Chirurgia robotica mini-invasiva della mammella: intervista all'Istituto di Candiolo

Chirurgia robotica mini-invasiva della mammella: intervista all'Istituto di Candiolo

Chirurgia robotica mini-invasiva della mammella: a che punto siamo?

Intervista al Dott. Antonio Toesca, Direttore del Programma di Chirurgia Senologica presso l'Istituto di Candiolo


La chirurgia mini-invasiva robotica della mammella è una tecnica che fornisce al chirurgo una corretta visione ed esposizione dei tessuti da rimuovere così da salvaguardare il più possibile i tessuti sani della donna affetta da tumore al seno. Il primo intervento al mondo di questo tipo è stato eseguito proprio in Italia nel 2014 con promettenti risultati per quanto riguarda la qualità di vita delle pazienti.

Antonio Toesca, Direttore del Programma di Chirurgia Senologica presso l'Istituto di Candiolo (Torino), ci spiega di cosa si tratta e a che punto è la ricerca scientifica.
 
Immagine che rappresenta il dottor Antonio Toesca dell'Istituto di Candiolo


In cosa consiste questa opzione chirurgica?

La chirurgia oncologica robotica applicata all’intervento di mastectomia - l'asportazione chirurgica della mammella - prevede la possibilità di risparmiare con precisione il complesso areola capezzolo, il lembo cutaneo e sottocutaneo che contiene i vasi sanguigni superficiali, i tessuti sani e di ridurre al minimo la cicatrice chirurgica, che viene nascosta in regione ascellare, lontano dalla mammella, “lontano dagli occhi”.
L’impiego del robot durante questi interventi chirurgici facilita l’asportazione corretta di aree lontane dall'incisione cutanea, per consentire di aumentare la precisione chirurgica, con una migliore visualizzazione delle strutture anatomiche e dei tessuti sani da conservare. 
Questa tecnica permette di avere un impatto positivo sul risultato cosmetico e sulla qualità di vita post-operatoria.   
Obiettivo della chirurgia mini-invasiva robotica è di ottenere risultati tecnici ed estetici superiori rispetto alla chirurgia classica mantenendo gli stessi principi oncologici della mastectomia standard.

 
Senologia - Istituto di Candiolo: prenota la prestazione

 

Immagine che rappresenta una dottoressa che sta facendo una mammografia


A che punto è la ricerca per questo tipo di chirurgia?

Si tratta di una metodica di nuova concezione. Obiettivi della prima fase della sperimentazione sono stati:
  • Verificare la sicurezza chirurgica;
  • Monitorare il tasso di complicanze post-operatorie;
  • Verificare il tasso di conversione ad intervento classico;
  • Monitorare le problematiche peri-operatorie ed anestesiologiche e confrontare i risultati con casistiche differenti provenienti da diversi Cancer Center a livello internazionale. 
Una volta registrati e condivisi i dati provenienti da molteplici centri accreditati nel mondo, la sfida è stata capire i potenziali vantaggi per le pazienti e identificare quali potessero trarre più giovamento da questo tipo di approccio. 
Obiettivo della seconda fase della ricerca è stato comprendere i reali vantaggi per la donna
Perciò è stato condotto uno studio scientifico randomizzato (A Randomized Trial of Robotic Mastectomy versus Open Surgery in "Women With Breast Cancer or BRCA Mutation"), poi pubblicato su una delle riviste scientifiche più prestigiose - Annals of Surgery – in cui è stato operato un confronto tra le pazienti sottoposte a chirurgia senologica classica e quelle sottoposte al nuovo intervento di chirurgia mini-invasiva robotica. 
Il risultato più eclatante è stato quello relativo alla qualità di vita post-operatoria. Le donne sottoposte a chirurgia robotica hanno riferito una miglior qualità di vita dopo l'intervento.

 
Immagine che rappresenta una persona che soffre di tumore al seno


Quali sono i limiti di questa metodica?

Sebbene l’intervento chirurgico sia di facile concezione, non può essere eseguito in tutti i centri che operano il seno a causa dell’elevata specializzazione che richiede e per la necessità di avere a disposizione il Robot, apparecchio costoso e di complessa gestione. Dunque questo intervento può essere eseguito unicamente in un centro di riferimento dedicato.
Un altro limite è che questa tecnica deve essere eseguita in un centro che disponga di protocolli clinici che prevedano la standardizzazione della metodica all’interno di percorsi interni che garantiscano la buona riuscita dell’intervento in termini di sicurezza chirurgica ed oncologica
Tenuto conto di tutto ciò, questa opportunità può essere offerta solo dai centri dedicati alla cura del tumore, i Cancer Center più moderni che hanno la possibilità di formare i propri chirurghi da un punto di vista culturale, di aggiornamento scientifico e pratico e che dispongono di apparecchiature adeguate. Penso che i centri di riferimento in Italia ed Europa dovrebbero poter offrire questo tipo di approccio quando indicato. 
Attualmente i centri che offrono questo tipo di chirurgia mini-invasiva robotica sono pochissimi in Europa e possono essere considerati l’orgoglio dei migliori sistemi sanitari. 


Quali previsioni si possono fare per quanto riguarda il futuro della chirurgia per la cura del tumore al seno?

Sicuramente assisteremo ad una riduzione dei trattamenti demolitivi grazie alla diagnosi sempre più precoce ed all’approccio multidisciplinare che sempre più coadiuva la chirurgia con terapie farmacologiche pre-operatorie (in grado di ridurre l’impatto chirurgico). Il sogno, spero realizzabile, è quello di non operare più in futuro (nell'ottica di avanzamento della chirurgia conservativa della mammella). 


Istituto di Candiolo: scopri le specializzazioni

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
Toesca A et al., A Randomized Trial of Robotic Mastectomy versus Open Surgery in Women With Breast Cancer or BRCA Mutation. Annals of Surgery - doi: 10.1097/SLA.0000000000004969. Epub ahead of print. PMID: 34597010

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Michela Crippa

Michela Crippa

Giornalista professionista, da oltre dodici anni mi occupo di giornalismo medico-scientifico per le riviste e i siti del Gruppo Sfera (Rizzoli) scrivendo principalmente di salute e alimentazione. Ho lavorato come redattore presso il mensile "Donna e Mamma" e oggi curo la rubrica delle news in primo piano di "Io e il Mio Bambino" e realizzo reportage sulle strutture ospedaliere per la sezione viaggi nei centri di eccellenza. Inoltre lavoro come addetta stampa del portale Dove e Come Mi Curo.

Ti è piaciuto il contenuto?

Condividilo sui tuoi canali

Più letti


Leggi anche


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...