NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Allergia alla polvere: 10 consigli a prova di acaro

Allergia alla polvere: 10 consigli a prova di acaro
21 maggio 2017

Ricerca e Prevenzione

Avete gli occhi arrossati e gonfi? Starnutite in continuazione? Potreste soffrire di allergia… sì, ma a cosa?

Una delle più diffuse allergie è quella agli acari della polvere. Purtroppo non esiste un facile rimedio, per questo è consigliabile mantenere un ambiente pulito e mettere in atto alcuni piccoli consigli per migliorare la salute del proprio habitat. L’acaro della polvere è un microscopico "ragnetto", invisibile a occhio nudo. Si stima che, nel mondo, ce ne siano almeno 150 specie differenti. L’acaro vive e si riproduce in un ambiente caldo…. Infatti, oltre ai 1200 metri d’altitudine smette di riprodursi, riducendo quindi la percentuale di problematiche legate all’allergia.

I sintomi principali dell’allergia all’acaro della polvere sono: starnuti, raffreddore, occhi arrossati e gonfi, naso congestionato. Si diagnostica mediante il “classico” test cutaneo come il prick test, a cui possono seguire ulteriori esami cutanei ed ematici specifici. Inoltre, i sintomi più frequenti possono essere legati ad alcune forme croniche come la rinite o l’asma.

L’allergia all’acaro della polvere è rilevabile durante tutto l’anno ma si può intensificare durante il massimo exploit della primavera (maggio) e nel periodo autunnale (da settembre a dicembre).

Consigli:
  • Utilizzare i rivestimenti anti-acaro per materassi, cuscini e piumini.
  • Eliminare tappeti, tappetini e tutto ciò che può essere un “covo” di polvere.
  • Evitare coperte in lana, meglio utilizzare la fibra sintetica.
  • Evitare moquette, tappezzerie, tende, peluche.
  • Lavare lenzuola, federe, copripiumini regolarmente, almeno una volta alla settimana, a 60°C.
  • Tenere la temperatura della propria abitazione ad un massimo di 21°C.
  • Pulire i mobili con un panno umido e soprattutto utilizzare un prodotto igienizzante.
  • Areare regolarmente la propria casa.
  • Passare l’aspirapolvere ogni giorno (o al massimo a giorni alterni). Meglio se è dotato di filtro HEPA.
  • Appena potete, andate in luoghi con un clima secco.
Come trattare l’allergia:
  • Antistaminico e spray nasale (su prescrizione medica).
  • Fare dei controlli regolari dal proprio allergologo, così da individuare la “cura” più idonea, in modo tale che la vostra allergia non si sprigioni ulteriormente.