Radioterapia: trattamento all'avanguardia per la cura dei tumori alla prostata e al seno

Radioterapia: trattamento all'avanguardia per la cura dei tumori alla prostata e al seno

Radioterapia: trattamento all'avanguardia per la cura dei tumori alla prostata e al seno


Il cancro alla prostata, responsabile del 20% dei tumori maschili diagnosticati nel nostro Paese, è la neoplasia più comune tra gli uomini sopra i 50 anni. Quello alla mammella, invece, è la patologia tumorale più frequente nelle donne. Se insorgono, un valido aiuto può arrivare dai trattamenti radioterapici:
  • In caso di tumore alla prostata, la radioterapia esterna può costituire un'importante alternativa all'intervento chirurgico (prostatectomia radicale);
  • Mentre nell'eventualità di un carcinoma alla mammella la radioterapia post-operatoria permette di ridurre il rischio di recidive.
Questi trattamenti, localizzati, non invasivi e indolori, non richiedono ricovero e si eseguono in regime ambulatoriale. 
Una vasta esperienza nella cura di queste neoplasie è quella maturata dal Servizio di Radioterapia Oncologica di Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA) - GVM Care & Research, ospedale accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale. 


Per maggiori informazioni sul Servizio di Radioterapia Oncologica di Maria Cecilia Hospital:Radioterapia Oncologica di Maria Cecilia Hospital

 

Immagine che rappresenta lo strumento dell'ospedale GVMDi quali apparecchiature radioterapiche dispone Maria Cecilia Hospital

Il Servizio di Radioterapia Oncologica dell'ospedale dispone di 2 acceleratori lineari (LINAC o LINear Accelerator), apparecchiature all’avanguardia per il trattamento di diversi tipi di tumori, tra i quali appunto il carcinoma alla prostata e la neoplasia al seno. Questi macchinari, grazie all'accelerazione di un fascio di particelle cariche, possono produrre fasci di radiazione ad elevata energia, sia di elettroni che di fotoni, in grado di provocare la distruzione delle cellule tumorali. 


La radioterapia stereotassica body

In pazienti selezionati è anche possibile ricorrere alla radioterapia stereotassica body: un sistema ad alta precisione che colpisce ancor più selettivamente la zona da trattare, con un risparmio ancora maggiore per i tessuti sani limitrofi. 
Riduce gli effetti collaterali successivi al trattamento del tumore primario o di metastasi di piccole dimensioni. 
Tecniche speciali come VMAT ed IMRT posso essere utilizzate anche per eseguire un’irradiazione parziale della mammella (PBI, partial breast irradiation) e concentrare il fascio di radiazione in un'area definita da specifiche coordinate spaziali. 


Immagine che rappresenta lo strumento dell'ospedale GVMCarcinoma alla prostata, radioterapia in alternativa alla chirurgia

Nei pazienti con carcinoma della prostata, la radioterapia esterna si configura come un vero trattamento curativo. “Il tasso di guarigione è sovrapponibile a quello dei pazienti che si sottopongono a prostatectomia radicale, ma gli effetti collaterali sono generalmente minori”, spiega la Dott.ssa Flora Anna Mauro, Medico Chirurgo Specialista in Radioterapia Oncologica presso Maria Cecilia Hospital. 

La durata della cura è variabile in base alle caratteristiche del paziente. “In genere sono necessarie diverse settimane, spesso più di 7”, dice l'esperta. “In alcuni pazienti, dopo la radioterapia, è consigliabile un trattamento ormonale adiuvante per migliorare l’aspettativa di vita”.

Tra i vantaggi del trattamento: l'assenza di complicazioni dovute all’intervento chirurgico (sanguinamento, anestesia, trasfusioni ecc.), la possibilità di trattare pazienti con un ampio intervallo di età, un basso rischio di incontinenza post-trattamento e una buona probabilità di mantenere la funzionalità erettile.


Tumore al seno, meno rischi di recidive con il trattamento di radioterapia post-operatoria 

Le odierne strategie terapeutiche, nell'eventualità di una neoplasia alla mammella, sono maggiormente conservative rispetto al passato. Gli interventi chirurgici mirano a rimuovere esclusivamente l’area interessata dal tumore. “Il trattamento di radioterapia post-operatoria, poi, punta a eliminare eventuali cellule tumorali rimaste presenti nell’area dopo l'operazione così da ridurre il rischio di recidive future”, spiega la Dott.ssa Flora Anna Mauro.

Le procedure sono personalizzate: l’azione dell'acceleratore lineare viene pianificata in base alle caratteristiche della singola paziente e calibrata secondo il volume di tessuto tumorale da rimuovere (oltre che al numero di sedute necessarie). Per ciascuna donna in cura è inoltre possibile progettare le singole sedute radioterapiche in modo da ridurre gli effetti collaterali sugli organi adiacenti (soprattutto cuore e polmoni).

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Michela Crippa

Michela Crippa

Giornalista professionista, da oltre dodici anni mi occupo di giornalismo medico-scientifico per le riviste e i siti del Gruppo Sfera (Rizzoli) scrivendo principalmente di salute e alimentazione. Ho lavorato come redattore presso il mensile "Donna e Mamma" e oggi curo la rubrica delle news in primo piano di "Io e il Mio Bambino" e realizzo reportage sulle strutture ospedaliere per la sezione viaggi nei centri di eccellenza. Inoltre lavoro come addetta stampa del portale Dove e Come Mi Curo.

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...

Installa subito l'APP
e resta sempre aggiornato!