Gastrite: dieta, sintomi e cause

Gastrite: dieta, sintomi e cause
Indice Domande e Risposte La gastrite si verifica quando il rivestimento dello stomaco si infiamma. Tale condizione può essere acuta o cronica. All’origine c’è un danno alla mucosa che ricopre e protegge la parete dello stomaco dai succhi gastrici, composti dall’acido cloridrico, che servono alla digestione dei cibi. Per la maggior parte delle persone, la gastrite non è un disturbo grave e migliora rapidamente, se trattata. In caso contrario, può portare alla formazione di ulcere e a sanguinamenti o cronicizzazione
 

Come funziona l'apparato digerente?

 

Cause della gastrite

Fotografia di farmaci antinifammatori per lo stomacoQuando il rivestimento dello stomaco diventa più sottile è facilmente aggredito dai succhi digestivi che lo danneggiano ulteriormente causano infiammazione e dolore. Le cause di questo indebolimento possono essere molte e diverse fra loro: 
  • L'invecchiamento fisiologico, perché l’età assottiglia lo spessore della mucosa, e perché gli anziani hanno maggiori probabilità di avere l'infezione da un batterio (Helicobater pylori) o di disturbi autoimmuni, rispetto ai giovani;
  • L'assunzione regolare di antidolorifici e l’abuso di farmaci antinfiammatori come ibuprofene, aspirina, diclofenac e gli appartenenti alla categoria dei Fans (antinfiammatori non steroidei). L'uso regolare di questi antidolorifici può ridurre la sintesi di una sostanza chiave che aiuta a preservare il rivestimento protettivo dello stomaco. Tale condizione può manifestarsi anche per l’assunzione di cardioaspirina (per la prevenzione cardiovascolare) o altri farmaci (antibiotici);
  • Oltre al fumo, il consumo eccessivo di alcol, perché questa sostanza può irritare ed erodere il rivestimento dello stomaco, il che rende lo stomaco più vulnerabile ai succhi digestivi. L'uso eccessivo di alcol aumenta il rischio di gastrite acuta;
  • Lo stress causato da gravi lesioni, malattie o interventi chirurgici;
  • Malattie autoimmuni, condizione rara dovuta al sistema di difesa dell’organismo (sistema immunitario) che attacca per errore le cellule della mucosa gastrica. È più comune nelle persone con altri disturbi autoimmuni, tra cui la malattia di Hashimoto e il diabete di tipo 1. La gastrite autoimmune può anche essere associata a carenza di vitamina B-12;
  • Il reflusso biliare o altre malattie digestive (ad esempio sindrome da intestino irritabile, morbo di Crohn). 
  • Infezioni batteriche, in particolare da parte di Helicobacter pylori. Questo è un batterio che infetta il rivestimento dello stomaco. L'infezione viene generalmente trasmessa da persona a persona, ma può anche essere trasmessa attraverso cibo o acqua contaminati. Molte persone vengono infettate dai batteri H. pylori e non se ne rendono conto. Queste infezioni allo stomaco sono comuni e di solito non causano sintomi. Ma un'infezione da H. pylori a volte può causare disturbi digestivi per azione diretta dei batteri sul rivestimento dello stomaco. Questo tipo di gastrite è più comune nei gruppi di età più avanzata ed è generalmente la causa di forme croniche (persistenti) non erosive.
    Un'infezione da stomaco di H. pylori è di solito permanente, a meno che non sia trattata con terapia di eradicazione con antibiotici.
Consulta le migliori strutture per Breath test per helicobacter pylori o Test dell’Urea 13C:
I migliori ospedali per Breath test per helicobacter pylori o Test dell’Urea 13C

Tipi di gastrite

Si possono distinguere: gastrite acuta, che si manifesta sempre all’improvviso, e gastrite cronica, che colpisce soprattutto gli anziani, in cui la mucosa gastrica rimane infiammata per un lungo periodo di tempo di cui esistono diversi sottotipi:
  • Gastrite di tipo A, o gastrite antrale cronica, che coinvolge il corpo e il fondo dello stomaco, colpisce le cellule antrali che producono gli acidi gastrici. La sua complicanza è l’anemia perché l’infiammazione comporta la regressione della mucosa gastrica e una riduzione dell’assorbimento della vitamina B12, fondamentale per l’assorbimento del ferro che costituisce l’emoglobina;
  • Gastrite di tipo B, o gastrite atrofica può essere causata dalla flogosi gastrica cronica dovuta a infezione da Helicobacter pylori o avere un'origine autoimmune. Entrambe aumentano il rischio di cancro allo stomaco; in quella autoimmune si manifesta di solito in presenza di altre patologie come: tiroidite di Hashimoto, tireotossicosi, mixedema, morbo di Addison e diabete di tipo I;
  • Gastrite di tipo C o chimico reattivo può essere scatenata anche da agenti chimici esterni (medicinali che aggrediscono lo stomaco, intossicazioni alimentari, abuso di alcol e fumo). Una volta individuata e eliminata la causa, questa forma di gastrite scompare velocemente. Questa forma di gastrite può essere dovuta anche dal reflusso biliare causato da un’asportazione parziale dello stomaco o da un’ernia iatale.
L’evoluzione della gastrite cronica porta all’atrofia della mucosa, da cui la comparsa di metaplasia intestinale, in cui le cellule che rivestono lo stomaco (epitelio gastrico) diventa come quello dell’intestino. La metaplasia intestinale non è un tumore, è solo un altro epitelio, senza acquisire alcuna caratteristica delle cellule tumorali.
La gastrite nervosa, nota anche come gastrite da stress. È una condizione che si manifesta in presenza di stati di ansia molto severa o stress emotivo intenso dovuto a sentimenti di rabbia o depressione. Si tratta di una malattia psicosomatica, cioè fa parte di quelle malattie che manifestano un problema di natura psicologica nel corpo (somatico significa "del corpo"). La gastrite cronica è quiescente, quando l’infiammazione non è in fase attiva. 

Sintomi di gastrite

Immagine di uno stomaco infiammato e doloranteI sintomi di una gastrite possono manifestarsi improvvisamente e gravemente (gastrite acuta) o durare a lungo (gastrite cronica). Molte persone con gastrite causata da un'infezione batterica non presentano alcun sintomo.

In altri casi, la gastrite può manifestarsi con:
  • Disturbi digestivi (dispepsia);
  • Bruciore;
  • Sensazione di gonfiore, di pienezza nella parte superiore dell'addome, in particolare dopo aver mangiato;
  • Alito cattivo;
  • Malessere generale, febbre, perdita di appetito;
  • Reflusso gastroesofageo (GERD, eruttazione, flautolenza);
  • Vomito.
Se il rivestimento dello stomaco è stato consumato (gastrite erosiva) ed esposto all'acido, i sintomi possono includere:
  • Dolore;
  • Sanguinamento; 
  • Ulcera;
  • Non è infrequente che si associ anche diarrea e febbre.
Il mal di stomaco e il dolore addominale non sono sempre un segno di gastrite e non sempre sono presenti segni e sintomi. La gastrite può infatti causare anche dolore alla schiena. Il sintomo, che di solito è presente nella gastrite acuta, avvolge la parte medio-alta della colonna vertebrale, ma in realtà la causa sta nello stomaco. Di solito il dolore può diventare più acuto quando si fanno respiri profondi e subito dopo i pasti.

Quando rivolgersi al medico

In presenza di una prima manifestazione di sintomi di sintomi come il mal di stomaco e problemi digestivi (indigestione o dispepsia) si può ricorrere, inizialmente con un cambiamento nella dieta e nello stile di vita, o assumendo un medicinale di automedicazione, come un antiacido

Il medico deve essere contattato se:
  • I sintomi di indigestione durano una settimana o più, o causano forti dolori o disagi;
  • Ritieni che possa essere causato da farmaci che si stanno assumendo (gli antiinfiammatori, per esempio);
  • C’è vomito e con presenza di sangue o sangue nelle feci (potrebbero apparire scure);
  • Possibili complicanze.

Se la gastrite non viene trattata, può portare a sanguinamento dello stomaco e ulcere. Alcune forme di gastrite possono aumentare il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco, in particolare nelle persone con rivestimento dello stomaco diluito.

Consulta i centri che hanno dichiarato di essere specializzati in Gastrite:
Centri specializzati in Gastrite

Diagnosi di gastrite

Per accertare (diagnosticare) la gastrite il medico potrebbe prescrivere alcune indagini:
  • Esame delle feci - per verificare la presenza di infezione o sanguinamento dallo stomaco;
  • Esame del respiro, per individuare l’eventuale infezione da Helicobacter pylori, che consiste nel bere un bicchiere di liquido limpido e insapore che contiene carbone radioattivo e soffiare in un sacchetto;
  • Endoscopia, nella quale un tubo flessibile (endoscopio) viene inserito dalla gola, nell'esofago e nello stomaco per cercare segni di infiammazione;
  • Radiografia (raggi X) con bario: passando nel tratto digestivo aiuta a distinguere le aree problematiche.
Consulta le Strutture Sanitarie che effettuano una Visita gastroenterologica:
Dove effettuare una Visita gastroenterologica?

Rimedi naturali della nonna per la gastrite

La gastrite può essere alleviata con dei semplici rimedi naturali immediati, che derivano dalla saggezza popolare e per questo definiti rimedi della nonna.
Tra questi ci sono:
  • Il bicarbonato di sodio può ridurre l’acidità gastrica e alleviare così i sintomi. Può bastare un cucchiaino in un bicchiere d’acqua;
  • Succo di limone, anche se può sembrare strano, il limone, come il bicarbonato, normalizza il pH dello stomaco. Si può bere il succo puro o in un bicchiere d’acqua;
  • Una tazza di camomilla calda può dare sollievo perché, come miorilassante, rilassa la muscolatura dello stomaco, riducendo eventuali crampi e spasmi (effetto antispastico). Bastano 150 grammi di camomilla al giorno, lasciati in infusione nell'acqua bollente. Se ne possono bere più tazze al giorno;
  • Infuso di tè verde, grazie ai tanti flavonoidi che contiene, favorisce la cicatrizzazione in caso di ulcera;
  • Infuso di cannella, anche dopo ogni pasto può aiutare a risolvere i principali sintomi della gastrite;
  • Zenzero fresco, masticato prima dei pasti stimola la digestione, protegge lo stomaco dalle infiammazioni;
  • Succo di Aloe vera al 100%, dotato di azione antinfiammatorie e cicatrizzanti, può ridurre i sintomi gastrici. È impiegato anche nella sindrome del colon irritabile.

Cura della gastrite

Il trattamento per la gastrite dipende dalla causa. Se all’origine del disturbo c’è l’assunzione di antinfiammatori (FANS) o altri farmaci, si può chiedere al medico di rivedere la terapia ed eventualmente sostituire i FANS con il paracetamolo. La gastrite causata da H. pylori viene regolarmente curata con antibiotici che uccidono i batteri. In generale il trattamento mira a ridurre i sintomi riducendo la quantità di acido nello stomaco in modo da dare il tempo al rivestimento dello stomaco di guarire.
I farmaci indicati sono:
  • Antiacidi: questi medicinali da banco neutralizzano l'acido nello stomaco, che può fornire un rapido sollievo dal dolore. Possono essere impiegati senza la ricetta del medico. Alcuni di questi farmaci possono causare diarrea o costipazione;
  • Inibitori dell'istamina 2 (H2): questi medicinali riducono la produzione di acido e richiedono la ricetta medica;
  • Inibitori della pompa protonica (PPI), come l'omeprazolo: questi medicinali riducono la produzione di acido in modo ancora più efficace degli inibitori dell’istamina H2. A basso dosaggio possono essere acquistati in farmacia come farmaci di automedicazione. Per dosi più elevate è necessaria la prescrizione del medico. È importante ricordare che l'uso prolungato (mesi e anni) di questi farmaci, specialmente ad alte dosi, può causare vari disturbi, anche gravi. Oltre a ridurre l’assorbimento di ferro e vitamina B12, i PPI aumentano il rischio di fratture (della colonna vertebrale, dell'anca e del polso), di insufficienza renale e di infezioni;
  • Nella gastrite nervosa, che ha gli stessi sintomi delle gastriti acute o croniche, la cura si basa sulla gestione/controllo del fattore stressante o ansiogeno, che è all’origine del disturbo e per questo può richiedere un supporto psicologico per la gestione dello stress.

La dieta per la gastrite

Immagine che raffigura una ciotola con uova, pesce leggero e verdure, ideale per la dieta da gastriteL’alimentazione ha un ruolo fondamentale nel controllo dei sintomi gastrici. La dieta deve essere composta da cibi semplici da digerire e diminuire la secrezione acida dello stomaco.

I cibi da mangiare e preferire quando si soffre di gastrite

A colazione: 
  • Al latte è preferibile il o dello yogurt bianco, possibilmente magro. Un’alternativa al latte vaccino è la bevanda a base di soia, di riso, prodotti che aggrediscono in maniera estremamente contenuta la mucosa gastrica già in condizioni non sane;
  • Miele, marmellata, biscotti secchi e fette biscottate; 
  • Con moderazione: budini al latte, latte e yogurt parzialmente scremati. 
Ai pasti:
  • Leggeri, cioè a basso contenuto di grassi come il pesce fresco e magro (meglio evitare i surgelati), formaggi magri (freschi, non fermentati) o parzialmente scremati come il grana, carni bianche e magre, uova alla coque o in camicia;
  • Pasta, riso e cereali integrali, avena, patate, pane ben cotto, senza mollica, fette biscottate, cracker;
  • Tutte le minestre, ma non brodo di carne;
  • Verdure fibrose, che non causano l’aumento di acidità gastrica, come: carciofi, fagiolini, lattuga, sedano, cavolo, ortiche);
  • Verdure che riducono i dolori allo stomaco: finocchi, zucchine e carote;
  • Verdure a foglia larga e ricche di vitamine del gruppo B (mandorle, fagioli, spinaci ed in genere ortaggi a foglia);
  • Legumi leggeri come le lenticchie;
  • Frutta con molti flavonoidi (sedano, mirtilli, frutti di bosco, mele) che inibiscono la crescita di Helicobacter pylori e tutta la frutta non acida come banane, mele, fichi (il succo di limone diluito in acqua è invece non solo consentito, ma consigliato);
  • Succhi di frutta, ad esclusione di quelli acidi (arancia, pompelmo..) tranne quelli molto acidi come agrumi, pompelmo, ecc.;
  • Condimenti: olio extravergine di oliva a crudo, con moderazione;
  • Adottare una cottura leggera;
  • Cuocere sia in padella, sia al forno, senza troppi condimenti.

Cibi da evitare quando si soffre di gastrite

Evitate il più possibile:
  • Alimenti grassi che favoriscono la secrezione di acido nello stomaco come carni rosse (insaccati inclusi), formaggi piccanti e grassi, soprattutto i fermentati come pecorino e gorgonzola, pesci grassi (sgombro, salmone, angiulla) o conservati, burro, strutto, margarina o salse con panna, uova fritte;
  • Cibi che generano gas come cavolo, broccoli, latte, cipolle, piselli, fagioli secchi;
  • Cibi fritti;
  • Alimenti conservati sotto sale, sott’olio , affumicati...;
  • Verdure acidule come pomodori, peperoni;
  • Condimenti piccanti e speziati che contengono pepe, peperoncino, aglio, aceto;
  • Frutta acidula come gli agrumi, le fragole, ma anche frutta secca (ricca di grassi e proteine);
  • Dolci a base di creme o liquori, cioccolato, caramelle e gomme da masticare.

Come prevenire la gastrite

Fotografia che ritrae un piatto con alimenti fritti e caffèPer evitare la comparsa della gastrite è fondamentale ridurre il più possibile i suoi fattori di rischio, cercando, in particolare, di evitare lo stress e di non eccedere con il consumo di alcolici e con l'assunzione di farmaci, che potrebbero danneggiare la parete dello stomaco.

Alcuni consigli utili:
  • Usare antinfiammatori (FANS) con attenzione;
  • Se in terapia con la cardioaspirina usare farmaci gastroprotettori;
  • Mangiare lentamente masticando a lungo;
  • Evitare pasti abbondanti, meglio gli spuntini fra pranzo e cena, per limitare l’acidità di stomaco;
  • Evitare o ridurre l'alcol e il fumo;
  • Limitare cibi che irritano lo stomaco: caffè, cioccolata, bevande gassate, liquidi troppo caldi, formaggi fermentati, insaccati;
  • Escludere i fritti;
  • Gestire lo stress.

Domande e risposte

Ho spesso dolore allo stomaco e senso di gonfiore dopo i pasti. Ho la gastrite?
La gastrite è una infiammazione della parete dello stomaco che si può manifestare con questi sintomi. Nella maggior parte dei casi tale infiammazione è cronica e non dà sintomi o disturbi di sorta. La gastrite acuta, quella che dura da poche ore a pochi giorni, può dare sintomi e segni come questi.
Come posso risolvere una gastrite acuta?
A seconda della sintomatologia, il disturbo può essere ridotto eliminando le cause (farmaci, alcol, fumo, alimentazione inadeguata) oppure assumendo alcuni farmaci come dli antiacidi di autoprescrizione.
Qual è la differenza tra gastrite e gastroenterite?
La gastroenterite è caratterizzata da irritazione e infiammazione dello stomaco e anche dell'intestino. Questa condizione è in genere causata da un'infezione virale o batterica, allergie alimentari o reazioni avverse a tipi di farmaci o antibiotici. La gastrite, invece, comporta solo l'infiammazione, l'irritazione o l'erosione del rivestimento protettivo dello stomaco.
Quanto dura la gastrite?
Un attacco di gastrite può durare qualche ora o diverse settimane, a seconda della causa e della gravità del danno al rivestimento dello stomaco. Di solito, se la fonte del problema è il cibo o le bevande, eliminare queste sostanze irritanti dalla dieta può alleviare i sintomi entro poche ore. Se è causata da un'infezione batterica, la gravità dell'infiammazione può richiedere alcune settimane per chiarire con un trattamento adeguato, come raccomandato da un medico.
In collaborazione con
Maddalena Guiotto

Maddalena Guiotto

Giornalista con laurea in farmacia e master in bioetica, ho sempre scritto di salute, sanità e farmaceutica. Ho maturato esperienze professionali a livello di agenzie stampa internazionali, Tv, carta stampata e siti web. Nel collaborare con testate come "Le Scienze", "Corriere Salute", "Aboutpharma" e "iFarma", ho potuto affinare le mie competenze in vari aspetti del giornalismo su web. Oggi scrivo anche di benessere e digital health, sempre partendo da dati scientifici certi e documentati.
Data di pubblicazione: 08 aprile 2020
Installa subito l'APP di
e resta sempre aggiornato!