Tunnel carpale: cause, cure, esercizi

Tunnel carpale: cause, cure, esercizi

Indice

Domande e risposte

Il tunnel carpale: che cos’è

La sindrome del tunnel carpale è una patologia dovuta all’infiammazione e alla compressione del nervo mediano della mano, che occupa uno spazio all’interno del palmo chiamato tunnel carpale e circondato dalle ossa del polso (carpo). Il nervo mediano parte dall’avambraccio raggiungendo la mano attraverso questo tunnel, porta la sensibilità alle prime quattro dita e controlla i muscoli intorno alla base del pollice. All’interno del tunnel carpale troviamo anche i tendini flessori, grazie ai quali riusciamo a piegare le dita della mano.
  • La sindrome del tunnel carpale si manifesta soprattutto come un dolore pungente, di solito nelle ore notturne, dalle prime tre dita della mano dalla parte del palmo.
  • Se trascurato il dolore aumenta e si manifesta anche durante il giorno, inducendo:
    • Formicolii;
    • Alterazioni della sensibilità;
    • Difficoltà ad afferrare gli oggetti.


Consulta le migliori strutture per Liberazione del tunnel carpale.
I migliori ospedali per Liberazione del tunnel carpale

Immagine infografica che rappresenta muscoli, nervi ed ossa del polso
 

Perché viene il tunnel carpale?

Qualsiasi stimolo che comprima o irriti il nervo mediano, compresa la frattura del polso, può provocare la sindrome del tunnel carpale, ed è per questo che questa patologia è spesso reputata malattia professionale.
Nella maggior parte dei casi il tunnel carpale insorge per più ragioni, fra le quali:
  • Fattori anatomici come la frattura o la dislocazione del polso, o posizioni scorrette per esempio sul posto di lavoro, che finiscono per alterare lo spazio all'interno del tunnel carpale e comprimere il nervo mediano. Più piccolo è il tunnel carpale, più è probabile che il nervo si comprima, e per questo la sindrome di tunnel carpale è più frequente nelle donne;
  • Patologie che danneggiano i nervi come il diabete;
  • Malattie infiammatorie come l'artrite reumatoide, che possono alterare il rivestimento dei tendini del polso e comprimere il nervo;
  • Ritenzione idrica corporea, comune per esempio in gravidanza. La ritenzione di liquidi può aumentare la pressione all'interno del tunnel carpale, provocando irritazione.

Sintomi e diagnosi

I sintomi possono riguardare una sola o entrambe le mani, il braccio e le spalle e possono essere:
  • Intorpidimenti e formicolii alle mani; 
  • Bruciori o dolore nel pollice, nell’indice, nel medio e in parte dell’anulare;
  • Debolezza e difficoltà a tenere oggetti in mano;
  • Dolori a braccio e spalle.
Per valutare se si soffre o meno di tunnel carpale, si inizia con due test
  • Il segno di Tinel. Consiste nello schiacciare con un dito un punto dalla parte del palmo poco sopra al polso, dove passa il nervo mediano. Il test è positivo se questa pressione provoca dolore o sensazioni di scossa elettrica.
  • Il test di Phalen. Prevede di mettere le due mani in posizione flessa, dorso contro dorso, per circa un minuto. Se così facendo aumentano i formicolii, il rischio di sindrome del tunnel carpale è alto.
La diagnosi comunque si può fare solo con un esame strumentale, l’elettromiografia dell’arto superiore, per verificare definitivamente la presenza di compressione al nervo mediano.

Consulta le migliori strutture per EMG (elettromiografia) dinamica dell'arto superiore
I migliori ospedali per EMG (elettromiografia) dinamica dell'arto superiore
Immagine infografica che rappresenta il tunnel carpale
 

Come si cura il tunnel carpale

Immagine che rappresenta il tutore per curare il tunnel carpaleNon sempre serve intervenire chirurgicamente. Se la sindrome è agli esordi si procede con trattamenti conservativi a base di antinfiammatori non steroidei, infiltrazioni locali di corticosteroidi, terapie fisiche (come la laserterapia) e riabilitative
I rimedi comprendono:
  • Applicazione di un tutore al polso nelle ore notturne;
  • Evitare attività che impegni il polso, con piegamenti o impugnature strette;
  • Terapia con  farmaci antinfiammatori, utili nel breve periodo per ridurre infiammazione e dolore. Come rimedio fai da te si può anche applicare del ghiaccio, che però non cura nulla, ma riduce il fastidio dell’infiammazione, e può essere utile per avere sollievo nelle ore notturne;
  • Allenamento con specifici esercizi da fare con le mani, sia stretching (allungamento) che di rafforzamento.
Se però si inizia a perdere la funzionalità della mano, si può procedere per via chirurgica.
  • L’operazione prevede un taglietto nel legamento della mano per aumentare lo spazio a disposizione del nervo;
  • Può essere fatta sia in chirurgia tradizionale che in via endoscopia;
  • Il recupero dopo un intervento al tunnel carpale può essere piuttosto lungo: da 6-8 settimane per riprendere le normali attività, fino a tre mesi per una guarigione completa;
  • La convalescenza può richiedere una specifica fisioterapia per recuperare al meglio la forza muscolare di mani e polsi.
  • Durante questo periodo possono verificarsi sensazioni di intorpidimento dell’area o, in rari casi, dolore, che poi comunque col passare del tempo sparisce.

Esercizi utili per il tunnel carpale

  1. Primo esercizio. Tenere il braccio teso dietro la schiena con il palmo della mano verso l’alto e anche il gomito dritto. A questo punto usare l’altra mano per piegare il polso in modo che le dita puntino verso il basso.
  2. Secondo esercizio. Sedersi e appoggiare la mano piatta su una superficie (come un tavolo) a fianco a noi con le dita dritte rivolte dietro di noi, tenendo il gomito dritto. A questo punto appoggiare lentamente il peso del corpo sulla mano.
  3. Terzo esercizio. Porsi davanti a un muro e mantenendo il gomito diritto appoggiare il palmo della mano contro il muro, con le dita rivolte verso il basso. A questo punto fare una leggera pressione verso il muro fino a sentire la tensione del polso, senza esagerare.
Immagine che rappresenta una ragazza che fa un esercizio per il polso

Cosa fare se si tratta di una malattia professionale

Anche lavorare con:
  • Strumenti che vibrano o richiedono la flessione prolungata o ripetitiva del polso;
  • Un utilizzo scorretto di mouse o tastiera.
Possono provocare la sindrome di tunnel carpale.
Il Ministero del Lavoro la riconosce fra le malattie professionali causate da sovraccarico biomeccanico, anche se evidentemente è difficile dimostrare che l’usura del lavoro è una causa diretta della malattia. In ogni caso l’INAIL prevede un’indennità a fronte di certificato medico presentato al datore di lavoro.

Come stare al computer? La linea che va dalla mano all’avambraccio deve essere diritta, con la mano che può essere solo leggermente più bassa rispetto all’avambraccio. È importante che la mano non sia mai più alta dell’avambraccio, che sia mantenuta sotto il gomito, e che il polso non sia piegato (ci si può aiutare sostenendolo con un cuscinetto).

Immagine che rappresenta il tunnel carpale durante il lavoro col computer
 

Prevenire il tunnel carpale

Per evitare la comparsa della sindrome, ecco alcuni accorgimenti utili:
  • Mantenere il polso in posizione neutra durante l’attività lavorativa, evitando movimenti ripetitivi in flessione ed estensione;
  • Se si è esposti a vibrazioni meccaniche usare strumenti adeguati;
  • Se si lavora manualmente meglio fare spesso delle pause, per alleggerire la tensione a carico del polso e della mano;
  • Se ci si accorge di avere una diminuzione della sensibilità delle dita, rivolgersi a uno specialista.

Consulta le migliori strutture per una Visita Ortopedica della mano
I migliori ospedali per una Visita Ortopedica della mano

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Domande e risposte

Quali sono i primi sintomi del Tunnel Carpale?

I sintomi possono riguardare una sola o entrambe le mani e possono essere:

  • Intorpidimenti e formicolii alle mani; 
  • Bruciori o dolore nel pollice, nell’indice, nel medio e in parte dell’anulare;
  • Debolezza e difficoltà a tenere oggetti in mano.

Cosa fare contro il dolore del tunnel carpale?

I rimedi comprendono:

  • Applicazione di un tutore al polso nelle ore notturne;
  • Evitare attività che impegni il polso, con piegamenti o impugnature strette;
  • Terapia con farmaci antinfiammatori, utili nel breve periodo per ridurre infiammazione e dolore. Come rimedio fai da te si può anche applicare del ghiaccio, che però non cura nulla, ma riduce il fastidio dell’infiammazione, e può essere utile per avere sollievo nelle ore notturne;
  • Praticando specifici esercizi con le mani, di stretching (allungamento) o di rafforzamento.

Dove fa male il tunnel carpale?

Si hanno dolori o bruciori solitamente al pollice, al’indice, al medio e in parte dell’anulare, in una o entrambe le mani.

Quando si deve operare il tunnel carpale?

Non sempre serve intervenire chirurgicamente. Se la sindrome è agli esordi si procede con trattamenti conservativi a base di antinfiammatori non steroidei, infiltrazioni locali di corticosteroidi e terapie fisiche (come la laserterapia) e riabilitative. Se però si inizia a perdere la funzionalità della mano, si può procedere per via chirurgica. L’operazione prevede un taglietto nel legamento della mano per aumentare lo spazio a disposizione del nervo. Può essere fatta sia in chirurgia tradizionale in via endoscopica.

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

In collaborazione con

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold, giornalista freelance e consulente nell’ambito della comunicazione digitale. Si occupa di giornalismo sanitario data-driven principalmente su Infodata - Il Sole 24 Ore e Oggiscienza. Lavora per la maggior parte su temi legati all’epidemiologia, con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 è consulente per la comunicazione social media per l’Ufficio italiano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Collabora con alcune riviste mediche più specialistiche per Il Pensiero Scientifico Editore, con cui ha pubblicato nel 2015 il libro “Sotto controllo. La salute ai tempi dell’e-health”. Nel 2019 ha messo a punto HealthCom Program, un corso di formazione online di 10 lezioni sulla comunicazione sanitaria sui social media.

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...

Installa subito l'APP
e resta sempre aggiornato!