Tumore maligno al polmone: mortalità a 30 giorni dall'intervento chirurgico


Descrizione indicatore

L’indicatore ci consente di calcolare il numero di pazienti con tumore maligno del polmone morti nel corso dell’intervento chirurgico o nei 30 giorni successivi, rispetto al totale dei pazienti operati per tumore del polmone.

Come si legge

L’indicatore si riferisce al grado di "efficacia" delle cure prestate.
Più è basso il numero di pazienti con tumore polmonare morti durante l’intervento chirurgico o entro i 30 giorni successivi, più elevate sono l'efficacia e la qualità delle cure prestate nella struttura ospedaliera.

Descrizione generale

Il tumore del polmone è la forma più comune tra i tumori dell’apparato respiratorio. I tipi più diffusi sono il carcinoma squamocellulare (correlato al fumo e il più frequente sopra i 65 anni) e l’adenocarcinoma polmonare.
In Italia, ogni anno, muoiono di solo tumore al polmone 27.500 persone, soprattutto uomini (prima causa di morte per tumore), ma la malattia è in aumento tra le donne (seconda causa di morte per tumore).
L’intervento chirurgico rappresenta la prima scelta terapeutica per tumori di stadio non avanzato.

Nota: le stime delle strutture del Molise potrebbero non essere attendibili a causa di variazioni nei codici ministeriali.

Guarda le strutture con il minore numero di pazienti morti nei 30 giorni successivi all'intervento
Vedi anche gli altri indicatori per tumore al polmone: Volume di interventi chirurgici

Fonte

Programma Nazionale Esiti 2017, indicatore 63.
Confronto tra strutture calcolato su dati 2016.

Fonte Valutazione Istituzionale

Il semaforo è calcolato sulla base dei seguenti documenti ufficiali:
Ministero della Salute. Decreto 21 giugno 2016. Link
Programma Nazionale Esiti. Treemap: definizione e metodi. Edizione 2015. Sviluppato dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) per conto del Ministero della Salute.