagini TAC (tomografia assiale computerizzata). Se la radioterapia convenzionale utilizza raggi X o elettroni, l’adroterapia prevede principalmente l’uso di protoni o ioni carbonio.
I protoni sono 2000 volte più pesanti degli elettroni utilizzati nella radioterapia tradizionale ai raggi X e hanno la caratteristica di rilasciare la loro energia in prossimità della massa tumorale risparmiando i tessuti sani circostanti. Proprio per queste caratteristiche sono molto indicati per il trattamento di tumori non asportabili chirurgicamente e resistenti ai raggi X, quali per esempio i melanomi oculari, i tumori solidi pediatrici, i tumori del tronco encefalico e del midollo, i tumori dell’occhio e i tumori affetti da sindromi genetiche.
La riduzione degli effetti collaterali che si ottiene grazie alla protonterapia è particolarmente importante nei pazienti giovani perché riduce in modo considerevole il rischio di sviluppare tumori secondari negli anni successivi alle cure.

Consulta le migliori strutture per TAC (tomografia computerizzata) del cuore:
I migliori ospedali per TAC (tomografia computerizzata) del cuore

Il caso clinico

Immagine che raffigura uomo con problemi di cuoreIl paziente, di 73 anni, affetto da una grave forma di cardiomiopatia dilatativa è stato trasferito a Pavia da un ospedale milanese dove era ricoverato per aritmie ventricolari e ripetuti arresti cardiaci.
L’Unità di Aritmologia della Cardiologia della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo è un punto di riferimento per il trattamento delle aritmie ventricolari mediante l’utilizzo di ablazione invasiva per via percutanea - procedura in cui attraverso un catetere si inserisce nel cuore uno strumento per ablare (distruggere selettivamente) la parte di cuore da cui hanno sede i circuiti elettrici anomalie - uno dei pochi centri al mondo dove viene effettuata la denervazione cardiaca per via toracoscopica (l’intervento chirurgico di asportazione delle strutture nervose che controllano il cuore) per il trattamento dei pazienti a rischio di morte improvvisa.

Il paziente, su richiesta del Policlinico San Matteo di Pavia, è stato sottoposto al trattamento di adroterapia con protoni, eseguito al CNAO in un’unica seduta in cui un fascio di protoni ha colpito il tessuto in cui aveva origine dell’aritmia. L’intervento, approvato dal Comitato etico del Policlinico San Matteo, cui anche il CNAO fa riferimento, si è reso necessario in virtù delle gravi condizioni del paziente, affetto da gravi aritmie ripetitive, e del fatto che i trattamenti per le aritmie (farmaci, ablazione invasiva e denervazione cardiaca) non erano stati efficaci. Dopo l’intervento il paziente è stato tenuto sotto stretto monitoraggio presso l’unità di terapia intensiva cardiologica (UTIC) senza che si siano verificate recidive dell’aritmia trattata e senza ulteriori episodi di arresto cardiaco. Il paziente è stato dimesso in buone condizioni generali, in buon compenso cardiocircolatorio ed è stato possibile trasferirlo presso un reparto riabilitativo vicino al domicilio. 

Dopo il primo caso partirà lo studio clinico

Grazie ai risultati davvero incoraggianti del primo intervento con protonterapia nell’aritmia ventricolare, gli specialisti del CNAO stanno valutando la fattibilità di uno studio clinico sperimentale. “Abbiamo accolto la richiesta dei colleghi del San Matteo”, osserva il presidente del CNAO, professor Gianluca Vago, “con la convinzione che l’applicazione della terapia con protoni potesse essere uno strumento efficace, sulla base dei dati sperimentali e del razionale fisiopatologico, per aiutare il paziente in una condizione clinica ormai totalmente compromessa. L’esito dell’irraggiamento con protoni ci sembra molto positivo a riprova della qualità tecnica dell'intervento e della competenza degli operatori coinvolti”.

Nuove prospettive

Il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (CNAO), nato per il trattamento dei tumori con protoni e ioni carbonio, con questo nuovo intervento sul cuore apre una via del tutto nuova di impiego. “Questo primo intervento terapeutico”, dice il presidente della Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, professor Alessandro Venturi, “evidenzia la nuova e forte vocazione all’integrazione scientifica e assistenziale tra l’IRCCS San Matteo di Pavia, struttura di riferimento per prestazioni di ricovero e cura ad alta specialità, e il CNAO, ente accreditato ad erogare prestazioni innovative sul territorio italiano, utilizzando metodologie altamente sofisticate e tecnologicamente avanzate. Questa rinnovata alleanza amplia l’offerta terapeutica per i pazienti che quotidianamente si rivolgono al San Matteo”.

Il CNAO è una fondazione privata senza scopo di lucro istituita dal Ministero della Salute nel 2001 con sede a Pavia. Entrato in attività nel settembre del 2011, è l’unico centro italiano e uno dei sei nel mondo in grado di effettuare l’adroterapia sia con protoni che con ioni carbonio, un trattamento avanzato utilizzato soprattutto per le forme di tumori non operabili e resistenti alla radioterapia tradizionale. Il CNAO tratta ogni anno circa 300 pazienti oncologici. L’adroterapia fa parte delle cure coperte dal Servizio Sanitario Nazionale.
 
In collaborazione con
Maddalena Guiotto

Maddalena Guiotto

Giornalista con laurea in farmacia e master in bioetica, ho sempre scritto di salute, sanità e farmaceutica. Ho maturato esperienze professionali a livello di agenzie stampa internazionali, Tv, carta stampata e siti web. Nel collaborare con testate come "Le Scienze", "Corriere Salute", "Aboutpharma" e "iFarma", ho potuto affinare le mie competenze in vari aspetti del giornalismo su web. Oggi scrivo anche di benessere e digital health, sempre partendo da dati scientifici certi e documentati.
Data di pubblicazione: 01 marzo 2020
Installa subito l'APP di
Logo dove come mi curo it e resta sempre aggiornato!