Tumore maligno all'utero: volume annuale di interventi chirurgici


Indice

Descrizione indicatore

L’indicatore ci consente di calcolare il numero di interventi chirurgici per tumori maligni dell’utero eseguiti in un anno in una struttura ospedaliera (indicatore di "volume").

Come si legge

L’indicatore si riferisce al grado di "competenza" delle cure prestate. 
Più alto è il numero di interventi chirurgici per tumori maligni dell’utero eseguiti in una struttura ospedaliera, maggiore è il grado di esperienza della struttura stessa.
Non costituisce un parametro di valutazione inerente l’esito delle cure prestate.

Descrizione generale

L'utero è l'organo dell'apparato femminile che ha il ruolo di accogliere l'embrione nel corso della gravidanza. Ha la forma di un imbuto rovesciato ed è formato da due parti principali: l'estremità inferiore, chiamata collo dell'utero o cervice uterina che è in diretto collegamento con la vagina, e la parte superiore chiamata corpo dell'utero, in cui è possibile individuare un tessuto più superficiale, rivolto vero la cavità interna, chiamato endometrio e uno strato più esterno, di tipo muscolare, chiamato miometrio. 
I più comuni tumori dell'utero sono quelli dell’endometrio e della cervice uterina, più rari sono i sarcomi uterini che colpiscono lo strato muscolare del corpo dell'utero. 
Il carcinoma dell’endometrio rappresenta l’8-10% delle neoplasie femminili nei Paesi industrializzati. Il carcinoma della cervice è in calo per incidenza in Italia, sebbene rappresenti ancora una problematica assistenziale rilevante, soprattutto nelle aree geografiche con minore efficacia dello screening (Pap test) e nella popolazione immigrata. 
I principali fattori di rischio, vale a dire quelle condizioni e/o situazioni che aumentano la possibilità di sviluppare uno di questi tumori, sono:
  • per il tumore dell'endometrio obesità, ipertensione arteriosa, un regime alimentare ricco di grassi animali, malattie croniche del fegato, etc.;
  • per il tumore della cervice l’inizio precoce dell’attività sessuale, il numero elevato di partner, gravidanze multiple, giovane età alla prima gravidanza, fumo di sigaretta, infezioni genitali, l’utilizzo degli estro- progestinici, il basso stato socio economico e la scarsa igiene sessuale. 
Alcuni sintomi, sebbene non specifici per questi tumori, possono essere delle perdite di sangue anomale o un aumento di volume dell’addome. Spesso, tali tumori sono invece asintomatici, cioè non vi è alcun sintomo evidente della presenza della malattia. 
La scelta del trattamento dipende, soprattutto, dallo stadio della malattia al momento della diagnosi, ma si basa anche sullo stato di salute generale della persona e sull’età. 
Per raggiungere la massima efficacia, si procede combinando due o più trattamenti che sono rappresentati dalla chirurgia seguita o preceduta dalla chemioterapia, dalla radioterapia e dalla terapia ormonale.

Codici ICD-9-CM selezionati

Sono inclusi tutti i ricoveri, in regime ordinario, con diagnosi principale o secondaria di tumore maligno dell’utero (ICD-9-CM 179, 180,182, 183, 184, 198.6, 198.82) ed intervento principale o secondario di isterectomia addominale o vaginale (ICD-9-CM 68.3, 68.4, 68.5, 68.6, 68.7).

Il volume di ricoveri per interventi chirurgici è calcolato su base annuale, riferito all’anno di dimissione del ricovero.

Consulta le strutture sanitarie che effettuano in un anno il maggior numero di interventi chirurgici per tumori maligni dell’utero
 

Fonte del dato

Programma Nazionale Esiti 2018, indicatore 220. 
Confronto tra strutture calcolato su dati 2017.

Nota bene: per tener conto di errori di attribuzione, sono escluse dall'analisi le strutture con volumi di attività molto bassi (min 5/anno).

Altre fonti scientifiche

  • Diaz-Montes TP, Zahurak ML, Giuntoli RL 2nd, Gardner GJ, Bristow RE. Uterine cancer in Maryland: impact of surgeon case volume and other prognostic factors on short-term mortality. Gynecol Oncol 2006;103(3):1043-47.
  • Hughes RG, Hunt SS, Luft HS. Effects of surgeon volume and hospital volume on quality of care in hospitals. Med Care 1987;25(6):489-503.
  • Luft HS, Hunt SS, Maerki SC. The volume-outcome relationship: practice makes perfect or selective-referral patterns? Health Serv Res 1987;22(2):157-82.
  • Wright JD, Lewin SN, Deutsch I, Burke WM, Sun X, Herzog TJ. Effect of surgical volume on morbidity and mortality of abdominal hysterectomy for endometrial cancer. Obstet Gynecol 2011;117(5):1051-59.
  • Killeen SD, O'Sullivan MJ, Coffey JC, Kirwan WO, Redmond HP. Provider volume and outcomes for oncological procedures. Br J Surg. 2005;92:389–402.
  • Juillard C, Lashoher A, Sewell CA, Uddin S, Griffith JG, Chang DC. A national analysis of the relationship between hospital volume, academic center status, and surgical outcomes for abdominal hysterectomy done for leiomyoma. J Am Coll Surg. 2009 Apr;208(4):599-606. doi: 10.1016/j.jamcollsurg.2009.01.003.
  • Jalloul RJ, Nick AM, Munsell MF, Westin SN, Ramirez PT, Frumovitz M, Soliman PT. The influence of surgeon volume on outcomes after pelvic exenteration for a gynecologic cancer. J Gynecol Oncol. 2018 Sep;29(5):e68. doi: 10.3802/jgo.2018.29.e68. 
  • Worley MJ, Jr, Anwandter C, Sun CC, dos Reis R, Nick AM, Frumovitz M, et al. Impact of surgeon volume on patient safety in laparoscopic gynecologic surgery. Gynecol Oncol. 2012;125:241–244.
Installa subito l'APP di
e resta sempre aggiornato!