Orecchio: esterno e interno, sistema uditivo e malattie

Orecchio: esterno e interno, sistema uditivo e malattie

Indice


Domande e risposte



L’orecchio è il principale organo del sistema uditivo umano ed anche la sede dell’organo dell’equilibrio.
Si tratta di un organo pari, ossia situato in entrambi i lati del corpo in maniera simmetrica.

È posto nella regione temporale del cranio, quella corrispondente alla tempia. Si compone di diverse parti, alcune visibili (orecchio esterno) e altre inserite nello spessore dell’osso temporale (orecchio medio e orecchio interno).

Com’è fatto l’orecchio

Dal punto di vista dell’anatomia, l’orecchio si compone di una parte esterna visibile (l’orecchio esterno) ed una parte interna invisibile, che comprende l’orecchio medio e l’orecchio interno.

L’orecchio esterno ha la funzione di raccogliere il suono dall’ambiente esterno ed è costituito da:
  • Padiglione auricolare, quello che chiamiamo comunemente orecchio, è quasi interamente costituito di cartilagine caratterizzata da rilievi e solchi e rivestita di pelle;
  • Condotto uditivo esterno, che convoglia le onde sonore dal padiglione alla membrana timpanica.

L’orecchio medio riceve le onde sonore dal condotto uditivo esterno e le trasforma in vibrazioni. Consta di:
  • Timpano, una membrana situata fra il condotto uditivo esterno e l’orecchio medio, che vibra quando riceve le onde sonore;
  • Catena degli ossicini, comprende tre ossicini chiamati martello, incudine e staffa che vengono investiti dalle vibrazioni provenienti dal timpano e le trasmettono all’orecchio interno; rappresentano un sistema di amplificazione del segnale acustico e di protezione da suoni troppo forti;
  • Tuba di Eustachio, un piccolo canale che collega l’orecchio medio con la parte posteriore del naso ed è rivestita da un epitelio simile a quello delle vie respiratorie. Orecchio e gola sono collegati ed è questa connessione a consentire la corretta propagazione delle onde sonore. Nel bambino, a causa di questa contiguità, spesso le infezioni della gola e delle adenoidi si estendono anche alla tuba di Eustachio: nei più piccoli è frequente che un mal di gola diventi anche otite.

L’orecchio interno possiede due funzioni. La prima è quella di trasformare le vibrazioni generate dall’orecchio medio in segnali nervosi, che vengono inviati al cervello. La seconda è quella di provvedere al mantenimento dell’equilibrio.

Esso è costituito da:
  • Sistema uditivo, formato dalla coclea, una struttura anatomica a forma di spirale che contiene un fluido; al suo interno si trovano le cellule sensoriali che fanno parte del cosiddetto organo del Corti, la cui funzione è quella di convertire le vibrazioni in stimoli nervosi; da cui parte il nervo acustico, che trasmette gli impulsi uditivi al cervello, il quale a sua volta li interpreta come suoni;
  • Sistema vestibolare, noto anche come labirinto, formato dal vestibolo e dai canali semicircolari; fornisce informazioni al cervello sulla posizione della testa nello spazio
 
Consulta le Strutture Sanitarie che effettuano una visita Otorinolaringoiatrica:
Dove effettuare una visita Otorinolaringoiatrica?


immagine infografica che rappresenta l'anatomia dell'orecchio 

Perché sentiamo?

Dal punto di vista della fisiologia dell’orecchio e della percezione del suono, il padiglione auricolare si comporta come una sorta di parabola, in grado di raccogliere le onde sonore provenienti dall’ambiente esterno. 

Le vibrazioni viaggiano attraverso il canale uditivo esterno e colpiscono il timpano, che vibra e trasmette tali vibrazioni alla catena degli ossicini. Incudine, martello e staffa amplificano il suono e lo trasmettono all’orecchio interno, in particolare alla coclea, l’organo uditivo vero e proprio. Qui le vibrazioni vengono convertite in segnale nervoso, trasportato attraverso il nervo acustico al cervello, che lo traduce in suoni.
 

Perché abbiamo due orecchie

La presenza di due orecchie ci permette di ottenere informazioni aggiuntive rispetto alla sola percezione dei suoni. 
Sentendo da entrambi i lati, possiamo, infatti, risalire alla posizione della fonte del suono.

La sordità monolaterale non implica solo una riduzione della capacità di percepire il suono, ma anche l’impossibilità di localizzarne la sorgente.
 

Cos’è l’orecchio assoluto

Avere un buon orecchio musicale significa possedere una buona attitudine per la musica e il canto.
L’orecchio assoluto è la capacità di identificare la frequenza di una nota senza avere il supporto di un suono di riferimento. 

Viene qualche volta definito anche orecchio perfetto ed è frutto di una particolare condizione genetica e di un lungo e minuzioso allenamento. 

L’orecchio assoluto si differenzia dall’orecchio relativo, che è la capacità del cervello di misurare le distanze tonali fra le note, di confrontare due note fra loro. Quest’ultimo è più comune nella popolazione e risente maggiormente dell’effetto dell’allenamento.

Le principali malattie dell’orecchio

Le malattie dell’orecchio interessano le strutture che concorrono alla percezione del suono, oppure quelle coinvolte nell’equilibrio.
I disturbi più comuni che riguardano il sistema uditivo sono le otiti, mentre a colpire l’organo dell’equilibrio sono più di frequente le labirintiti.

Di seguito una breve panoramica sulle principali patologie dell’orecchio.
 

Infezioni dell’orecchio (otiti)

Si tratta di disturbi causati da batteri, virus o funghi, che possono essere più o meno problematici a seconda che si limitino a colpire l’orecchio esterno (otite esterna) oppure interessino quello medio (otite media) e interno (otite interna). A seconda del decorso, possono essere acute o croniche.
 

L’otite esterna e media

L’otite media è una delle patologie pediatriche più diffuse. Spesso nasce da un’infezione delle vie respiratorie che, per via delle caratteristiche di contiguità fra gola e orecchio, si estende al canale uditivo attraverso la tuba di Eustachio.

Il sintomo principale dell’otite esterna e media è rappresentato dal dolore (otalgia). Oltre al fatto che l’orecchio è infiammato e fa male, sono presenti:
  • Prurito;
  • Riduzione dell’udito (ipoacusia);
  • Arrossamento;
  • Presenza di secrezioni purulente (otorrea) che possono essere di colore giallo, verdastro o striate di sangue (a seconda dell’agente infettivo che ha prodotto la malattia e della zona interessata);
  • Edema (l’orecchio è gonfio all’interno);
  • Può essere presente febbre
Viene diagnosticata attraverso l’osservazione otoscopica.

Le otiti esterna e media vengono trattate con antidolorifici o cortisonici, che hanno lo scopo di ridurre l’infiammazione e il dolore. Si impiegano gli antibiotici se all’origine c’è un’infezione batterica. Se non ci sono complicazioni, il disturbo si risolve nel giro di una settimana.
Fra le principali complicazioni, la perforazione timpanica.

Sono particolarmente soggette ad otiti esterne e medie ricorrenti le persone che trascorrono molto tempo in acqua, ad esempio i nuotatori. L’acqua, in particolare quella delle piscine, può diventare una fonte di contaminazione per l’orecchio e stare con l’orecchio bagnato può essere alla base di problemi locali. L’otite estiva è un tipo di otite esterna acuta più frequente in estate e spesso dovuta ad un accumulo di acqua che non riesce ad essere eliminata dal condotto uditivo. Oltre alle cure generali previste per le otiti, per liberare l’orecchio umido o pieno d’acqua in alcuni casi può rendersi utile una manovra, effettuata dall’otorino, che ha lo scopo di far defluire i liquidi accumulati.
 

L’otite interna

L’otite interna è anche detta labirintite e si manifesta con disturbi dell’equilibrio. 

La persona colpita ha:
  • Vertigini;
  • Capogiri;
  • Nausea e vomito;
  • Acufene, un ronzio o fischio che viene percepito anche in assenza di suoni reali, detto anche tinnito;
  • Riduzione dell’udito;
  • Può essere presente una forte sensazione di ansia.

Viene diagnosticata dall’otorinolaringoiatra, che può richiedere l’esecuzione di esami quali TC e risonanza magnetica ed esame audiometrico per confermare il sospetto.

Se di origine batterica, la labirintite viene curata con gli antibiotici. Per trattare i sintomi legati all’equilibrio, vengono, invece, prescritti farmaci antinausea e antinfiammatori.
 

Buchi nei lobi delle orecchie e infezione

Se l’orecchio è gonfio dopo avere praticato un buco nel lobo, può trattarsi di un’infezione. I buchi nei lobi delle orecchie per l’applicazione di orecchini o piercing possono causare, indirettamente, episodi di infezione. 

La contaminazione può verificarsi se, ad esempio, durante l’intervallo di tempo necessario alla guarigione, la parte in cui l’orecchio è bucato viene in contatto con le mani non accuratamente deterse

In caso di infezione, il lobo si gonfia, si arrossa, risulta particolarmente caldo e la lesione produce un liquido sieroso. Il trattamento consiste nella disinfezione con appositi prodotti. 

Anche se l’orecchio prude, grattarlo significa aumentare il rischio di infezione o peggiorarla se già in atto. Per ridurre il prurito, applicare dell’acqua fredda. 
 

Ascessi

Nel condotto uditivo possono formarsi dei piccoli ascessi che contengono pus. Una delle cause è rappresentata dall’utilizzo di strumenti impropri per rimuovere il cerume dall’orecchio. I sintomi principali sono dolore e prurito. 

In genere, questi foruncoli tendono a riassorbirsi da soli. In caso contrario, è bene rivolgersi a un otorino per effettuare un drenaggio del fluido purulento. 
Talvolta è indispensabile anche una cura antibiotica.
 

Colesteatoma

Il colesteatoma è una forma di otite media cronica che si sviluppa con la formazione di una cisti di pelle desquamata che si accumula nell’orecchio medio.

L’accrescimento di questo tessuto anomalo tende ad alterare le strutture anatomiche circostanti. Per questo la malattia può causare sordità, paralisi facciale, disturbi dell’equilibrio, meningite
Si manifesta come un’otite cronica, con ipoacusia, otorrea, dolore d’orecchio e vertigine.
Il trattamento è chirurgico e prevede l’esecuzione di un intervento detto timpanoplastica
 

Sindrome di Ménière

È una malattia che interessa la parte interna dell’orecchio, in particolare il labirinto. I sintomi sono numerosi e diversi da persona a persona:
  • Vertigini;
  • Sudore freddo;
  • Palpitazioni;
  • Senso di stordimento;
  • Nausea;
  • Acufene;
  • Talvolta udito disturbato o ridotto.

Purtroppo, per la sindrome di Ménière non esiste una cura risolutiva, perché non se ne conoscono le cause precise. Si possono tenere sotto controllo i sintomi con farmaci anticolinergici e una dieta appropriata
Agopuntura e tecniche di rilassamento anti-stress sembrano risultare efficaci per alcune persone.
 

Acufene

immagine che rappresenta donna che sente un fischio nelle orecchieL'acufene è il classico ronzio, fischio o trillo che viene percepito come proveniente dall’interno del proprio orecchio, che non dipende da suoni esterni e che in alcuni casi si può manifestare in modo tanto intenso da risultare insopportabile. 

Le cause di questo disturbo sono svariate: dalla sindrome di Ménière, ai traumi, fino all’artrosi cervicale. 

Non sono disponibili cure risolutive, ma può risolversi spontaneamente in alcuni casi. Se non si tratta di un disturbo occasionale, ma permane, potrebbe essere importante sottoporsi ad una visita dall’otorino per verificare le condizioni di salute del proprio orecchio.
 

Neurite vestibolare

Si tratta di un’infezione dell’orecchio interno che interessa il nervo vestibolare. Può essere una conseguenza di un raffreddore o dell’influenza.

Il sintomo principale è la vertigine, che può durare anche periodi di tempo particolarmente lunghi. Compaiono anche sensazione di stordimento, nausea e vomito, parziale abbassamento dell’udito e nistagmo (movimenti involontari dell’occhio). 
La neurite vestibolare viene trattata con farmaci antinausea e, talvolta, sedativi. 
 

Presbiacusia

È l’abbassamento graduale, progressivo e inevitabile dell’udito che si verifica in molti soggetti anziani, soprattutto dopo i 65 anni

Dal momento che la causa è l’invecchiamento, non è possibile impedire il processo. Tuttavia, si può supplire alla perdita uditiva ricorrendo alle protesi, sia rimovibili (i classici apparecchi acustici) che permanenti

I sintomi possono interessare entrambe le orecchie o essere monolaterali. In genere, l’ipoacusia coinvolge prima i suoni alti e acuti e poi si estende anche a tutti gli altri. 
 

Herpes zoster auricolare: cos’è l’herpes all’orecchio

Si tratta di un’infezione da Herpes virus all’orecchio esterno, medio o interno. 

I sintomi comprendono il dolore all’orecchio e la comparsa di un’eruzione cutanea che continua nel condotto uditivo
Il trattamento prevede l’assunzione di cortisonici, mentre non sembrano essere efficaci gli antivirali comunemente usati per curare le infezioni di Herpes virus.
 

La sordità

A differenza della presbiacusia, che è la perdita progressiva e fisiologica dell’udito nell’anziano, la sordità (congenita o acquisita) si può verificare in qualunque momento della vita, in modo anche drammatico. 

La prima distinzione da fare è quella tra ipoacusia e sordità vera e propria, che si determina misurando i decibel che il soggetto è in grado di percepire attraverso un esame audiometrico. Nel caso la persona esaminata riesca a sentire suoni di intensità compresa fra 20 e 90 decibel, si tratta di ipoacusia. Se è in grado di percepire solo suoni oltre i 90 decibel, viene considerata sorda. La sordità profonda non permette di percepire nessun tipo di suono, per quanto forte possa essere. 

Questa condizione così invalidante può presentarsi alla nascita, oppure essere conseguenza di traumi o malattie dell’orecchio.
Se è congenita o si sviluppa entro i primi 18 mesi di vita del bambino, viene definita sordità prelinguale. Il sordomutismo è una forma di sordità prelinguale.
Le principali cause di sordità congenita sono:
  • Malformazioni del canale uditivo;
  • Alcune malattie infettive contratte dalla madre durante la gravidanza (toxoplasmosi, rosolia, infezione da citomegalovirus);
  • Meningite;
  • Sifilide;
  • Traumi;
  • Infezioni;
  • Esposizione a suoni troppo intensi;
  • Assunzione di farmaci ototossici.

Diversamente, se si manifesta dopo che il soggetto ha appreso il linguaggio, è definita sordità postlinguale.
La sordità può colpire entrambe le orecchie (sordità bilaterale) o solo una (sordità monolaterale). 

La sordità si può curare? Dipende.
Se all’origine del difetto c’è una lesione nervosa, non è possibile fare nulla. 
In altri casi, il posizionamento di impianti cocleari, o la correzione chirurgica di malformazioni congenite, permettono un recupero totale o parziale della capacità uditiva.

Importantissima la prevenzione. Durante la gravidanza si può proteggere il bambino dal rischio sordità riducendo il rischio di contrarre le infezioni potenzialmente dannose per il feto, anche sottoponendosi alle opportune vaccinazioni. In generale, nel corso di tutta la vita, è possibile farlo evitando di trascurare infezioni ritenute banali.
 

Cos’è l’orecchio addormentato

Di solito si parla di orecchio addormentato quando si avverte una sensazione di formicolio e intorpidimento al padiglione auricolare. 
Questa condizione può essere dovuta ad un trauma o una malattia che hanno provocato una lesione delle fibre nervose locali.
Diverso l’effetto, transitorio e benigno, di un cuscino particolarmente duro sotto la tempia, che può, al risveglio, dare una sensazione di formicolio.
 

Cosa significa avere l’orecchio bollente

Avere un orecchio esterno rosso (anche molto intenso, viola) e gonfio può indicare più condizioni.
Fra queste sono comprese anche alcune malattie, come l’eritromelalgia auricolare, o sindrome dell’orecchio rosso. Questo disturbo è causato dall’infiammazione del nervo trigemino, che provoca anche cefalea intensa e disturbi della visione.
Alla base dell’orecchio caldo, possono anche esserci condizioni transitorie, particolari stati d’animo di stress o ansia, traumi locali, ad esempio uno spazzolamento piuttosto vigoroso dei capelli o un’asciugatura con phon molto caldo.
 

Cosa vuol dire avere l’orecchio che pulsa

In determinate circostanze, è possibile sentire il proprio battito cardiaco, sia nell’orecchio sinistro che in quello destro. La condizione dell’orecchio che pulsa viene definita acufene pulsante e viene prodotta dal passaggio del sangue nei vasi sanguigni. 
Si tratta di un caso particolare di acufene, la cui comparsa è legata però a suoni oggettivi.
Fra le cause dell’orecchio pulsante, anche alcuni problemi circolatori, anche se più spesso l’acufene pulsante è un’espressione di uno stato di stress intenso.
 

Orecchio bloccato: cosa fare

La sensazione di avere l’orecchio tappato, anche senza dolore, nasce spesso dalla presenza di un tappo di cerume al suo interno. In questo caso, come ricordano gli esperti, se l’orecchio non si stappa è consigliabile evitare i rimedi fai-da-te, che aumentano il rischio di infezioni, e rivolgersi all’otorinolaringoiatra per la rimozione.
A questo proposito, è anche utile ricordare che il classico bastoncino cotonato, che utilizziamo per la pulizia delle orecchie, è indicato per la detersione del solo padiglione

A volte la causa dell’orecchio ovattato è semplicemente la permanenza di residui di acqua dopo una doccia o una variazione rapida di pressione, come quella che si verifica durante il decollo e l’atterraggio di un aereo.
Spesso l’orecchio risulta tappato al mattino, dopo avere dormito, qualche volta a causa del raffreddore
 

Orecchio tappato e COVID

L’infezione COVID-19 genera sintomi molto diversi fra loro, anche a seconda delle persone colpite, della loro età, dal sesso, dalla predisposizione genetica e di eventuali malattie croniche presenti. Sugli aspetti di eterogeneità della malattia sono ancora aperti molti studi.
Fra le manifestazioni praticamente sempre presenti, spiccano raffreddore e mal di gola. Talvolta, si possono rilevare anche disturbi auricolari, come la sensazione di avere l’orecchio tappato.

In particolare, uno studio pubblicato sulla rivista International Journal of Audiology mostra come una percentuale di adulti, compresa fra il 7 e il 15%, che hanno avuto l’infezione si trascinino nel tempo problemi vestibolari.
I pazienti coinvolti nella ricerca hanno riferito la persistenza di sintomi quali ronzii e acufene (tinnito), associati a vertigine, capogiro e nausea.

Gli scienziati che hanno partecipato allo studio dichiarano che è necessario proseguire gli approfondimenti, per comprendere meglio le cause del fenomeno.
 

Orecchio che scricchiola: cosa significa

La percezione di uno scricchiolio nell’orecchio durante la masticazione o la deglutizione può essere il segnale di un disturbo dell’articolazione temporomandibolare oppure di una disfunzione della tuba di Eustachio
In questo secondo caso, è la presenza del muco all’interno del condotto a provocare il rumore. 
 

Orecchio a cavolfiore

Si tratta di una condizione detta anche otoematoma (o ematoma pericondrale), una deformazione del padiglione auricolare causata dalla presenza di un ematoma fra la cartilagine e la cute che lo riveste.
L’orecchio colpito da questo disturbo si presenta gonfio, arrossato e ripiegato su se stesso, ricordando così la forma di un cavolfiore
La causa può essere un trauma oppure una serie di traumi, come quelli correlati a sport di contatto e tipici dei pugili.
 

Orecchio che rimbomba: di cosa si tratta

Sentire l’eco nell’orecchio può dipendere da varie cause.
Le condizioni più comuni quando si ha un orecchio che fa rumore e produce un rimbombo metallico riguardano la presenza di tappi di cerume, disfunzioni tubariche o alterazioni del funzionamento della cassa del timpano. Ma, alla base del fenomeno, si possono trovare anche alterazioni della postura e blocchi della muscolatura coinvolta nella masticazione. 


 
Consulta le Strutture Sanitarie che effettuano un Esame audiometrico tonale:
Dove effettuare un Esame audiometrico tonale?

La chirurgia dell’orecchio

immagine che rappresenta donna con dispositivo di impianto cocleareFra i trattamenti chirurgici cui può essere sottoposto l’orecchio, due sono piuttosto paradigmatici
Il primo è l’impianto cocleare, che permette di guarire alcuni tipi di sordità. Il secondo è un intervento di chirurgia estetica, praticato per correggere un difetto diffuso, quello delle cosiddette orecchie a sventola.
 

Impianto cocleare: l’orecchio bionico

Quello che viene definito orecchio bionico è in realtà un impianto cocleare, un dispositivo che viene inserito all’interno dell’orecchio interno e che consente ad alcune persone affette da sordità di percepire i suoni.

Qual è il significato dell’orecchio bionico? Si tratta di un vero e proprio orecchio artificiale elettronico capace di sostituirsi a quello naturale non funzionante, anche in caso di sordità profonda. 
L’intervento di impianto cocleare è indicato nei pazienti con sordità grave bilaterale che non hanno tratto beneficio dall’applicazione delle protesi tradizionali.
 

L’otoplastica

Tra i difetti che possono interessare le orecchie, non ci sono solo quelli patologici o funzionali. Un esempio? Le cosiddette orecchie a sventola, che spingono molte persone alla correzione chirurgica. Si tratta di un inestetismo a causa del quale le orecchie risultano prominenti rispetto alla testa. 

Malgrado circolino notizie di metodi più o meno alternativi che promettono di eliminare il problema, l’unica soluzione definitiva è rappresentata dall’intervento chirurgico. Viene definito otoplastica ed è considerato sicuro, efficace e poco invasivo.

Consiste nel rimodellamento del padiglione e nel riposizionamento, previo “scollamento” con rimozione eventuale di una piccola fetta di cute, della cartilagine in modo che una volta cicatrizzata risulti più aderente alla testa. 
Questo intervento si può effettuare anche sui bambini, ma sarebbe opportuno aspettare che il padiglione auricolare sia completamente sviluppato. Viene eseguito in anestesia locale ed eventuale sedazione negli adulti e anestesia generale nei bambini, di solito in regime di day-hospital. Non lascia cicatrici evidenti, perché i tagli vengono effettuati dietro il padiglione stesso.
 

La genetica dei lobi

Sapevate che l’intera umanità si divide in due macrotipi in base alla genetica dei lobi? Ebbene sì.

Le orecchie umane differiscono da un soggetto all’altro in mille, piccoli particolari, ma, per questioni genetiche, esistono solo due tipologie di lobi: 
  • Attaccati ai lati del viso (allele recessivo);
  • Liberi (allele dominante).
Nel primo caso avremo un lobo piccolo, nel secondo un lobo più carnoso che può anche scendere oltre il padiglione o presentarsi sporgente verso l’esterno.



RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
D. Deutsch. Paradoxes of musical pitch. Scientific American. (1992) 
NIH. Cochlear Implants 
 

Domande e risposte

Come si chiama dietro l’orecchio?

La zona dietro l’orecchio viene definita retroauricolare. 

Come si chiamano le parti delle orecchie?

L’orecchio è formato da una parte esterna, detta orecchio esterno, e da una interna, invisibile, composta da orecchio medio e orecchio interno. L’orecchio esterno è costituito dal padiglione auricolare, la struttura cartilaginea che raccoglie le onde sonore e le convoglia nel condotto uditivo esterno. Da qui il suono arriva all’orecchio medio, dove incontra il timpano, una struttura membranosa che converte le onde sonore in vibrazioni. Le vibrazioni generate vengono trasmesse attraverso la cosiddetta catena degli ossicini (martello, incudine e staffa) fino all’orecchio interno, in particolare alla coclea. Questa è una struttura a forma di conchiglia, che ospita cellule specifiche che trasformano le vibrazioni in segnale nervoso. Dalla coclea nasce anche il nervo acustico, che trasmette il segnale nervoso al cervello, il quale lo interpreta come suono. Nell’orecchio interno è presente anche l’organo dell’equilibrio, che registra la posizione della testa nello spazio.

Quando fa male l’orecchio, cosa può essere?

La causa più frequente di mal d’orecchio è l’otite, che può colpirlo nella sua parte esterna (otite esterna), media (otite media) o interna (otite interna, anche detta labirintite). I sintomi che accompagnano il dolore sono la sensazione di prurito e di calore e la riduzione dell’udito (ipoacusia). Ci può essere anche febbre. L’otite interna genera anche sintomi di tipo vestibolare, vertigine, capogiri, nausea e vomito. Le otiti batteriche vengono trattate con antibiotici. Per le otiti interne vengono impiegati anche farmaci anticolinergici, che permettono di controllare la vertigine e il nistagmo.

Cosa sono le orecchie?

L’orecchio è un organo pari, ossia presente su entrambi i lati, e simmetrico. È situato nella regione temporale, quella corrispondente alla tempia ed è deputato auna duplice funzione: la percezione dei suoni e il mantenimento dell’equilibrio. Si compone di una parte esterna, visibile (orecchio esterno) e di una parte interna, inserita nell’osso temporale del cranio (che comprende orecchio medio e orecchio interno).

Cosa si può fare quando si ha l’orecchio tappato?

L’orecchio tappato è una condizione spesso causata dalla presenza di un tappo di cerume. In alcuni casi, quando è associato a raffreddore o compare durante un viaggio in aereo, si tratta di una condizione transitoria, che passa spontaneamente o compensando la differenza di pressione fra il condotto uditivo e il naso. Se, però, non accenna a passare è bene rivolgersi ad un otorinolaringoiatra. I rimedi fai-da-te sono sconsigliati, perché potenziale causa di infezione. 

Le informazioni presenti in Doveecomemicuro.it hanno scopo divulgativo e informativo. Non costituiscono in alcun modo un mezzo di autodiagnosi e automedicazione. Per qualsiasi dubbio sull'uso di un farmaco, rivolgersi al proprio medico.

La riproduzione o l’utilizzazione dei contenuti pubblicati su Doveecomemicuro.it è strettamente riservata. Il riutilizzo del materiale su riviste, giornali, radiodiffusione o generica messa a disposizione al pubblico viene concesso solo previa esplicita richiesta e autorizzazione obbligatoria.

In collaborazione con

Monica Torriani

Monica Torriani

Dopo la Laurea Magistrale in Farmacia, l’internship in una Farmacia ospedaliera e l’abilitazione professionale, per diversi anni mi sono dedicata a crescere i miei 4 figli. Ritornata nell’ambiente professionale, ho fondato il blog WELLNESS4GOOD, un progetto che interpreta il bisogno sociale di comunicazione fruibile e verificata sui farmaci. Scrivo per diverse testate su carta stampata e web, collaboro con l’industria farmaceutica e le farmacie e mi occupo di consulenza scientifica. Socia delle società scientifiche AFI e SIARV, sono membro del Gruppo di Lavoro "Dispositivi Medici" di quest’ultima. Oltre ai canali social (di seguito segnalati) e al blog mi potete trovare anche su Instagram.

Ti è piaciuto il contenuto?

Condividilo sui tuoi canali

Più letti


Leggi anche


Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...