Riabilitazione

La Medicina Funzionale e Riabilitativa si occupa di seguire il paziente che abbia subito traumi, lesioni o sia reduce da interventi chirurgici che abbiano in parte compromesso le sue facoltà motorie, neurologiche o cardio-respiratorie al fine di aiutarlo a recuperare tali funzioni. Tra gli eventi che possono causare disabilità e che pertanto più comunemente necessitano di un intervento riabilitativo, soprattutto nei pazienti anziani, si annoverano ictus, infarti, frattura del femore o del ginocchio, amputazione di uno o più arti.

Più in generale un paziente che sia stato ricoverato per una malattia importante, un incidente che abbia provocato traumi di una certa entità o sia reduce da un intervento chirurgico complesso ha bisogno di un lasso di tempo variabile per riacquistare le forze, riappropriarsi delle proprie facoltà funzionali o trovare nuovi modi per fare le cose che faceva prima.

Questo processo si definisce riabilitazione, e a seconda dell’area funzionale su cui si va ad agire può basarsi su tecniche terapeutiche diverse, tra cui:
  • Terapie fisiche per il recupero della forza e della mobilità
  • Terapia occupazionale per il recupero dell’abilità nello svolgere le attività quotidiane
  • Terapia logopedica per il recupero del controllo sulla deglutizione, della facoltà del linguaggio, della capacità di scrivere o di leggere
  • Terapia per la gestione del dolore
Queste tecniche vengono erogate nei reparti ospedalieri attrezzati o nei Centri riabilitativi da equipe mediche specializzate in medicina riabilitativa e dal personale tecnico formato ciascuno nella sua specifica area di competenza.

Le tre principali specializzazioni dell’area terapeutica della riabilitazione sono la Riabilitazione Motoria, la Riabilitazione Neurologica e la Riabilitazione Cardio-Respiratoria. Il percorso riabilitativo in generale consta di più fasi, a seconda della serietà della disabilità acquisita. Ad una prima fase ospedaliera o nei Centri specializzati, che può essere più o meno lunga, segue una fase in cui il paziente continua la terapia a casa o si sposta nelle strutture territoriali più vicine.


 

Riabilitazione Motoria e prestazioni sanitarie disponibili


La Riabilitazione Motoria consiste in un insieme di tecniche che hanno lo scopo di portare il paziente ad un recupero pieno o parziale delle funzioni motorie perdute – ovvero la capacità di muoversi e deambulare in autonomia – e di prevenire ulteriori complicanze (riabilitazione conservativa). Le disabilità motorie possono insorgere a seguito di malattie neurologiche – come il morbo di Parkinson e la sclerosi multipla – di incidenti traumatici che abbiano lesionato ossa e tessuti e richiesto interventi chirurgici di tipo ortopedico con o senza protesizzazione, di eventi cardiocircolatori come ictus e infarti, della degenerazione di malattie reumatiche invalidanti. In tutti questi casi, dopo un’accurata visita da parte di un’equipe medica multidisciplinare, verrà stabilito quali tecniche siano le più adeguate per il recupero funzionale delle abilità motorie e neuromotorie del paziente.

In generale, questo tipo di riabilitazione include esercizi e manipolazioni del corpo per potenziare la risposta muscolare e la funzionalità articolare, e per riportare il paziente con disabilità a migliorare la sua capacità di stare fermo in equilibrio, di deambulare, di sollevarsi, di salire le scale ecc.

Tra le tecniche collaudate per questo tipo di terapia fisica funzionale si annoverano:
  • Esercizi per recuperare la capacità di movimento (possono essere attivi o passivi)
  • Esercizi per potenziare la muscolatura
  • Esercizi per la coordinazione e l’equilibrio
  • Esercizi di deambulazione
  • Esercizi di trasferimento (da un punto all’altro di un ambiente, indispensabili in caso di amputazione di un arto e/o protesizzazione)
  • Esercizi sul piano inclinato
Questa vasta gamma di esercizi riabilitativi possono essere eseguiti in ambienti specifici, ad esempio piscine nel caso della riabilitazione motoria in acqua, ed essere combinati con le tecniche di neuroriabilitazione.
 

Riabilitazione Neurologica e prestazioni sanitarie disponibili


La Riabilitazione Neurologica consente al paziente con disabilità del sistema nervoso causate da traumi, malattie o interventi chirurgici di migliorare o recuperare in toto le proprie abilità funzionali, ridurre i sintomi e ritrovare una condizione quanto più vicina possibile allo stato di benessere.

Vediamo una breve lista delle condizioni che possono necessitare di questo tipo di riabilitazione:
  • Malattie vascolari tra cui ictus ischemici ed emorragici
  • Malattie infettive tra cui meningiti, encefaliti, ascessi cerebrali
  • Traumi al cervello o al midollo spinale
  • Malattie neuromuscolari
  • Malattie degenerative come morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer, Sla, corea di Huntinghton
Il programma di riabilitazione neurologica, stabilito da un’equipe multidisciplinare che può includere neurologi, fisiatri, logopedisti ecc., viene studiato sulle specifiche esigenze del paziente e può includere:
  • Assistenza nelle attività quotidiane tra cui lavarsi, vestirsi, mangiare ecc. (riabilitazione occupazionale)
  • Terapia logopedica per il recupero funzionale del linguaggio, della deglutizione, e della abilità nello scrivere e nel leggere
  • Terapie per i disturbi dell’umore (ansia, depressione, stress)
  • Esercizi per recuperare il controllo della vescica e degli sfinteri
  • Consulenza nutrizionale
  • Esercizi di riabilitazione motoria
  • Recupero delle abilità di interazione sociale
  • Esercizi di tipo cognitivo per stimolare le capacità mnemoniche, di concentrazione e di comprensione
 

Riabilitazione Cardio-Respiratoria e prestazioni sanitarie disponibili


La Riabilitazione Cardio-Respiratoria è prevista in diversi casi in cui il paziente sia stato colpito da problemi a carico del cuore o malattie dei polmoni o sia reduce da interventi chirurgici al sistema cardiorespiratorio. Ad esempio a seguito di un infarto trattato chirurgicamente, o nelle diagnosi di BPCO (broncopneumopatia cronico-ostruttiva). Una equipe multidisciplinare si occupa del paziente studiando un programma che mira ad un recupero della funzionalità degli organi danneggiati o a preservarli da ulteriori peggioramenti, per il ritorno ad una vita normale sia sul fronte privato che lavorativo.

Tra le prestazioni e le tecniche per la riabilitazione delle funzionalità cardio-respiratorie, molte delle quali richiedono la piena collaborazione del paziente e che si intendono a vita, si contano:
  • Potenziamento della funzionalità di cuore e polmoni con le opportune terapie farmacologiche che il paziente impara a gestire in autonomia
  • Comprensione e gestione dei propri fattori di rischio cardio-respiratorio
  • Esercizi di attività fisica mirati al rafforzamento della muscolatura addominale, dorsale e degli arti
  • Esercizi di respirazione (ginnastica respiratoria) e tecniche per imparare a controllare gli episodi di fiato corto
  • Dieta per il controllo del peso corporeo e per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue
  • Modifica dello stile di vita in senso più salutare, incluse tecniche per combattere il tabagismo
  • Tecniche di gestione dello stress e dell’ansia tra cui meditazione, mindfulness, training autogeno Lo scopo di questi programmi riabilitativi è quello di riportare il paziente ad una vita normale quanto prima, ma soprattutto di abbattere il rischio di recidive.
Leggi di più

Ultime notizie