Maculopatia: cause, primi sintomi e come tenerla sotto controllo

  Maculopatia: cause, primi sintomi e come tenerla sotto controllo

Indice


Domande e risposte 
 

Maculopatia: che cos’è

La maculopatia (o degenerazione maculare) è una malattia dell’occhio che coinvolge la parte centrale della retina, detta appunto macula, di pazienti solitamente anziani, provocando una progressiva scomparsa della vista centrale a uno o a entrambi gli occhi. Di rado la maculopatia porta alla cecità totale, dal momento che la visione periferica e laterale viene conservata.
La macula è quella parte dell’occhio che si trova al centro della retina e che permette la visione centrale, quella cioè che ci serve per leggere, riconoscere i volti, guidare, camminare. Al centro della macula si trova la foveola, la zona più sottile in cui troviamo i coni, i fotorecettori che trasformano i segnali luminosi in impulsi bioelettrici che ci permettono fra le altre cose di percepire i colori.
Al momento non vi sono cure per la maculopatia, ma possiamo fare prevenzione e curare i sintomi supportando la vista per permettere alle persone colpite una vita autonoma.


Consulta le Strutture Santiarie che effettuano una visita per maculopatia:
Dove effettuare una visita per maculopatia?
Immagine infografica che rappresenta l'anatomia dell'occhio e maculopatia
 

Maculopatia secca e umida

Qualsiasi maculopatia, indipendentemente dalla causa che la genera, può presentarsi in due forme:
  • Atrofica (o secca). Si tratta della forma meno aggressiva, con un’ evoluzione lenta. E’ causata dal progressivo assottigliamento della parte centrale della retina, che piano piano finisce per atrofizzarsi. Sono solitamente colpiti entrambi gli occhi e solo nel 10-15% dei casi si evolve nel tempo nella forma essudativa, più grave. C’è modo di prevenire questo passaggio facendosi seguire periodicamente da uno specialista;
  • Essudativa (o umida) è meno comune, ma più grave e dall’evoluzione più rapida. La differenza è la presenza di nuovi vasi sanguigni retinici nella sede maculare al centro della retina che causano emorragie, favorendo l’accumulo di liquido (edema) danneggiando il tessuto della retina .La terapia prevede iniezioni intravitreali per tenere sotto controllo queste infezioni e bloccare la crescita dei nuovi vasi.

Cause della maculopatia

In realtà sarebbe bene parlare di maculopatie, al plurale, distinguendo le forme ereditarie e quelle acquisite. Ricordiamo che ogni maculopatia, indipendentemente dalla causa che la genera, può presentarsi in una forma secca oppure umida.

Le rare forme ereditarie sono dovute a: Chi ha familiari stretti con maculopatia ha maggiore probabilità di sviluppare la stessa malattia.

Le più comuni forme acquisite, invece sono solitamente dovute all’invecchiamento, a traumi o a infezioni e sono:
  • Anzitutto la degenerazione maculare legata all’età o maculopatia senile (AMD), la è forma più comune che riguarda generalmente persone con più di 55 anni di età. È attualmente la prima causa di perdita grave di vista al mondo;
  • Pucker maculare
  • Maculopatia miopica in persone con miopia avanzata (sopra le 10 diottrie). Nei miopi gravi l’occhio è più lungo del normale e quindi la macula è “stiracchiata”;
  • Maculopatia da infezioni (corioretinite da Toxoplasma);
  • Fenomeni infiammatori (come uveite);
  • Traumi;
  • Problemi vascolari a carico dell’occhio;
  • Diabete;
  • Complicanze post-operatorie (come edema maculare cistoide dopo intervento per correzione di cataratta);
  • Maculopatia da assunzione di farmaci (in particolare antimalarici come idrossiclorochina, che provocano forme come la cosiddetta maculopatia a occhio di bue, caratterizzata dall’anello di depigmentazione intorno alla parte centrale della retina).

Il pucker maculare

Un’altra forma di maculopatia piuttosto comune fra le persone adulte e anziane è il pucker maculare, noto anche come “maculopatia cellophane”, perché coinvolge la membrana fra il vitreo e la macula, che a causa di proliferazione cellulare finisce per ispessirsi e raggrinzirsi impedendo la visione dei dettagli. In questi casi è possibile sottoporti a intervento chirurgico tramite  vitrectomia (rimozione del corpo vitreo) e nel peeling del pucker. In questo modo la retina ritorna integra, la capacità visiva migliora e si riducono annebbiamento e distorsione delle immagini.

I primi sintomi della Maculopatia

Ci sono alcuni sintomi che suggeriscono la presenza di qualche problema alla macula, da approfondire:
  • Annebbiamento e visione di immagini distorte al centro del campo visivo;
  • Presenza di macchie fisse nel campo visivo;
  • Difficoltà a leggere;
  • Difficoltà a concentrare la vista su piccoli dettagli.
Dopo alcuni mesi o anche anni è possibile iniziare a vedere gli oggetti posti davanti a noi in modo rimpicciolito e deformato (questo sintomo di chiama “metamorfopsia”), si potrebbero avere difficoltà nel distinguere i colori e potrebbe comparire una sorta di macchia al centro della propria visione (il cosiddetto “scotoma”) mantenendo, però, quella laterale (questo sintomo si chiama “perdita della visione centrale”). E come se, guardando il viso di una persona, si riescano a vedere le orecchie ma non il naso. Inoltre, un altro sintomo tipico di questa malattia è la distorsione delle linee dritte per cui si potrebbero vedere distorti i profili di una casa, di una porta, di un armadio o di un muro.

La differenza fra la forma secca (meno grave) e quella umida (più grave) emerge anche nella rapidità di comparsa dei sintomi. La forma secca emerge nel corso degli anni ed è indolore, ci si accorge quando si comincia a notare che la vista è diversa dal solito o che si inizia a fare fatica a leggere e a concrentrarsi sui dettagli. 
Nella forma umida invece la perdita è molto rapida, anche in pochi giorni o settimane ed emerge prevalentemente con la distorsione della vista (per esempio linee rette percepite come curve).  

Diagnosi di maculpoatia

La diagnosi di maculopatia (in forma di AMD, pucker, ecc) la può eseguire il medico oculista. Inizia solitamente con il test di acuità visiva per valutare la funzionalità maculare. Chi soffre di problemi alla macula guardando attraverso un foto vedrà l’oggetto in modo offuscato, anche in presenza di occhiali o lenti a contatto
Un secondo test è l’esame del fondo oculare, che esamina lo stato della retina e della macula.
Vi è poi in test di Amsler, particolarmente utile nel caso del pucker, dove si richiede al paziente di fissare un punto nero al centro di una griglia a quadretti. In questo modo lo specialista può valutare la capacità visiva intorno al punto che il paziente sta fissando. Chi soffre di maculopatia vedono le linee deformate, non perpendicolari come chi ha una vista sana. 

In caso di dubbio di trovarsi in presenza di malattia, si può sottoporre la persona a indagini strumentali non invasive, come l’OCT (tomografia ottica) che prodice scansioni della cornea e della macula,  l’angio-Oct per visualizzare i vasi sanguigni della retina, o la fluorangiografia (che fotografa l’occhio ad altissima risoluzione ed è utile per individuare eventuali patologie).

 
Immagine che rappresenta una persona che sta facendo l'esame del fondo dell'occhio
 

Trattamenti per la degenerazione maculare

Non esistono cure per la degenerazione maculare, ma degli aiuti per ridurre i sintomi e migliorare la vista compromessa, consentendo alle persone di vivere una vita autonoma.
  • La forma secca viene supportata con supplementi vitaminici antiossidanti: vitamine C, E, e B, selenio, zinco, ma anche luteina, e zeaxantina. È importante una dieta ricca di carotenoidi e acidi grassi poliinsaturi, che si trovano ampiamente in frutta e verdura. È sempre bene però cambiare dieta sotto consiglio e controllo di uno specialista. Evitare i fai da te. Il medico oculista saprà poi valutare il singolo caso e consigliare eventuali terapie farmacologiche di supporto. Nella vita quotidiana si può beneficiare dell’utilizzo inoltre di lenti intraoculari per maculopatia che possono essere inserite con un intervento chirurgico nell’occhio. Esistono anche occhiali specifici per maculopatia con filtri colorati;
  • Nel caso di forma umida, oltre ai supplementi vitaminici da assumersi sotto stretto controllo medico,  a seconda della situazione specifica del paziente il medico potrà proporre l'iniezione intravitreale di farmaci antagonisti del fattore di crescita che supportare il ripristino della vista in attività come la lettura, l’intervento di vitrectomia (per esempio nel caso del Pucker), le lenti intraoculari, o terapie al laser di ultima generazione (laser micropulsato). Questa tecnica permette di evitare le emorragie dei vasi che vengono individuate tramite fluoroangiografia. La vista non migliorerà ma almeno si rallenterà la progressione.
 Molto simile è la tecnica di “fotodinamica”. In entrambi i casi, comunque, bisogna considerare che i rischi di complicanze ci sono, anche se rari.

Come prevenire la maculopatia

La prevenzione consiste, innanzitutto in una dieta sana, limitando fumo e consumo alcol e proteggendo gli occhi dai raggi ultravioletti con occhiali da sole. È importante poi controllare lo stato della pressione, della glicemia e della colesterolemia già intorno ai 40 anni. Fondamentale è anche l’assunzione di vitamine (in particolare A, E, C) e minerali, in particolare per evitare la malattia nel secondo occhio in persone che ne siano già affette nell’altro. Secondariamente, molto importante è riconoscere il prima possibile i sintomi della patologia per avere l’opportunità di consultare il medico di famiglia o lo specialista prima dello sviluppo della malattia.

Agire sui sintomi significa correggere il deficit di visione tramite una “educazione comportamentale”, che consiste nell’insegnamento da parte di specialisti del settore a sfruttare la visione periferica in modo adeguato. Si tratta di una sorta di fisioterapia dell’occhio estremamente utile per chi ha perso la visione centrale. Questo tipo di trattamento è indicato per tutti.



Consulta le Strutture Santiarie che effettuano una visita oculistica:
Dove effettuare una visita oculistica?

Immagine che rappresenta una persona con degli occhiali da sole



RIFERIMENTI BIBLIOGAFICI

Domande e risposte

Cosa è la maculopatia e come si cura?

La maculopatia (o degenerazione maculare) è una malattia dell’occhio che coinvolge la parte centrale della retina, detta appunto macula, di pazienti solitamente anziani, provocando una progressiva scomparsa della vista centrale a uno o a entrambi gli occhi. La forma atrofica (o secca), meno aggressiva e con un’ evoluzione lenta, è causata dal progressivo assottigliamento della parte centrale della retina, che piano piano finisce per atrofizzarsi. La forma essudativa (o umida), più grave è dovuta a edemi provocati da emorragie di nuovi vasi sanguigni retinici nella sede maculare al centro della retina. 

Come vede chi soffre di maculopatia?

Dopo alcuni mesi o anche anni è possibile iniziare a vedere gli oggetti posti davanti a noi in modo rimpicciolito e deformato (questo sintomo di chiama “metamorfopsia”), si potrebbero avere difficoltà nel distinguere i colori e potrebbe comparire una sorta di macchia al centro della propria visione (il cosiddetto “scotoma”) mantenendo, però, quella laterale (questo sintomo si chiama “perdita della visione centrale”). E come se, guardando il viso di una persona, si riescano a vedere le orecchie ma non il naso. Inoltre, un altro sintomo tipico di questa malattia è la distorsione delle linee dritte per cui si potrebbero vedere distorti i profili di una casa, di una porta, di un armadio o di un muro.

Cosa non fare con maculopatia?

La prevenzione consiste, innanzitutto in una dieta sana, limitando fumo e consumo alcol e proteggendo gli occhi dai raggi ultravioletti con occhiali da sole. È importante poi controllare lo stato della pressione, della glicemia e della colesterolemia già intorno ai 40 anni. Fondamentale è anche l’assunzione di vitamine (in particolare A, E, C) e minerali, in particolare per evitare la malattia nel secondo occhio in persone che ne siano già affette nell’altro. Secondariamente, molto importante è riconoscere il prima possibile i sintomi della patologia per avere l’opportunità di consultare il medico di famiglia o lo specialista prima dello sviluppo della malattia.

A cosa porta la maculopatia?

La maculopatia (o degenerazione maculare) è una malattia dell’occhio che coinvolge la parte centrale della retina, detta appunto macula, di pazienti solitamente anziani, provocando una progressiva scomparsa della vista centrale a uno o a entrambi gli occhi. Di rado la maculopatia porta alla cecità totale, dal momento che la visione periferica e laterale viene conservata.

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold

Cristina Da Rold, giornalista freelance e consulente nell’ambito della comunicazione digitale. Si occupa di giornalismo sanitario data-driven principalmente su Infodata - Il Sole 24 Ore e Oggiscienza. Lavora per la maggior parte su temi legati all’epidemiologia, con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 è consulente per la comunicazione social media per l’Ufficio italiano dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Collabora con alcune riviste mediche più specialistiche per Il Pensiero Scientifico Editore, con cui ha pubblicato nel 2015 il libro “Sotto controllo. La salute ai tempi dell’e-health”. Nel 2019 ha messo a punto HealthCom Program, un corso di formazione online di 10 lezioni sulla comunicazione sanitaria sui social media.

Ti è piaciuto il contenuto?

Condividilo sui tuoi canali

Più letti


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...