Psoriasi: sintomi, cure, cause e trattamento

Psoriasi: sintomi, cure, cause e trattamento

Indice

Domande e risposte

Che cos' è la psoriasi?

La psoriasi è una patologia cronica infiammatoria, apparentemente solo dermatologica (ma che in realtà coinvolge più sistemi e che si manifesta principalmente attraverso la comparsa di chiazze cutanee). 
Il coinvolgimento delle articolazioni nel processo infiammatorio può essere causa di disabilità. Inoltre, da un punto di vista più generale, la psoriasi rappresenta un substrato che può creare predisposizione ad altre patologie.


Chi colpisce la psoriasi?

Questa malattia interessa dal 2 al 4% della popolazione mondiale, in Italia circa 3 milioni di persone.
L’esordio avviene generalmente fra i 15 ed i 35 anni.
La ricerca ha intercettato una predisposizione genetica allo sviluppo della malattia, che tuttavia riguarda solo il 10% circa dei pazienti, nei quali sono state individuate le varianti genetiche responsabili. Solo nel 2-4% di questi pazienti la malattia si manifesta. 
Mentre le persone di carnagione chiara sono a maggior rischio di sviluppo della malattia, i neri hanno una probabilità inferiore.


Qual è la causa della psoriasi?

Le cause della psoriasi sono dunque in parte genetiche, in parte ambientali e in un’altra parte immunologiche: è proprio l’interazione fra questi tre aspetti a determinare se e come la malattia si svilupperà.
Sono stati identificate alcune mutazioni che potrebbero avere un ruolo nel causare l’insorgenza della malattia. Alcuni aspetti genetici della psoriasi sono comuni alle malattie infiammatorie croniche dell’intestino, che sono spesso copresenti nei pazienti.
La psoriasi non è di per sé una malattia ereditaria, ma avere due genitori malati di psoriasi comporta una probabilità del 50% di sviluppare la malattia.


La psoriasi è contagiosa?

No, non è una malattia contagiosa


Perché si chiama psoriasi?

Il nome della malattia deriva dal termine spora, che significa prurito e che fu coniato da Galeno per definire una forma cutanea caratterizzata da arrossamento e desquamazione


Consulta le migliori strutture in Psoriasi: 
Immagine infografica che rappresenta una mano con psoriasi e lo strato dell'epidermide

Le cause della psoriasi

Cos’è la psoriasi? 

La psoriasi è una patologia cronica infiammatoria che comporta periodi di parziale remissione della sintomatologia seguiti da fasi di riacutizzazione 


Perché si manifesta? 

La psoriasi è causata da un’alterazione del sistema immunitario, responsabile di un processo infiammatorio, che aumenta la produzione di molecole quali il TNF-α (Tumor Necrosis Factor) nella pelle e a livello articolare.
Stimola la proliferazione dei cheratinociti, le cellule principali dell’epidermide.
Normalmente essi vengono prodotti negli strati più profondi dell’epidermide, per poi risalire durante la maturazione verso quelli più superficiali. 
La malattia accelera il processo naturale di ricambio cellulare ad un ritmo incompatibile con il funzionamento fisiologico dei cheratinociti, che sono costretti a raggiungerne la superficie troppo presto. 
La proliferazione ed il ricambio patologici dei cheratinociti portano allo sfaldamento della cute, che appare coperta di squame. Proprio in base a questo aspetto della malattia, essa viene anche definita come uno stato di instabilità della crescita dell’epidermide, che non riesce a trovare un equilibrio.


Quali sono i fattori che promuovono l’insorgenza della psoriasi?

Anche quando è presente una predisposizione ereditaria, sono stati individuati alcuni fattori che avrebbero un ruolo nell’attivazione della patologia:
  • Stress emotivi;
  • Fumo;
  • Alcol;
  • Sovrappeso;
  • Infezioni concomitanti sia di tipo virale che batterico: in particolare, le infezioni streptococciche sono fra le cause scatenanti della psoriasi guttata;
  • Traumi: un intervento chirurgico, un incidente stradale possono, presumibilmente attraverso lo stress che comportano per il corpo e la mente, generare una sorta di predisposizione allo sviluppo della malattia (secondo il cosiddetto Fenomeno di Koebner);
  • Farmaci: è possibile che alcune recidive siamo causate da interazioni con altri farmaci assunti dal paziente. Può accadere con i beta-bloccanti, gli ACE-inibitori, il litio, i sali dell’oro e gli antimalarici;
  • Deficit vitaminici: pare che sussista una relazione fra il deficit di vitamina D e lo sviluppo della malattia;
  • Ustioni solari.


Come evolve la malattia?

L’andamento della psoriasi è caratterizzato da periodi di remissione nei quali le manifestazioni della malattia si attenuano alternati a fasi di riesacerbazione (recidive), durante le quali compaiono le chiazze.
Immagine infografica che rappresenta le cause della psoriasi
 

Come si manifesta la sintomatologia della psoriasi

La psoriasi si manifesta attraverso la comparsa di macchie (che vengono definite chiazze) che hanno le seguenti caratteristiche:
  • Sono rosse:
  • Hanno margini netti e regolari;
  • Sono ispessite e quando sono molto rilevate vengono definite placche;
  • Sono ricoperte da squame bianco-argenteo (le squame sono il risultato della proliferazione patologica dei cheratinociti);
  • Possono comparire in qualsiasi area del corpo;
  • Possono avere diametro diverso e confluire fra loro fino a coprire vaste superfici cutanee.


Perché la psoriasi prude?

Le macchie della psoriasi possono essere pruriginose o asintomatiche (psoriasi senza prurito): uno dei sintomi più fastidiosi della psoriasi è il prurito, presente nel 70-80% dei casi di psoriasi a placche e che incide significativamente sulla qualità di vita.
Il prurito è causato dal rilascio del TNF-α nella cute.


Dove si manifesta la psoriasi?

Le lesioni della malattia interessano:
  • Il cuoio capelluto;
  • Le pieghe dei gomiti e delle ginocchia;
  • La regione del sacro;
  • I glutei (in particolare il solco intergluteo, anche vicino all’ano);
  • I genitali;
  • Possono essere interessate anche l’arcata sopraccigliare (anche vicino all’occhio, al naso e all’orecchio);
  • Le ascelle;
  • L'ombelico;
  • La regione perianale


Psoriasi e unghie

La psoriasi colpisce anche alcuni annessi cutanei, come le unghie, provocandone alterazioni sia nel colore che nello spessore (onicopatia psoriasica). 
Le modificazioni dell’unghia sono quasi sempre presenti e possono anche costituire il sintomo iniziale della malattia. Si tratta di infossamenti puntiformi della lamina ungueale, oppure striature longitudinali. 
Quando l’unghia viene attaccata pesantemente, può ispessirsi, sfaldarsi e staccarsi dal letto ungueale.
Immagine infografica che rappresenta la psoriasi al braccio

Psoriasi: solo una malattia della pelle?

Malgrado sia stata considerata in passato una malattia esclusivamente dermatologica, in tempi più recenti la visione della psoriasi è cambiata.
L’infiammazione prodotta dall’alterazione immunitaria alla base della malattia coinvolge anche il sistema articolare. causando Ne deriva la comparsa di dolore articolare:
  • Alle mani;
  • Ai polsi;
  • Alla schiena;
  • Alle caviglie.
Questa patologia genera dunque un quadro patologico multisistemico, nel quale la pelle è solo l’espressione esterna di un framework molto più generale. Un contesto nel quale la stessa pelle infiammata produce molecole pro-infiammatorie che circolano in tutto l’organismo. 
  • “Attenti a non considerarla solo una malattia cutanea” ammonisce il professor Piergiacomo Calzavara Pinton, Presidente della Società Italiana di Dermatologia e Direttore della Clinica Dermatologica dell’Università di Brescia. “Le lesioni cutanee rappresentano solo la punta di un iceberg. Tra le comorbidità rientrano, oltre alla ben nota artropatia, anche malattie infiammatorie croniche intestinali, patologie oculari, disturbi psicologici, malattie cardiovascolari e malattie metaboliche.” 
Negli ultimi anni, gli approfondimenti effettuati riguardo le malattie dermatologiche hanno permesso di comprendere meglio alcuni aspetti un tempo sottovalutati. Anche la dermatite atopica, un tempo ritenuta di pertinenza esclusiva della pelle, ha mostrato di avere una patogenesi molto più complessa. Queste osservazioni sono risultate utili per affinare le procedure di monitoraggio della malattia e aumentare la protezione dei pazienti dal rischio di complicanze.


Psoriasi e diabete

Le patologie che possono essere copresenti con la psoriasi riguardano il sistema cardiovascolare, metabolico, immunitario. Il fatto che nei pazienti con questa patologia sia persistente un basso grado di infiammazione aumenta il rischio di sviluppare sindrome metabolica e diabete


Psoriasi e artrite psoriasica: la psoriasi artropatica

Inoltre, una delle più note malattie associate alla psoriasi è l’artrite psoriasica (chiamata anche comunemente psoriasi alle ossa), una artropatia che colpisce il 10-30% di questi pazienti, generando dolore e gonfiore, fino ad evolvere verso un processo degenerativo invalidante, che erode l’articolazione. Le sedi generalmente colpite sono quelle, piccole, delle mani e dei piedi, che vengono deformate irreversibilmente dalla malattia. 


Psoriasi e infarto

Anche il cuore può essere coinvolto, nella fattispecie mediante l’associazione con le coronaropatie, l’aumentato rischio di infarto miocardico e di ictus cerebrale. Condizioni per le quali il rischio nei pazienti psoriasici risulta aumentato del 20% rispetto alla popolazione generale.


Psoriasi e disturbi dell’occhio

La psoriasi può causare un aumento del rischio di sviluppare l’emicrania o disturbi a carico degli occhi come la blefarite (infiammazione della palpebra) o l’uveite (infiammazione dell’uvea, la sottile membrana posta fra la sclera e la cornea, che può causare la perdita irreversibile della vista). 


Psoriasi e disturbi psichiatrici

In alcuni pazienti la psoriasi può essere associata a disturbi psichici. Di fatto, fra le persone che soffrono di questa malattia il tasso di suicidi e di dipendenza dall’alcol o dagli stupefacenti è più alto rispetto a quello della popolazione normale.
 

Quali sono i tipi psoriasi

Stabilire il grado della psoriasi

La psoriasi è considerata di grado lieve quando colpisce una superficie cutanea inferiore al 10%; quando è più estesa, può essere moderata o grave in base ai riferimenti proposti dai protocolli internazionali, come il Psoriasis Area and Severity Index.

La psoriasi può manifestarsi in forme diverse, che si differenziano per le caratteristiche macroscopiche delle chiazze ma che possono essere associate ad un diverso grado di compromissione di altri sistemi oltre a quello cutaneo:
  • Psoriasi a placche: è la forma più comune, che colpisce il 90% dei pazienti; è definita anche psoriasi cronica o psoriasi volgare e caratterizzata dalla presenza di chiazze arrossate circoscritte ricoperte di squame argentee; più intenso è l’eritema e più desquamata la placca, più è attiva la psoriasi;
  • Psoriasi guttata: questa forma viene messa in relazione all’acquisizione di infezioni dell’apparato respiratorio, in particolare quelle da Streptococco. Sembra, infatti, che vi sia somiglianza strutturale fra una sequenza aminoacidica presente nel batterio e la catena della cheratina. Si manifesta con macchie di dimensioni minori (da un millimetro ad un centimetro di diametro), leggermente rilevate (papule), disseminate sul tronco: questo aspetto le vale il nome comune di psoriasi a puntini. L’aspetto che rende le papule simili, come forma, dimensioni e distribuzione, a gocce di pioggia, giustifica il nome attribuito a questa variante della psoriasi;
  • Psoriasi pustolosa: le sue manifestazioni cutanee sono rappresentate da pustole, bolle di colore biancastro circondate da cute arrossata, che producono secrezioni bianco-giallastre (pus) e vengono successivamente ricoperte di croste. La distribuzione delle pustole si concentra nella regione palmare e plantare, tanto che la psoriasi pustolosa viene spesso confusa con patologie quali la disidrosi e la dermatite da contatto;
  • Psoriasi inversa: colpisce le pieghe del corpo (ascelle, inguine, regione sottomammaria), dove provocano la comparsa di lesioni di colore rosso acceso, lisce e lucenti;
  • Psoriasi eritrodermica: interessa tutta la superficie del corpo e si manifesta con la comparsa di aree di colore rosso intenso coperte di squame. Si tratta di una forma grave di psoriasi, che talvolta comporta la produzione di essudato, con conseguente squilibrio metabolico tale da richiedere il ricovero del paziente.
Immagine infografica che rappresenta vari tipi di psoriasi

Come si diagnostica la psoriasi

Psoriasi: chi la cura? 

La diagnosi della psoriasi si basa sul consulto da parte di un dermatologo qualificato in maniera specifica per questa patologia, che valuta l’aspetto clinico e la distribuzione delle macchie. 
Non è, infatti, sufficiente che sia uno specialista in dermatologia a seguire il paziente, ma serve un professionista che conosca la malattia, le sue sfumature e che sappia personalizzare il trattamento, monitorando il paziente nel tempo. 
L’appropriatezza prescrittiva, ossia la prescrizione dei trattamenti adeguati per il paziente e per il suo tipo di malattia, viene massimizzata ricorrendo alla consulenza di un esperto. Questo permette di migliorare la sintomatologia durante le fasi di riesacerbazione e di prolungare l’intervallo di remissione.


Come si accerta la psoriasi?

La visita accurata può essere seguita dalla biopsia cutanea, che viene eseguita di rado e assume un ruolo diagnostico vero e proprio soprattutto nelle forme non classiche. 
Inoltre, il medico può prescrivere anche un esame del sangue, allo scopo di controllare lo stato generale di salute, in particolare perché la malattia può produrre un coinvolgimento multisistemico .
In termini generali, la comparsa di macchie rosse sulla superficie del corpo deve sempre suggerire il consulto medico. È importante non ricorrere all’autodiagnosi, per evitare di peggiorare la sintomatologia e ritardare l’istituzione della terapia opportuna. 


La diagnosi differenziale della psoriasi

La psoriasi può essere confusa con altre malattie che causano l’esfoliazione della pelle, come la dermatite seborroica, la dermatite allergica da contatto e le dermatofitosi (micosi, infezioni dermatologiche causate da funghi). 
Inoltre, presenta alcuni aspetti comuni con altre patologie infiammatorie cutanee, come il lichen planus, il lichen simplex ed il lupus eritematoso.
Quando le placche sono isolate e non rispondono alla terapia, occorre considerare l’ipotesi che si tratti della Malattia di Bowen, un carcinoma della pelle.


Psoriasi e vitiligine

Queste due malattie della pelle hanno diversi aspetti in comune. 
In qualche raro caso, le macchie grigio argenteo possono essere scambiate per aree di depigmentazione, ma la psoriasi comporta una desquamazione accentuata che non si osservano nella vitiligine.
Si tratta di due patologie che coinvolgono, anche se in maniera diversa, il sistema immunitario e che possono essere associate ad altre malattie, come ipertiroidismo e diabete.
Per entrambe la fototerapia può essere un trattamento efficace ed entrambe causano ripercussioni psicologiche notevoli.
Immagine che rappresenta la psoriasi alle ginocchia
 

Psoriasi: come curarla

Nel trattamento della psoriasi, è particolarmente importante che il paziente segua scrupolosamente la terapia prescritta dal medico.


Psoriasi: cosa evitare? 

La persona con la psoriasi deve evitare di cambiare autonomamente lo schema del trattamento, ma, piuttosto, in caso di dubbio, consultare il medico per concordare con lui/lei un’eventuale modifica. 
La massimizzazione dell’aderenza terapeutica può estendere la durata delle fasi di remissione e migliorare la sintomatologia durante le recidive della malattia. Diversi studi hanno dimostrato come la bassa aderenza terapeutica incida negativamente e significativamente sulla qualità della vita. 


Come si cura la psoriasi lieve?

Per il trattamento delle forme lievi di psoriasi il medico può prescrivere medicinali per uso topico (formulati in crema, unguento o lozione) che hanno funzione emolliente (creme senza cortisone) e disinfiammante (anche cortisonici), oltre a prodotti detergenti specifici


Quali creme usare per la psoriasi lieve.

Gli emollienti comprendono creme e pomate a base di vaselina, paraffina che riducono la desquamazione cutanea. 
Un altro farmaco utile ad attenuare l’aspetto desquamato della cute è l’acido salicilico, che le squame, facilitandone il distacco e migliorando così l’assorbimento degli altri farmaci per uso topico.
Ad effetto antinfiammatorio, invece, le preparazioni a base di catrame, che, applicate in forma di unguento o soluzione, rallentano l’iperproliferazione dei cheratinociti. Generalmente questi prodotti vengono spalmati la sera, lasciati agire di notte e rimossi la mattina. 
Localmente possono essere applicati analoghi topici della vitamina D3, calcipotriolo e calcipotriene, che modulano la velocità di proliferazione dei cheratinociti.
Sulle lesioni che si manifestano sul viso, i medici preferiscono evitare l’applicazione di cortisonici e, in alternativa, ricorrere agli inibitori della calcineurina (tacrolimus e picrolimus), che comportano meno effetti collaterali. 


Cosa fare per la psoriasi delle unghie

Per il trattamento della psoriasi vengono impiegati anche retinoidi topici come il tazarotene, utile soprattutto nella psoriasi ungueale.


Psoriasi e fototerapia

Le forme di gravità intermedia possono beneficiare della fototerapia (che consiste nell’esposizione a speciali lampade a raggi UV) e della terapia farmacologica sistemica, orale o parenterale
La fototerapia è generalmente indicata per i pazienti con psoriasi diffusa, su cui agisce riducendo la risposta immunitaria e la velocità di replicazione dei cheratinociti 
La dose di radiazioni UVA somministrata deve essere calibrata adeguatamente per evitare ustioni.


Psoriasi e cortisonici

  • Nella psoriasi lieve, possono essere impiegati cortisonici per uso topico, che, applicati due volte al giorno, hanno azione disinfiammante della cute.
  • Nell forme moderate o gravi, devono essere usati per via sistemica, generalmente il per cicli di breve durata e a basse dosi. Tuttavia, i cortisonici per via orale possono scatenare effetti collaterali che peggiorano la malattia: per questa ragione si iniettarli localmente nelle lesioni resistenti.
Un’alternativa efficace consiste nell’applicazione con medicazione occlusiva di polietilene nell’area strettamente delimitata dalla lesione (quando sufficientemente piccola). 
I cortisonici devono essere applicati a livello della lesione, con secondo una frequenza che deve diminuire al miglioramento della sintomatologia, per scongiurare il rischio che la pelle si “abitui” ai farmaci e ne siano richieste dosi sempre maggiori per ottenere la stessa efficacia (tachifilassi). 
In questo modo è anche possibile minimizzare la comparsa di effetti collaterali quali l’atrofia cutanea, la formazione di smagliature e teleangectasie (dilatazione dei capillari superficiali, che li rende evidenti attraverso la cute).
La tipologia del farmaco viene selezionata in base al paziente e al quadro clinico della malattia.


Come si cura la psoriasi grave?

I casi più gravi di psoriasi vengono trattati con farmaci:
  • Antinfiammatori (metotrexato): vengono somministrati soprattutto quando la malattia coinvolge anche le articolazioni, in particolare nella artrite psoriasica;
  • Retinoidi sistemici: vengono generalmente impiegati nei casi resistenti agli altri farmaci, ma il loro uso deve essere attentamente disciplinato, perché si tratta di farmaci teratogenici, che possono cioè causare malformazioni nel feto se assunti in gravidanza;
  • Immuno-soppressori (ciclosporina), che vengono prescritti al paziente per cicli brevi in combinazione con altre terapie;
  • Immuno-modulatori biologici: di recente sono stati ottenuti ottimi risultati con medicinali prodotti attraverso l’uso delle biotecnologie. Il bersaglio di questa categoria di farmaci è costituito dal TNF-α, la sostanza prodotta dal corpo che contribuisce a generare l’infiammazione alla base della malattia Oltra a etanercept, adalimumab, infliximab e golimumab, i farmaci usati sono ustekizumab (che ha una certa efficacia sull’artrite psoriasica), tildrakizumab, risankizumab e guselkumab e l’ultima classe di farmaci biologici per la psoriasi (ixekizumab, bimekizumab e brodalumab.


I rimedi naturali per la psoriasi

Malgrado diversi studi siano stati condotti a riguardo, nessun rimedio fitoterapico o omeopatico hanno mostrato efficacia nel trattamento della psoriasi.


Il futuro della terapia della psoriasi

Sebbene il complesso di farmaci tradizionali e biologici oggi a disposizione consenta risultati impensabili solo fino a qualche anno fa, per molti pazienti la terapia è comunque inadeguata. Per questa ragione, la ricerca farmacologica è impegnata non solo nello sviluppo di nuovi farmaci, ma anche nell’identificazione di biomarcatori che consentano un approccio personalizzato al trattamento della malattia.
L’introduzione dei biosimilari dei farmaci biologici indicati per la psoriasi (già disponibili per etanercept, infliximab e adalimumab) ha ridotto il costo della terapia ed esteso l’accesso alle cure. 


Psoriasi e alimentazione

Come già precisato nel paragrafo dedicato, l’obesità è uno dei fattori scatenanti la psoriasi: in questi termini, è facile comprendere come una dieta ipocalorica possa supportare il trattamento dei pazienti sovrappeso, un fenomeno dimostrato da uno studio danese pubblicato su Jama Dermatology.


Psoriasi e bicarbonato di sodio

Uno dei pazienti con psoriasi resi celebri dalla storia è Marat, il rivoluzionario ritratto dal pittore francese Jacques-Louis David mentre indugiava nella vasca da bagno.  Sembra che Marat fosse solito immergersi per avere sollievo alla malattia dermatologica di cui soffriva, che, secondo le descrizioni, potrebbe trattarsi proprio di psoriasi. 
Il suo segreto era il caolino, chimicamente un silicato idrato di alluminio che ha azione antisettica e lenitiva. Marat scioglieva questa argilla bianca nell’acqua del bagno dove trascorreva gran parte del tempo quando i sintomi si riacutizzavano.
Al di là dei richiami storici, molti pazienti trovano sollievo con bagni nei quali hanno sciolto bicarbonato di sodio e qualche cucchiaio di olio di mandorle dolci, nutriente, vitaminizzante ed elasticizzante per la cute.
È importante fare seguire all’abluzione l’applicazione del trattamento emolliente prescritto dal dermatologo.
Immagine infografica che rappresenta vari trattamenti per curare la psoriasi
 

Come curare la psoriasi della testa 

Immagine che rappresenta la psoriasi sulla testa di una donnaQuella che viene comunemente definita psoriasi della testa, che interessa spesso anche le orecchie, è in realtà la psoriasi del cuoio capelluto. Le placche presenti in questa sede sono caratterizzate dalla produzione di copiose quantità di forfora e generalmente difficili da trattare. 
 

Esiste una crema per la psoriasi del cuoio capelluto?

Le lesioni del cuoio capelluto sono resistenti alla terapia sistemica. Inoltre, su di esse l’applicazione di farmaci topici e la rimozione delle squame sono rese impossibili dalla presenza dei capelli, che ostacolano anche il passaggio della radiazione UV della fototerapia. 
La sera può essere applicata sulla testa una sospensione di acido salicilico al 10% in olio minerale, da strofinare sul cuoio capelluto con le mani o con uno spazzolino da denti. Per potenziare l’assorbimento ed evitare la contaminazione del cuscino, è opportuno indossare una cuffia da doccia. 


Quale shampoo usare per la psoriasi della testa?

Al mattino successivo la sospensione deve essere rimossa con uno shampoo al catrame, da lasciare in posa 5-10 minuti prima di essere sciacquato. 
Durante il giorno sul cuoio capelluto si possono applicare gocce di soluzioni di cortisonici.
Se le placche presenti sulla testa del cuoio capelluto sono resistenti ai trattamenti convenzionali, è possibile iniettare localmente una sospensione di triamcinolone acetonide.
Non bisogna dimenticare che i traumi meccanici sono fra le prime cause di riacutizzazione della psoriasi: pertanto è opportuno evitare di grattare il cuoio capelluto con pettini o spazzole.


Cos’è la psoriasi a calotta?

Quando la malattia interessa il cuoio capelluto e si estende per gran parte della sua superficie, viene definita psoriasi a calotta.


Psoriasi e barba

La psoriasi del viso può estendersi anche alla barba. 
Per migliorare la sintomatologia, è importante detergere il viso con prodotti specifici, tamponare delicatamente con un asciugamano di cotone e applicare trattamenti locali più volte al giorno secondo la prescrizione del dermatologo.
 

La psoriasi alle mani e ai piedi: la Covid-19

Immagine che rappresenta un dermatologo che sta guardando la psoriasi nella testa di una donnaLa psoriasi che interessa le mani e i piedi è più correttamente definita psoriasi palmo-plantare e coinvolge non solo l’aspetto estetico, ma provoca dolori e sanguinamenti sotto i piedi e tra le dita, nonché difficoltà nell’afferrare gli oggetti, nella scrittura o, addirittura, nello stringere la mano al proprio interlocutore.
La psoriasi palmo-plantare può essere più facilmente confusa con altre patologie dermatologiche (eczema da contatto, eczema atopico, micosi) rispetto ad altre forme della malattia. Per questo motivo è importante consultare un dermatologo specializzato prima di iniziare qualsiasi trattamento.  
Sia le mani che i piedi sono aree difficili da trattare.
  • Per quanto riguarda le mani, è difficile applicare prodotti ad azione emolliente e nutriente e poi continuare a svolgere le azioni quotidiane. Inoltre, soprattutto in questa fase pandemica, devono essere lavate molto spesso: questo aspetto rischia di aggiungersi ai fattori irritativi della malattia.
  • A loro volta, i piedi sono soggetti ad attrito e occlusione, un fenomeno che necessita di cure particolari.
Per prevenire il peggioramento delle lesioni palmo-plantari, è consigliabile utilizzare detergenti adatti (su consiglio del dermatologo o del farmacista), evitare i lavaggi troppo frequenti e l’acqua troppo calda. È anche bene applicare il trattamento emolliente dopo ogni lavaggio e ricordarsi di indossare guanti di gomma per proteggere la pelle quando si utilizzano detersivi o altre sostanze aggressive.

La psoriasi e i bambini

Nei bambini molto piccoli la dermatite seborroica (crosta lattea) può, in determinate circostanze, evolvere verso la psoriasi. 
La psoriasi in età pediatrica può comparire come:
  • Napkin psoriasis: le manifestazioni cutanee, di colore rosso intenso e di aspetto lucido e solo raramente desquamate, compaiono nell’area del pannolino e si estendono anche le pieghe;
  • Psoriasi inversa: coinvolge il cavo ascellare, le pieghe inguinali, l'area genitale e l'ombelico, con la comparsa di lesioni di colore rosso intenso non desquamate;
  • Psoriasi guttata: comporta la formazione di piccole chiazze (1-2 cm di diametro), a volte anche molto fitte e distribuite su tutto il corpo. Uno dei fattori scatenanti per questa forma di psoriasi è rappresentato da infezioni microbiche, in particolare quelle respiratorie e otorinolaringoiatriche tipiche dei bambini.
L'artrite psoriasica è un’evenienza molto rara in età pediatrica.
Nei bambini la psoriasi viene trattata quasi solo per via topica con creme a base di cortisonici, analoghi della vitamina D₃ (calcipotriolo), retinoidi (tazarotene), preparazioni a base di catrame vegetale, antinfiammatori non steroidei
Sono molto utilizzate, e con grande efficacia, le creme emollienti ed idratanti. 
Se la desquamazione è cospicua, possono essere applicate creme cheratolitiche, che facilitano il distacco e l’eliminazione delle squame, a base di acido salicilico, urea e miscele di alfa e beta idrossiacidi. 
Nelle forme diffuse viene praticata la fototerapia, ma per questo trattamento nei bambini occorre valutare attentamente rischi e benefici
Immagine che rappresenta una bambina che si gratta il braccio

Chi ha la psoriasi vive meno?

La psoriasi è una malattia complessa, che, come approfondito nel paragrafo dedicato, mette a dura prova la resistenza psicologica dei pazienti. Gli studi mostrano una riduzione nell’aspettativa di vita, che va dai 3 anni negli uomini ai 5 nelle donne rispetto alla popolazione normale.
Fra i pazienti affetti da questa malattia il consumo di alcol e di sostanze stupefacenti è più diffuso rispetto alla popolazione di controllo. Inoltre, la psoriasi è spesso associata a malattie che minano l’integrità delle articolazioni o condizioni che possono evolvere verso il diabete e causare un aumento del rischio cardiovascolare.

Psoriasi: la vaccinazione antinfluenzale

Proteggersi da infezioni virali che possono contribuire ad una riacutizzazione della malattia è importante per tutte le persone che soffrono di psoriasi. 
Malgrado sia sempre consigliato un consulto previo con il proprio dermatologo, la psoriasi non rappresenta una controindicazione in senso assoluto per la vaccinazione antinfluenzale, così come non lo è l’assunzione di terapie immunosoppressive.
Potrebbe essere opportuno rimandare la vaccinazione solo se la malattia si trova in una fase di riacutizzazione, nella quale agirebbe come fattore scatenante, secondo il Fenomeno di Koebner descritto nei paragrafi iniziali.


Chi ha la psoriasi può fare i tatuaggi?

Non dovrebbe. Si è infatti osservato che, in un paziente su 4 il tatuaggio scatena un peggioramento della malattia. Viene definita reazione isomorfica e consiste nella comparsa di una risposta irritativa, che comporta arrossamento, prurito e desquamazione.
L’introduzione di pigmenti nella pelle altera il suo equilibrio e può causare una reazione infiammatoria che si sovrappone e inasprisce quella già associata alla malattia.


Ho la psoriasi: posso comunque donare il sangue?

Solo nel caso della psoriasi cutanea senza danno d’organo è consentita la donazione di sangue. La presenza del danno d’organo esclude l’idoneità.

L’impatto psicologico e l’aspetto sociale della psoriasi

Immagine che rappresenta una donna dallo psicologo per parlare della sua psoriasiFra le comorbidità associate alla psoriasi ci sono anche i disturbi dell’umore, un aspetto della malattia che in passato è stato sottovalutato. Spesso si tende a ridurre il coinvolgimento psicologico del paziente al tema dello stress. Tuttavia, parlare di stress significa qualche volta banalizzare la questione. Non tutti i pazienti sono stressati, non tutti sono colpiti dalle ripercussioni psicologiche della malattia. Inoltre, il fatto che la gravità delle recidive dipenda anche dallo stress spesso spinge parenti e amici ad addebitare al paziente stesso la responsabilità delle sue condizioni, della sua incapacità di gestire lo stress.
  • Come precisato dalla dottoressa Vera Tengattini, specialista in Dermatologia e Venereologia, Assegnista di Ricerca presso l’Università di Bologna e Fondatrice del progetto PsoPsiche di fondazione Corazza, per molti pazienti si rende necessario un supporto psicologico, che diventa parte integrante della terapia. Occorre sviluppare una maniera personalizzata di gestire la malattia, che si adatti alle sue caratteristiche e a quelle del paziente.
Dall’esperienza professionale degli esperti emerge che coloro che fanno più frequentemente richiesta di un supporto psicologico sono le persone colpite dalla malattia in forma moderata-severa, che dovrebbero ricevere maggiore attenzione clinica. Ma anche alcune forme di psoriasi lievi possono comportare pesanti ripercussioni sul tono dell’umore. Pensiamo, ad esempio, alle forme che si manifestano in zone particolari del corpo, come l’area genitale, il cuoio capelluto o in parti molto esposte, come le mani e il viso. 
  • “Le persone con psoriasi hanno maggiore possibilità di soffrire di depressione rispetto al resto della popolazione”, spiega la dottoressa Tengattini. “Una delle conseguenze della psoriasi può essere anche la cosiddetta pathological worrying” prosegue “ovvero una preoccupazione eccessiva per il peggioramento della patologia che, se estrema, può avere un effetto significativo e dannoso sull’outcome terapeutico”. 
La continua ansia per le condizioni della propria pelle determina uno stato di agitazione che paradossalmente persiste anche durante le fasi di remissione: il paziente ha la certezza che la malattia tornerà, che la recidiva arriverà. Ma, non sapendo quando, considera ogni momento come buono.
Neppure il contesto sociale sembra aiutare le persone affette da psoriasi, almeno stando a quanto mostrato da alcune survey. Valeria Corazza, Presidente di Fondazione Corazza Onlus Psoriasi & Co. e APIAFCO, commenta i risultati sorprendenti di un sondaggio condotto su una popolazione di ragazzi in età da liceo: molti di loro ritengono la psoriasi una malattia contagiosa. Questo ed altri pregiudizi contribuiscono a creare uno stigma attorno alla psoriasi, che catalizza superstizione e paura e non promuove ma frena lo sviluppo di una consapevolezza piena sulla malattia.

La bellezza nell’imperfezione

Fondazione Corazza ha patrocinato la produzione di una mostra fotografica in 15 scatti d’autore, attraverso la collaborazione con talentuosi fotografi ed una madrina d’eccezione. La mostra sarà visitabile a Bologna dal 26 al 31 ottobre. 
Una bellissima paziente è diventata per l’occasione testimonial della Fondazione. Un impegno nella direzione dell’abbattimento delle barriere che ancora ostacolano la corretta gestione della malattia. 
  • La mostra, curata da Manuela Valentini, ha come protagonista Carlotta Savorelli, che dice di se stessa: “Ogni scatto fotografico mi ha permesso di osservare Carlotta attraverso gli occhi dell’altro: solo così il mio giudice interiore è stato malamente licenziato, lasciando spazio ad una nuova visione di me. Più completa, arrendevole accogliente, dolce”. 
Le gigantografie che la ritraggono per l’iniziativa "La Bellezza nell’Imperfezione" e che verranno esposte in 5 grandi città italiane (Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli) sono un inno alla bellezza, anche nell’imperfezione, che ne arricchisce il valore.

Pazienti celebri

Fra i pazienti più popolari, di due delle sorelle più note in America, Kim Kardashian e Kylie Jenner, che sembrano avere ereditato dalla madre la predisposizione allo sviluppo della malattia.
Abituate a raccontarsi nei loro seguitissimi account Instagram, non hanno mai nascosto la malattia
Kim ha descritto cosa ha significato per lei l’esordio della malattia, la sua incredulità nell’osservare il peggioramento di quello che credeva un eczema e l’intervento della madre, che ne ha riconosciuto la sintomatologia per prima.
Su Instagram ha ragguagliato i followers su come copre gli inestetismi causati dalla malattia e su come sia alla ricerca perpetua di un rimedio in grado di controllare la sintomatologia


Consulta le migliori strutture per una Visita dermatologica:
Dove effettuare una Visita dermatologica?

Domande e risposte

Come ci si accorge di avere la psoriasi?

La psoriasi si manifesta attraverso la comparsa di macchie rosse, a margini netti e regolari, ispessite e ricoperte da squame bianco-argenteo. Le placche della psoriasi possono comparire in qualsiasi area del corpo, comprese le unghie. Sono associate a prurito. 

Che cos’è e come si cura la psoriasi?

La psoriasi è una patologia cronica infiammatoria, apparentemente solo dermatologica (ma che in realtà coinvolge più sistemi) caratterizzata da andamento cronico e che si manifesta principalmente attraverso la comparsa di chiazze cutanee. 
Le forme lievi vengono trattate con medicinali per uso topico (formulati in crema, unguento o lozione) che hanno funzione emolliente (creme senza cortisone) e disinfiammante (anche cortisonici, usati anche per le forme più intense), oltre a prodotti detergenti specifici. In alcuni casi, può trovare indicazione la fototerapia. I casi più gravi vengono trattati con antinfiammatori (metotrexato) o immunosoppressori e immunomodulatori biologici.

Quando scompare la psoriasi?

La psoriasi è una patologia cronica, che non guarisce completamente, ma che attraversa periodi di remissione, durante i quali le lesioni scompaiono o sono comunque meno visibili e sintomatiche.

Come lavarsi i capelli se hai la psoriasi?

Le placche presenti sul cuoio capelluto sono caratterizzate dalla produzione di copiose quantità di forfora e generalmente difficili da trattare. La sera può essere applicata sulla testa una sospensione di acido salicilico al 10% in olio minerale, da strofinare sul cuoio capelluto con le mani o con uno spazzolino da denti. Per potenziare l’assorbimento ed evitare la contaminazione del cuscino, è opportuno indossare una cuffia da doccia. Viene anche consigliato uno shampoo al catrame, da lasciare in posa 5-10 minuti prima di essere sciacquato. Se le placche presenti sulla testa sono resistenti ai trattamenti convenzionali, è possibile iniettare localmente una sospensione di triamcinolone acetonide.

Come si prende la psoriasi?

La psoriasi non è una malattia contagiosa, ma è causata da un’alterazione del sistema immunitario, responsabile di un processo infiammatorio, che aumenta la produzione di molecole quali il TNF-α (Tumor Necrosis Factor) nella pelle e a livello articolare. Esistono fattori che possono promuoverne l’insorgenza: stress emotivi e fisici, fumo, alcol, sovrappeso, infezioni, traumi (interventi chirurgici, incidenti stradali), farmaci, deficit vitaminici, ustioni solari.

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

In collaborazione con

Monica Torriani

Monica Torriani

Dopo la Laurea Magistrale in Farmacia, l’internship in una Farmacia ospedaliera e l’abilitazione professionale, per diversi anni mi sono dedicata a crescere i miei 4 figli. Ritornata nell’ambiente professionale, ho fondato il blog WELLNESS4GOOD, un progetto che interpreta il bisogno sociale di comunicazione fruibile e verificata sui farmaci. Scrivo per diverse testate su carta stampata e web, collaboro con l’industria farmaceutica e le farmacie e mi occupo di consulenza scientifica. Socia delle società scientifiche AFI e SIARV, sono membro del Gruppo di Lavoro "Dispositivi Medici" di quest’ultima. Oltre ai canali social (di seguito segnalati) e al blog mi potete trovare anche su Instagram.

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...

Installa subito l'APP
e resta sempre aggiornato!