NOTIZIE

Le ultime News e Approfondimenti dedicati al mondo della Salute e Sanità.

Acconciature nemiche dei capelli

Acconciature nemiche dei capelli
17 giugno 2016

Benessere

La massima attenzione va posta a tutela dei capelli che possono subire l’effetto di particolari acconciature o trattamenti che li sfibrino o comunque inducano rilevanti condizioni di stress. Soprattutto le trazioni, lievi ma costanti, condizionano il processo di crescita e portano anche alla caduta. Lo rilevano i ricercatori dello statunitense Johns Hopkins Health System, che hanno sottoposto a revisione 19 studi sul tema. Ne riferisce il Journal of the American Academy of Dermatology.

Acconciature e trattamenti sono stati divisi in tre categorie di rischio in base a diversi criteri: livello di tensione, peso, calore ed esposizione dei follicoli dei capelli agli agenti. Tra le pettinature più ad alto rischio figurano le trecce e le extension, in particolare queste ultime che vedono l’applicazione diretta di colle sul cuoio capelluto. Le trecce andrebbero sciolte ogni 2-3 mesi, mentre le extension dovrebbero essere rimosse dopo 45 giorni o due mesi.

Le acconciature a basso rischio sono quelle a tensione limitata: le code di cavallo non strette e gli stessi capelli sciolti. La stiratura con il calore, la permanente e l’uso di parrucche figurano anch’esse a rischio moderato. La stiratura con il fon può indebolire il fusto del capello, ma non si associa all’alopecia da trazione se non la si abbina a pettinature a rischio; lo stesso vale nel caso della permanente, mentre le parrucche possono rompere i capelli se mantenute in posizione mediante fermagli o adesivi o se la cuffia su cui sono fissati i capelli è di cotone o di nylon anziché in raso.