Apparato digerente

L'area terapeutica dell'apparato digerente si occupa della fisiopatologia di molti organi interni, ovvero tutti quelli che partecipano all'atto della nutrizione e al metabolismo delle sostanze alimentari. Il corpo umano assume dal cibo l'energia necessaria per compiere tutte le sue funzioni vitali, sia quelle principali che le secondarie, operazione complessa che compiamo ogni giorno, più volte a giorno. Ad essere coinvolti in questo elaborato processo sono, in ordine dal primo all'ultimo organo:


Bocca e denti

Costituiscono la "porta" del sistema digerente, perché è tramite il cavo orale che introduciamo i cibi nel corpo e iniziamo a digerirli, attraverso la masticazione e la secrezione dei primi enzimi presenti nella saliva. La bocca è anche l'organo grazie al quale si esprime il senso del gusto, direttamente connesso con l'atto della nutrizione.
 

Esofago

Dalla bocca i bocconi di cibo masticati passano attraversano la faringe e si immettono nell'esofago, un canale muscolo-membranoso che grazie alle contrazioni muscolari facilita la discesa verso lo stomaco del bolo alimentare (questo è il nome che assumono gli alimenti una volta inghiottiti).
 

Stomaco

Il bolo alimentare e le bevande ingerite vengono raccolte nello stomaco, organo cavo rivestito di mucosa, che secerne succhi digestivi (in particolare acido cloridrico) in grado di "sciogliere" ulteriormente i cibi. Dallo stomaco la "poltiglia" alimentare, che assume il nome di chimo, passa alla prima parte dell'intestino tenue, il duodeno, attraverso un orifizio chiamato piloro.
 


Fegato

È la più grossa ghiandola del nostro corpo e svolge numerose funzioni, principalmente metaboliche. In particolare si occupa della digestione dei grassi alimentari, tra cui il colesterolo, attraverso la secrezione della bile, che viene raccolta in un piccolo organo a forma di sacchetto chiamato colecisti, o cistifellea, situato sula porzione inferiore del fegato, a destra dell'addome superiore. La bile viene convogliata e riversata nell'intestino tenue attraverso le vie biliari.
 

Pancreas

Come il fegato, anche il pancreas è un organo-ghiandola collegato con il sistema digerente, che svolge due funzioni principali: la produzione di insulina, ormone necessario a regolare la concentrazione di zuccheri nel sangue, e la secrezione di enzimi digestivi (amilasi, lipasi e proteasi), che vengono immessi nell'intestino tenue al fine di completare il metabolismo di proteine, carboidrati e grassi.
 

Intestino tenue

Costituisce il primo tratto del tubo intestinale, e anche il più lungo (in un individuo adulto misura fino a 7 metri), e si suddivide in duodeno, digiuno e ileo. Rivestito internamente di mucosa, il tenue è provvisto di villi, piccole estroflessioni che consentono il passaggio delle sostanze nutritive nel sangue.
 

Intestino crasso

Lungo circa 3 metri, il crasso è la porzione terminale dell'intestino, e a sua volta si divide in cieco, appendice, e colon-retto. Suo compito è quello di completare la funzione digestiva e di permettere l'espulsione delle feci, residui di scarto derivanti dalla scomposizione dei cibi. Sia l'intestino crasso che il tenue svolgono anche altre funzioni: fanno parte del sistema immunitario dell'organismo, grazie all'azione protettiva dei microrganismi che costituiscono la loro microflora (microbiota), e secernono ormoni che regolano la motilità intestinale.
 
Un cenno a parte merita il sistema nervoso enterico (SNE) o sistema metasimpatico. L'intestino nella sua totalità non è deputato solo alla scissione del chimo alimentare in sostanze più semplici che possano passare nel sangue, ma è anche provvisto di una fitta rete di neuroni e di recettori facenti parte del sistema nervoso autonomo, che sono in parte direttamente collegati con il cervello, ovvero con il sistema nervoso centrale (SNC). Per questa ragione alcune malattie infiammatorie a carico di questo organo della digestione hanno una forte componente stressogena e psicosomatica, basti pensare alla sindrome dell'intestino irritabile (IBS) e alla colite spastica.

Come si intuisce, le specialità mediche che si occupano di trattare le disfunzioni e le malattie che colpiscono questi singoli organi sono più di una, ma costituiscono tutte sottoclassi del ramo principale che è la: Gastroenterologia. Tale specializzazione è deputata alla prevenzione, diagnosi e cura (sia di tipo farmacologico che endoscopico-chirurgico insieme alla chirurgia generale) delle principali patologie a carico di esofago, stomaco, intestino, pancreas, fegato, vie biliari, colon-retto.

Del lungo "tubo" digerente solo la bocca viene esclusa da quest'area terapeutica specialistica, rientrando in quella dell'Otorinolaringoiatria e della Odontostomatologia. Va anche specificato che, come sempre quando parliamo di aree terapeutiche, l'interdisciplinarità si rivela cruciale, dal momento che, come abbiamo visto, i diversi organi svolgono funzioni eterogenee e che le terapie da considerare possono e devono comprendere il supporto da parte di altre specialità mediche, tra cui:
 

Le principali patologie dell'apparato digerente


Vediamo a questo punto quali sono le principali anomalie, disfunzioni e patologie che possono colpire ciascuno degli organi che fanno parte dell'apparato digerente, e le prestazioni sanitarie (diagnostica, terapie e interventi chirurgici) erogate dal SSN.

 

ESOFAGO

  • Diverticoli esofagei: piccole estroflessioni a forma di sacco che si formano sulla parete esofagea
  • Reflusso: risalita di materiale acido (cibo semidigerito) dallo stomaco all'esofago
  • Esofagite: infiammazione dell'esofago che può essere acuta o cronica
  • Esofago di Barret: spostamento di una porzione della mucosa dello stomaco su quella dell'esofago, con conseguenze come infiammazione cronica e sviluppo di neoplasie
Prestazioni sanitarie correlate

 

STOMACO

  • Dispepsia: digestione difficile e lenta
  • Ernia iatale: scivolamento di una piccola porzione di stomaco verso l'esofago. Questa condizione può essere congenita o acquisita
  • Gastrite: infiammazione cronica o acuta della mucosa che riveste le pareti dello stomaco
  • Ulcera peptica: lesione che si forma sulle pareti gastriche. Può sanguinare fino a provocare anemia, o aprirsi e diventare perforante
  • Cancro dello stomaco
Prestazioni sanitarie correlate

 

INTESTINO

  • Stipsi cronica
  • Appendicite
  • Sindrome dell'intestino irritabile: disturbo di origine psicosomatica che si manifesta con sintomi tra cui meteorismo, stitichezza o diarrea, spasmi e gonfiore addominale
  • Diverticolite: infiammazione dei diverticoli, piccole estroflessioni cave che si formano lungo la mucosa intestinale
  • Polipi intestinali: neoformazioni benigne che possono però evolvere in tumori maligni
  • Tumore del colon
  • Tumore del retto
  • Morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa: malattie infiammatorie croniche di probabile natura autoimmune che si manifestano con sintomi come sanguinamento rettale, diarrea, dimagrimento, dolori articolari e malessere generale
  • Celiachia (intolleranza cronica al glutine) e altro tipo di intolleranze e allergie alimentari
  • Ernia inguinale
  • Emorroidi
Prestazioni sanitarie correlate
  • Visita gastroenterologica
  • Asportazione delle emorroidi
  • Colonscopia con endoscopio flessibile con o senza biopsia
  • Ecografia dell'addome completo o dell'addome inferiore
  • Esofagogastroduodenoscopia (EGDS) con o senza biopsia
  • Interventi chirurgici al colon e all'intestino
  • Interventi chirurgici al retto
  • Rettosigmoidoscopia con endoscopio flessibile con o senza biopsia
  • Riparazione monolaterale di ernia inguinale
  • RM (risonanza magnetica) dell'addome inferiore
  • TAC dell'addome completo o dell'addome inferiore
  • Esame delle feci-ricerca sangue occulto
  • Trapianto di intestino

 

FEGATO E VIE BILIARI

  • Epatite (A, B e C)
  • Steatosi epatica (fegato grasso)
  • Calcoli biliari: si formano nella colecisti (o cistifellea)
  • Cancro del fegato (epatocarcinoma)
  • Cirrosi epatica
  • Colecistite: infiammazione della colecisti
Prestazioni sanitarie correlate
  • Visita epatologica
  • Agobiopsia percutanea o agoaspirato del fegato
  • Ecografia dell'addome superiore
  • Esami del sangue (prelievo di sangue venoso) per il controllo della funzionalità epatica
  • TAC dell'addome superiore
  • Trapianto di fegato

 

PANCREAS

Prestazioni sanitarie correlate
Leggi di più

Ultime notizie