Cos'è la Tubercolosi o TBC polmonare o ossea? Sintomi, cura e vaccino

Cos'è la Tubercolosi o TBC polmonare o ossea? Sintomi, cura e vaccino

Indice


Domande e risposte
 

Che cos’è la tubercolosi

Con il termine tubercolosi o in sigla TBC, si intende una malattia infettiva causata da una serie di batteri, il più comune è il Mycobacterium tuberculosis, detto anche Bacillo di Koch, descritto per la prima volta nel 1882 da Robert Koch, che per questo ricevette nel 1905 il Premio Nobel per la medicina. La tubercolosi colpisce fondamentalmente i polmoni, ma può anche riguardare le ossa (tubercolosi ossea), i reni e altri organi. Se non trattata la Tubercolosi può portare al decesso, ma per fortuna seguendo una corretta terapia antibiotica oggi si può guarire.

La tubercolosi polmonare è molto contagiosa e la trasmissione dipende anche da quanto sono frequenti e prolungate le esposizioni a pazienti non trattati. Il batterio si trasmette per via aerea attraverso goccioline di saliva emesse con la tosse di una persona che ha già sviluppato la malattia, in modo non dissimile a quello che accade con il temuto virus SARS-CoV-1 che provoca COVID-19.


Consulta le Strutture Sanitarie che effettuano una Visita infettivologica:
Dove effettuare una Visita infettivologica?
Immagine che rappresenta dei batteri di tubercolosi
 

Quando la malattia resta latente e quando si sviluppa?

Non tutte le persone contagiate sviluppano la malattia. 
Si parla di tre fasi di sviluppo della Tubercolosi:
  1. Infezione primaria: quando si entra in contatto con il batterio riuscendo a debellarlo autonomamente;
  2. Infezione latente, che si verifica dopo la maggior parte delle infezioni primarie;
  3. Infezione attiva, quando la malattia si manifesta, a livello polmonare o extrapolmonare.
Circa 7 contagiati su 10 debellano il batterio autonomamente tramite il loro sistema immunitario, mentre poco meno di 3 su 10 hanno una forma cosiddetta latente, cioè asintomatica. La maggior parte di queste  persone non svilupperà mai la malattia, e non saprà mai di avere una forma di tubercolosi latente. Nel 5-15% dei casi invece il batterio può attivarsi e la persona sviluppare un’infezione attiva vera e propria.

Il problema della tubercolosi è proprio questa latenza: molte persone, specie anziane, sono entrate a contatto con il patogeno nel corso della loro vita, ma non lo sanno, finché la malattia non si presenta, magari in forma grave. 
Le persone più a rischio di sviluppare la malattia sono:
  • Le persone sieropositive. La Tubercolosi è oggi la principale causa di morte tra le persone con Hiv;
  • I diabetici;
  • Le persone malnutrite;
  • Le persone con infezione recente (<2 anni);
  • I neonati e i bambini con meno di 5 anni;
  • I fumatori;
  • Le persone che fanno uso di droghe;
  • Le persone in cura con farmaci che sopprimono il sistema immunitario (come chemioterapici o immunosoppressori);
  • Le persone anziane.

La Tubercolosi polmonare

I classici sintomi della malattia polmonare attiva sono:
  • Tosse cronica (per almeno 2 settimane) con espettorato striato di sangue. L'emottisi si verifica solo nel caso della tubercolosi cavitaria (causata cioè da danneggiamento dei granulomi sulla parete dei vasi sanguigni ma a volte causata dalla crescita di funghi in una lesione cavitaria);
  • Febbre (poco elevata e non frequente);
  • Sudorazione notturna;
  • Perdita importante di peso e inappetenza.
L'infezione di altri organi provoca invece una vasta gamma di sintomi.
 
Immagine infografica che rappresenta sintomi e segni della tubercolosi

La Tubercolosi extrapolmonare

Immagine che rappresenta una donna con dolore ai polmoniLa tubercolosi extra-polmonare è meno comune della forma polmonare, colpisce prevalentemente per persone con deficit del sistema immunitario, e può colpire vari organi come linfonodi, ossa, articolazioni, apparato digerente, vescica, apparato riproduttivo e sistema nervoso centrale. I sintomi sono quindi diversi a seconda della sede. L'evoluzione della malattia è lenta e i sintomi possono iniziare anche dopo anni dall’infezione. Anche nel caso della tubercolosi extrapolmonare si parla in molti casi di tubercolosi latente.
Le tipologie di Tubercolosi extrapolmonare sono:
  • Tubercolosi alle ossa. Si parla di spondilite tubercolare detta anche malattia di Pott o morbo di Pott. Si tratta di un'infezione della colonna vertebrale, che produce un restringimento dello spazio discale tra le vertebre e che e non trattata adeguatamente può portare a collasso di queste;
  • Coxite. Un’atra forma extrapolmonare è la tubercolosi osteo-articolare o osteo-artrite tubercolare, detta anche Coxite, un’infiammazione dell’articolazione, spesso dell’anca, che colpisce prevalentemente le persone più giovani, fra i 10 e i 30 anni;
  • Meningite Tubercolare. Nei soggetti più anziani e immunocompromessi la tubercolosi può colpire le meningi e può avere esito fatale. Nei Paesi in via di sviluppo, la meningite tubercolare è più frequente nei bambini nel periodo di età compreso tra la nascita e i 5 anni. I sintomi comprendono febbre, cefalea costante, rigidità nucale, nausea, stato confusionale e sonnolenza che può portare al coma.  Quanto la tubercolosi colpisce il cervello, può formare una massa chiamata tubercoloma, più prevalente in soggetti sieropositivi;
  • Tubercolosi ai Reni, diffusa alla vescica. I sintomi più comuni sono febbre, lombalgia, minzione difficoltosa e sangue nelle urine;
  • Tubercolosi Genitale. Nei maschi provoca un ingrossamento dello scroto, mentre elle donne, causa dolore pelvico e irregolarità mestruali, e aumenta il rischio di una gravidanza ectopica;
  • Pericardite tubercolare. La tubercolosi può riguardare anche il cuore, in particolare il pericardio, la membrana a due strati che circonda il muscolo, che a causa del batterio si ispessisce;
  • Tubercolosi Intestinale. Deriva da Mycobacterium bovis, presente nei bovini, e ci si contagia assumendo alimenti bovini non pastorizzati. Solitamente provoca dolore, diarrea, occlusione intestinale, gonfiore e sangue nelle feci.

Nei casi più gravi si può sviluppare la tubercolosi miliare, potenzialmente letale, che si manifesta con gran numero di batteri circola nel sangue diffondendosi in tutto il corpo.

Come si cura

La diagnosi di tubercolosi si basa sull'esame radiologico del torace, un test cutaneo alla tubercolina (Intradermoreazione di Mantoux, o Test di Mantoux), esami del sangue e microscopico e coltura microbiologica dei fluidi corporei.

Il trattamento della forma attiva richiede l'assunzione di antibiotici multipli per un tempo variabile (di solito 6 mesi), in particolare Isoniazide, Rifampicina, Etambutolo (o Streptomicina) e Pirazinamide (definiti farmaci di prima linea). Il successo di questo trattamento, se eseguito correttamente per tutto il tempo necessario, è di oltre l'85%. Dopo circa 2 settimane dall'inizio del trattamento farmacologico, la probabilità di contagio crolla e il malato non è praticamente più in grado di trasmettere la malattia (fase non contagiosa).
 

Il vaccino per la Tubercolosi

Esiste un vaccino per la Tubercolosi, il vaccino vivo attenuato BCG (bacillo di Calmette Guérin) che protegge dalle forme gravi infantili della malattia (per esempio dalla meningite). È molto usato nei paesi dove la malattia è endemica, mentre in Italia è obbligatorio solo per alcune categorie particolarmente a rischio come gli operatori sanitari esposti a rischio elevato di contagio.

 
Immagine che rappresenta una flacone di vaccino per la TBC

La Tubercolosi Resistente ai farmaci

Purtroppo, a causa della diffusione di trattamenti antibiotici incompleti o non correttamente somministrati, negli ultimi anni stanno comparendo ceppi di patogeni resistenti ad alcuni di questi antibiotici, che rappresentano un enorme problema sanitario perché sono molto difficili da curare. In particolare, ad oggi sono note due forme di resistenza principali:
  1. TBC MDR (multidrug resistant), malattia provocata da batteri resistenti almeno ai due medicinali di prima linea, l’Isoniazide e la Rifampicina. Con “medicinale di prima linea” si intende un farmaco indicato dalle linee guida come primo strumento terapeutico per quello specifico patogeno, in quanto dovrebbe essere sufficiente a debellarlo. Qualora non funzionassero i farmaci di prima linea (appunto perché il batterio è resistente) si può passare alla seconda linea, e così via. È evidente che bisogna evitare assolutamente di somministrare farmaci di seconda o terza linea quando non necessario, per ridurre al minimo la resistenza dei patogeni a questi ultimi, che sono le ultime “cartucce” che abbiamo per uccidere il batterio). La MDR-TBC va quindi curata necessariamente con farmaci di seconda linea. Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), la MDR-TBC è ormai presente praticamente in ogni area del mondo;
  2. Un’altra forma di TBC resistente è la TBC XDR (extensively drug-resistant), per fortuna ancora molto rara. Si tratta di una forma di micobatterio resistente anche ai farmaci di seconda linea.


Consulta le Strutture Sanitarie che effettuano una Visita pneumologica:
Dove effettuare una Visita pneumologica?


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Domande e risposte

Dove si prende la tubercolosi?

La tubercolosi polmonare è molto contagiosa. Si trasmette per via aerea attraverso goccioline di saliva emesse con la tosse di una persona che ha già sviluppato la malattia, in modo non dissimile a quello che accade con il temuto virus SARS-CoV-1 che provoca COVID-19.

Come si fa a capire se si ha la tubercolosi?

La diagnosi di tubercolosi si basa sull'esame radiologico del torace (qui le strutture che lo effettuano), un test cutaneo alla tubercolina (Intradermoreazione di Mantoux), esami del sangue e microscopico e coltura microbiologica dei fluidi corporei.

Quanto tempo ci vuole per curare la tubercolosi?

Il trattamento della forma attiva richiede l'assunzione di antibiotici multipli per un tempo variabile (di solito 6 mesi), in particolare Isoniazide, Rifampicina, Etambutolo (o Streptomicina) e Pirazinamide (definiti farmaci di prima linea). Il successo di questo trattamento, se eseguito correttamente per tutto il tempo necessario, è di oltre l'85%. Dopo circa 2 settimane dall'inizio del trattamento farmacologico, la probabilità di contagio crolla e il malato non è praticamente più in grado di trasmettere la malattia (fase non contagiosa).

Cosa vuol dire tubercolosi latente?

Circa 7 su 10 debellano il batterio autonomamente tramite il loro sistema immunitario, mentre poco meno di 3 su 10 hanno una forma cosiddetta latente, cioè asintomatica. La trasmissione dipende anche da quanto sono frequenti e prolungate le esposizioni a pazienti non trattati. La maggior parte di queste  persone non svilupperà mai la malattia, e non saprà mai di avere la tubercolosi latente. Nel 5-15% dei casi invece il batterio può attivarsi e la persona sviluppare un’infezione attiva vera e propria. Il problema della tubercolosi è proprio questa latenza: molte persone, specie anziane, sono entrate a contatto con il patogeno nel corso della loro vita, ma non lo sanno, finché la malattia non si presenta.

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold, giornalista freelance e consulente nell’ambito della comunicazione digitale. Si occupa di giornalismo sanitario data-driven principalmente su Infodata - Il Sole 24 Ore e Oggiscienza. Lavora per la maggior parte su temi legati all’epidemiologia, con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 è consulente per la comunicazione social media per l’Ufficio italiano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Collabora con alcune riviste mediche più specialistiche per Il Pensiero Scientifico Editore, con cui ha pubblicato nel 2015 il libro “Sotto controllo. La salute ai tempi dell’e-health”. Nel 2019 ha messo a punto HealthCom Program, un corso di formazione online di 10 lezioni sulla comunicazione sanitaria sui social media.

Ti è piaciuto il contenuto?

Condividilo sui tuoi canali

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...