Spalla - Protesi: volume annuale di interventi chirurgici


Descrizione indicatore

L’indicatore ci consente di calcolare il numero di interventi chirurgici di protesi di spalla eseguiti in un anno in una struttura ospedaliera (indicatore di "volume").

Come si legge

L’indicatore si riferisce al grado di "competenza" delle cure prestate.
Più alto è il numero di interventi di protesi di spalla eseguiti annualmente in una struttura ospedaliera, maggiore è il grado di esperienza della struttura stessa. Non costituisce, pertanto, un parametro di valutazione inerente l’esito delle cure prestate.

Descrizione generale

La spalla è un’articolazione a sfera tramite la quale l'arto superiore si articola al tronco.
Quando tale articolazione è molto danneggiata, generalmente a causa dell’artrosi, può essere necessario un intervento di sostituzione della spalla con una protesi, che consiste nel rimuovere la testa dell'omero e la porzione ossea della scapola sostituendoli con impianti protesici.
Questo tipo di intervento chirurgico, però, non funziona in quei pazienti che oltre all'artrosi presentano contemporaneamente grandi lesioni della cuffia dei rotatori (artropatia da cuffia dei rotatori). In questi casi, la protesi totale convenzionale, detta anche anatomica, della spalla può provocare dolore e movimento limitato, e sarà pertanto necessario utilizzare una protesi inversa.
Questo tipo di protesi, infatti, per muovere la spalla ed il braccio si affida al muscolo deltoide, anzichè alla cuffia dei rotatori come avviene nella protesi convenzionale.
Una spalla protesizzata può durare dai 12 ai 20 anni. Quella inversa in genere ha una minor sopravvivenza rispetto a quella convenzionale (circa 10 anni), per cui non è consigliata nei giovani adulti e generalmente viene proposta dopo i 70 anni.

Guarda le strutture che effettuano il maggior numero di interventi chirurgici

Fonte

Programma Nazionale Esiti 2017, indicatore 136.
Confronto tra strutture calcolato su dati 2016.
Nota bene: Per tener conto di errori di attribuzione, sono escluse dall'analisi le strutture con volumi di attività molto bassi (min 3/anno).