NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

In aiuto agli stomizzati: scopri il progetto

In aiuto agli stomizzati: scopri il progetto
07 ottobre 2016

Ricerca e Prevenzione

“Gesto", un gruppo di lavoro di infermieri esperti in stomatoterapia, si propone nel Nord Italia nel quadro di un Progetto nazionale

Ventun infermieri esperti in stomaterapia che risiedono nel Nord Italia - di diverse Aziende Sanitarie e Ospedaliere di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Liguria - hanno dato vita a “Gesto" (sta per Gruppo di Esperti in Stomaterapia) un nucleo che si propone di migliorare la qualità di vita dei pazienti stomizzati, più di 33.000 solo in Alta Italia. Una cifra che impressiona se si pensa che i portatori di stomia sono oltre 70.000 nel Paese, con un incremento di circa 17.000 nuovi pazienti ogni anno, a causa dell’invecchiamento della popolazione. Incidono, in proposito, le malattie croniche degenerative e invalidanti. L’iniziativa che fa capo a Gesto si colloca in un progetto nazionale, rivolto alla definizione legale del profilo professionale dello stomaterapista per un riconoscimento ufficiale del ruolo.

La stomia intestinale o urinaria è un intervento chirurgico, indispensabile in seguito a grave patologia o incidente, che realizza un’apertura sulla parete addominale per mettere in comunicazione l’intestino o l’apparato urinario con l'esterno. In molti casi è l’unica condizione per sopravvivere, anche se la qualità della vita, dopo l’intervento, è notevolmente ridotta. Lo stomaterapista si cura dell’equilibrio fisico ed emotivo del paziente stomizzato, favorendone il reinserimento nel contesto sociale e lavorativo, per ridargli autonomia. Recenti studi certificano l’impatto positivo prodotto da un’assistenza infermieristica specializzata in stomaterapia.

Edoardo Giorato, Referente Organizzativo dell’Ambulatorio Stomizzati dell’Azienda Ospedaliera di Padova e Vice Direttore del Master in Assistenza al paziente stomizzato e incontinente dell’Università degli Studi di Padova, non ha dubbi: «Le conoscenze specializzate dello stomaterapista permettono di migliorare l'utilizzo delle risorse, ridurre i tempi di degenza e i costi sanitari».