Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni


Indice

Descrizione indicatore

L'indicatore ci consente di calcolare il numero di pazienti sottoposti ad interventi di colecistectomia laparoscopica con degenza post-operatoria inferiore 3 giorni, rispetto al totale dei pazienti che hanno eseguito questo intervento.

Come si legge

L’indicatore si riferisce al grado di "appropriatezza" delle cure prestate. 
Più alta è la percentuale di interventi di colecistectomia laparoscopica con degenza post-operatoria inferiore 3 giorni, rispetto al totale degli interventi di colecistectomia laparosocopica, maggiore è l'appropriatezza dell'assistenza fornita.

Descrizione generale

Le malattie che più frequentemente interessano la colecisti (o cistifellea) sono la colecistite (infiammazione) e la calcolosi biliare (formazione di calcoli all’interno della colecisti). 
Per saperne di più sulla patologia leggi la scheda: "Cistifellea - Colecistectomia laparoscopica: volume annuale di interventi chirurgici".

Valutazione istituzionale

Il Ministero della Salute ha identificato la seguente soglia minima di percentuale di interventi di colecistectomia laparoscopica con degenza post-operatoria inferiore 3 giorni: 70%.

Codici ICD-9-CM selezionati

L’esito è l’intervento di colecistectomia laparoscopica con degenza post-operatoria entro 3 (0-2) giorni. 
L’analisi è effettuata su base annuale. 
L’esito viene attribuito alla struttura in cui è stato eseguito l’intervento.

Criteri di eleggibilità
Tutti i ricoveri, in regime ordinario e day hospital, con il codice ICD-9-CM di intervento 51.23 in qualunque posizione e con diagnosi principale o secondaria di litiasi della colecisti e del dotto biliare (codici ICD-9-CM 574 in diagnosi principale o 575 in diagnosi principale E 574 in diagnosi secondaria).

Criteri di esclusione
  • ricoveri di pazienti non residenti in Italia;
  • ricoveri di persone di età inferiore ai 18 anni e superiore a 100;
  • ricoveri con diagnosi di trauma (codici ICD-9-CM 800-897);
  • ricoveri con DRG 370, 371, 372, 373, 374, 375, 376, 377, 378, 379, 380, 381, 382, 383, 384 (gravidanza, puerperio, parto);
  • ricoveri con diagnosi di tumore maligno dell’apparato digerente e del peritoneo (IDC-9-CM 150-159);
  • ricoveri con interventi di colecistectomia laparotomica (procedura 51.22 in qualunque posizione);
  • ricoveri in cui il paziente viene dimesso deceduto;
  • ricoveri in cui il paziente viene trasferito ad altro ospedale;
  • ricoveri con i seguenti interventi addominali:
    • Interventi sullo stomaco: codici 43.5, 43.6, 43.7, 43.8, 43.9, 44.31, 44.39, 44.40, 44.41, 44.42, 44.5, 44.61, 44.63, 44.64, 44.65, 44.69;
    • Interventi su duodeno e intestino tenue: codici 45.31, 45.32, 45.33, 45.34, 45.50, 45.51, 45.6, 45.9, 45.91, 45.92, 45.93, 46.01, 46.02, 46.60, 46.61, 46.62, 46.71, 46.72, 46.73, 46.74, 46.80, 46.81, 46.93, 46.97; 
    • Interventi sul fegato: codici 50.2, 50.3, 50.4, 50.5, 50.6;
    • Interventi sul pancreas: codici 52.22, 52.3, 52.4, 52.5, 52.6, 52.7, 52.8, 52.95, 52.96;
    • Interventi per ernia parete addominale: codici 53.4, 53.5, 53.6, 53.7; 
    • Interventi sul peritoneo: codici 54.4, 54.5, 54.6, 54.7;
    • Interventi su intestino crasso: codici 45.41, 45.49, 45.7, 45.8, 45.94, 46.03, 46.04, 46.63, 46.64, 46.75, 46.76, 46.79; 
    • Altri interventi addominali: codici 55.4, 55.5, 56.2, 56.4, 57.1, 57.6, 57.7, 65.3, 65.4, 65.5, 65.6, 66.4, 66.5, 68.3, 68.4, 68.6, 68.8.

Consulta le strutture con il maggior numero di pazienti sottoposti ad interventi di colecistectomia laparoscopica con degenza post-operatoria inferiore 3 giorni


Approfondisci anche gli altri indicatori relativi a:

Fonte del dato

Programma Nazionale Esiti 2018, indicatore 302. 
Confronto tra strutture calcolato su dati 2017.

Fonte della Valutazione Istituzionale

Il semaforo è calcolato sulla base dei seguenti documenti ufficiali:

Altre fonti scientifiche

  • Gruppo di lavoro del Programma Nazionale Esiti. Amato L, Fusco D, Acampora A, Bontempi K, Rosa AC, Colais P, Cruciani F, D’Ovidio M, Mataloni F, Minozzi S, Mitrova Z, Pinnarelli L, Saulle R, Soldati S, Sorge C, Vecchi S, Ventura M, Davoli M. Volume and health outcomes: evidence from systematic reviews and from evaluation of Italian hospital data. Epidemiol Prev. 2017 Sep-Dec;41(5-6 Suppl 2):1-128. doi: 10.19191/EP17.5-6S2.P001.100.
  • Gandjour A, Bannerberg A, Lauterbach KW. Threshold volumes associated with higher survival in health care. Med Care 2003;41(10):1129-41.
  • Dudley RA, Johansen KL, Brand R, Rennie DJ, Milstein A. Selective referral to high-volume hospitals: estimating potentially avoidable deaths. JAMA 2000; 283(9):1159-66.
  • Hannan EL, O’Donnell JF, Kilburn H Jr, Bernard HR, Yazici A. Investigation of the relationship between volume and mortality for surgical procedures performed in New York State hospitals. JAMA 1989;262(4):503-10.
  • Hughes RG, Hunt SS, Luft HS. Effects of surgeon volume and hospital volume on quality of care in hospitals. Med Care 1987;25(6):489-503.
  • Khuri SF, Daley J, Henderson W et al. Relation of surgical volume to outcome in eight common operations: results from the VA National Surgical Quality Improve- ment Program. Ann Surg 1999;230:414-29; discussion 429-32.
  • Luft HS, Hunt SS, Maerki SC. The volume-outcome relationship: practice-makes- perfect or selective-referral patterns? Health Serv Res 1987;22(2):157-82.
  • Riley G, Lubitz J. Outcomes of surgery among Medicare aged: surgical volume and mortality. Health Care Financ Rev 1985;7(1):37-47.
  • Wenning M, Hupe K, Scheuer I, Senninger N, Smektala R, Windhorst T. Does quantity mean quality? An analysis of 116,000 patients regarding the connection between the number of cases and the quality of results. Chirurg 2000;71(6): 717-22.
Installa subito l'APP
e resta sempre aggiornato!