Trapianti (rene, fegato, cuore, polmone, pancreas): dove operarsi in Italia

Trapianti (rene, fegato, cuore, polmone, pancreas): dove operarsi in Italia
Nazionale

Su www.doveecomemicuro.it le classifiche dei 5 centri che effettuano un numero maggiore di interventi.


L'azienda Ospedaliera di Padova si riconferma prima per volume di trapianti di rene (tenendo conto anche di quelli pediatrici che, nel caso di Padova, sono segnalati separatamente nel Report 2018 del CNT). Al 2° posto, c'è il Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, al 3° l’Ospedale Borgo Trento - Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e al 4° il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna. Entra in classifica e si posiziona 5°, infine, il Policlinico Umberto I di Roma.

L'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana - stabilimento di Cisanello - di Pisa conquista la prima posizione per numero di trapianti di fegato. Seguono il Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, l'Azienda Ospedaliera di Padova, l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e il Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano.

Il Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano si aggiudica anche il 1° posto per volume di trapianti di cuore. Al 2° c'è l'Azienda Ospedaliera di Padova, al 3° l'Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine mentre al 4°, pari merito, si posizionano il Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino e l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Il Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino avanza di una posizione e conquista il 1° posto per numero di trapianti di polmone. Seguono l'Ospedale Maggiore Policlinico – Clinica Mangiagalli di Milano, l'Azienda Ospedaliera di Padova e l'Azienda Ospedaliera Universitaria Senese di Siena. In quinta posizione, pari merito, entrano in classifica l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e l'Ospedale Policlinico San Matteo di Pavia.

L'Azienda Ospedaliera di Padova, infine, avanza di due posizioni e si aggiudica il 1° posto per volume di trapianti di pancreas e cellule pancreatiche. Al 2° c'è l'Ospedale San Raffaele di Milano – Gruppo San Donato di Milano, al 3° l'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana – stabilimento di Cisanello – di Pisa, al 4° il Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano e al 5° il Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino.

Trapianti pediatrici: in quali ospedali vengono eseguiti

“Quello delle donazioni e dei trapianti in età pediatrica è uno degli ambiti più complessi da gestire sia per ragioni cliniche sia per implicazioni emotive e familiari. Nel nostro Paese, il programma dedicato viene coordinato a livello nazionale dal Centro nazionale trapianti operativo. Anche su un fronte così difficile il lavoro del CNT ha contribuito a fare della rete trapiantologica italiana un modello di efficienza”, spiega il Direttore del Centro Nazionale Trapianti Massimo Cardillo.

I trapianti pediatrici effettuati nel 2018 in Italia sono stati 136:
  • 63 di fegato (29 interi e 34 split)
  • 51 di rene
  • 19 di cuore
  • 9 di polmone
Sono 12 gli ospedali italiani in cui vengono eseguite questo tipo di operazioni. I primi per volume di attività sono:
  • l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma (37),
  • l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (33),
  • l'Azienda Ospedaliera di Padova (21),
  • l'Ospedale San Martino di Genova (13)
  • l’Ospedale Maggiore Policlinico – Clinica Mangiagalli di Milano (8)
Seguono l'ISMETT – Istituto Mediterraneo per i Trapianti e le Terapie ad Alta Specializzazione di Palermo, il Presidio Ospedaliero Molinette - AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, l'Ospedale Sant'Anna - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, il Consorziale Policlinico di Bari, il Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano, il Policlinico Umberto I di Roma e l'Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine.

Come scegliere la struttura in cui sottoporsi all’intervento?

Il paziente che necessita di un trapianto ha diritto di esprimere una preferenza riguardo al centro in cui intende essere operato. Per tutti gli organi, con una sola eccezione, è prevista un'unica registrazione in lista di attesa in una struttura a scelta del Paese. Solo per il rene le iscrizioni possono essere due: in un centro trapianti della Regione di residenza e in un altro a scelta sul territorio nazionale.

“Il numero d'interventi annuali eseguiti da una struttura è un fattore importante da considerare al momento di decidere, perché indicativo dell'esperienza maturata dal centro. Su www.doveecomemicuro.it sono disponibili i dati sui volumi - resi pubblici dal Sistema Informativo Trapianti - aggiornati al 2018. Il sito consente di operare un confronto non solo in base al numero di trapianti, ma anche alla vicinanza a casa, altro aspetto da non trascurare perché permette di agevolare le operazioni di trasporto non appena l'organo è disponibile”, spiega Elena Azzolini, medico specialista in Sanità Pubblica e membro del comitato scientifico del portale www.doveecomemicuro.it.

In calo le liste di attesa

Una buona notizia per chi aspetta un organo è la riduzione per la terza volta consecutiva del numero di pazienti in lista di attesa. Al 31 dicembre del 2018, il totale dei registrati ammontava a 8.713 contro gli 8.743 di un anno prima. A essersi ridotte, in particolare, sono le liste per il rene (da 6.683 pazienti a 6.545: -2,1%), per il cuore (da 741 a 716: -3,4%) e per il pancreas (da 262 a 247: -5,7%). Quella per il fegato è rimasta praticamente invariata (da 989 a 990) mentre quella per il polmone è l'unica ad aver subìto un lieve aumento (da 354 a 363: +2,5%). Alcuni passi avanti sono stati fatti, quindi, rispetto al 2017, quando l'unica lista a registrare una riduzione era quella per il rene (da 6842 a 6683: -2,3%).

“Sul calo generalizzato delle liste intervengono diversi fattori: sicuramente il primo è l'aumento dei trapianti, cresciuti del 20% negli ultimi 5 anni. C'è poi una diminuzione degli ingressi in lista, come nel caso del cuore: nel 2018 questi pazienti sono calati del 21%, probabilmente anche per un maggior uso dei VAD, i sistemi di assistenza meccanica al circolo. La realizzazione e l'implementazione dei registri delle insufficienze d’organo, prevista nei prossimi anni, ci aiuterà a misurare meglio l'intera platea dei malati potenzialmente curabili con il trapianto”, precisa il Direttore del Centro Nazionale Trapianti.

Quanto al tempo medio di attesa, è di circa 3,3 anni per il rene; 1,6 per il fegato; 3,4 per il cuore; 2,6 per il polmone e 4,3 per il pancreas.

Trapianti a cuore fermo: registrano +46,9%.

Il numero dei pazienti in lista di attesa potrebbe ulteriormente calare in futuro grazie ai trapianti a cuore fermo, una delle sfide principali in cui è impegnata la Rete Nazionale Trapianti.

Quest’attività è in crescita netta: gli accertamenti con criteri cardiaci eseguiti nel 2018, infatti, sono stati 73 (+32,7% rispetto al 2017) mentre i trapianti effettuati sono passati da 32 a 47 (+46,9%).

“La donazione a cuore fermo (DCD) è certamente una delle prospettive di crescita della rete trapiantologica. Il numero di potenziali donatori accertabili con questa tecnica, infatti, è molto elevato, e se anche solo una quota venisse segnalata, ciò si tradurrebbe in un consistente aumento degli organi trapiantabili, come dimostrato dalle esperienze fatte in Francia, Spagna e Regno Unito”, spiega Massimo Cardillo. Il fatto è che in Italia la normativa sull'accertamento di morte per arresto cardiaco è molto diversa rispetto a quella del resto del mondo. In molti Paesi, il tempo di verifica del tracciato elettrocardiografico è di 5-10 minuti, mentre in Italia è di 20 minuti, cosa che rende di fatto più difficile - anche se comunque possibile – quest'attività.

“I dati riportati dalla comunità scientifica internazionale confermano che la certezza della morte di un soggetto è garantita anche con tempi di osservazione inferiori. Detto ciò, siamo riusciti, rimanendo nei vincoli fissati dalla legge, a garantire una buona qualità degli organi prelevati grazie a una gestione accurata del potenziale donatore. Il rischio di danno ischemico, inoltre, è stato limitato mediante l'utilizzo di sistemi di assistenza cardiocircolatoria extracorporea dopo l'accertamento di morte e con l'utilizzo delle tecniche di riperfusione degli organi dopo il prelievo.
Questo approccio rende estremamente aperta la possibilità di un incremento progressivo dei volumi di donazione e trapianto a cuore fermo, di un aumento del numero di organi utilizzabili e di una diminuzione del rischio di complicanze o di fallimento del trapianto”.

Fotografia della realtà italiana

Come sono distribuiti i centri e quali Regioni ospitano più interventi

Le strutture che eseguono trapianti in Italia sono 105: il 45,7% si trova al Nord, il 20% al Centro e il 34,4% al Sud.
La regione che effettua più trapianti è la Lombardia, con il 20,4% degli interventi totali effettuati in tutta Italia. Seguono il Piemonte e il Veneto, con il 16%.


Numero di trapianti effettuati e donatori

Nel 2018, in Italia, sono stati eseguiti 3.718 trapianti, un numero in leggero calo rispetto al 2017. Si tratta comunque del secondo miglior risultato di sempre che va a consolidare il trend di crescita degli ultimi 5 anni: +20,4%. Ad essere stati eseguiti sono: 2.117 trapianti di rene (di cui 287 da vivente), 1.245 trapianti di fegato (86 da vivente), 233 trapianti di cuore, 143 di polmone e 41 di pancreas. Quanto ai soli trapianti da donatore cadavere, sono stati 3.407, il 6% in meno rispetto ai 3.624 del 2017.

Riguardo ai donatori, sono anch'essi in lieve diminuzione rispetto all'anno precedente: tra deceduti e viventi, nel 2018 sono stati 1.680: 83 in meno (-4,7%) rispetto al 2017 ma al di sopra della media degli ultimi 5 anni (il 6% in più rispetto al 2016 e il 24,4% in più rispetto al 2014).

Lo stesso vale per i donatori utilizzati: nel 2018 sono stati 1.370, un numero in calo (-4,66%) rispetto al 2017, che si traduce in 1,1% donatori utilizzati in meno per milione di persone. Visto l'incremento registrato l'anno scorso (+10.7%), però, rispetto al 2016 i donatori utilizzati sono comunque cresciuti del 5,55%.

Un aumento importante si registra in Valle d’Aosta, con un +55,2 di donatori utilizzati per milione di persone (da 15,7 a 70,9).

In Toscana il numero di donatori utilizzati per milioni di persone risulta record sia nel 2018 (46,8) che nel 2017 (48,4). Mentre in Sardegna, dopo il brusco calo del 23% di numero di donatori utilizzati tra il 2016 e il 2017, nel 2018 si è registrato un incremento del 18,9% rispetto al 2017.


Sopravvivenza a un anno: indici positivi ma con differenze in base al tipo di trapianto

La percentuale di sopravvivenza a un anno dall'intervento dipende molto dall'organo trapiantato: è del 97,3% se si tratta di un trapianto di rene; dell'86,5% in caso di trapianto di fegato; dell'80,9% in caso di trapianto di cuore e del 69,6% in caso di trapianto di polmone. Dopo l'operazione, inoltre, la maggior parte dei pazienti può tornare al lavoro o è in condizione di farlo.


Trapianti da donatore vivente: eseguiti solo quelli di rene e fegato

Quanto alla donazione da vivente, in Italia vengono eseguiti solamente trapianti di rene e fegato. “Ciò avviene perché questo tipo di interventi possono essere effettuati in totale sicurezza. Per questo motivo è importante continuare a lavorare per incentivare le donazioni che consentono di ridurre ulteriormente le liste d’attesa, specialmente per quanto riguarda il trapianto di rene. Prima dell'inizio della dialisi, ai pazienti con insufficienza renale e ai loro familiari bisogna spiegare che la donazione di un rene è una procedura sicura, che rappresenta un'efficace opportunità di cura per il ricevente - oltre che per l’intera famiglia -, con rischi trascurabili per il donatore”, spiega il Direttore del CNT.

“Nel nostro Paese, tutto il percorso che porta alla donazione e al trapianto è presidiato e svolto nel rispetto delle aspettative e dei bisogni della coppia donatore-ricevente”.

Quanto, invece, ai trapianti parziali di polmone, pancreas e intestino, consentiti dal 2012, non vengono eseguiti nel nostro Paese. “Perché si tratta d’interventi rari, tecnicamente difficili e che presentano ancora molti margini di rischio sia per il donatore che per il ricevente”.


Italia dei trapianti: punto di riferimento a livello internazionale

Il nostro Paese è un’eccellenza mondiale in ambito trapiantologico, non solo per l’organizzazione, ma anche per l’innovazione. “Sono tanti i fronti su cui si sta lavorando: il primo è quello dei protocolli sperimentali, come nel caso del trapianto di utero - che il Consiglio superiore di sanità ha approvato pochi mesi fa - o del trapianto di faccia - che è stato tentato al Sant’Andrea di Roma lo scorso settembre con esito negativo ma per il quale siamo alla ricerca di una seconda donatrice per ritentare l’intervento”, spiega Massimo Cardillo.

“In questi ultimi anni, in Italia abbiamo realizzato anche la prima catena crossover al mondo di donazione di rene da vivente innescata però da un donatore deceduto. Inoltre, siamo il primo Paese UE ad aver autorizzato i trapianti tra donatori e riceventi sieropositivi. Insomma, in un Servizio sanitario nazionale che si colloca ai primi posti delle classifiche internazionali, la rete trapianti è sicuramente tra i settori più avanzati”.


Dichiarazioni di volontà: raggiunta quota 5 milioni

Il 22 marzo scorso, grazie alla dichiarazione di volontà di una donna residente a Curtatone (Mantova), è stato tagliato il traguardo dei 5 milioni di dichiarazioni registrate. Rispetto ai 2,5 milioni di registrazioni del dicembre 2017, si tratta di un raddoppio avvenuto in 15 mesi. Dall’inizio del 2019, si contano inoltre già oltre 560mila dichiarazioni, con un aumento del 12,6% in quasi 3 mesi. Dei cittadini che si sono espressi, l'80% ha dato il consenso alla donazione mentre il 20% si è opposto. I più propensi al gesto generoso sono soprattutto i 30-45enni divisi equamente tra uomini e donne.

Il boom si deve al progetto “una scelta in Comune”, che prevede la possibilità di registrare la propria volontà in occasione del rilascio o del rinnovo della carta d’identità. I Comuni che si sono attrezzati ad oggi sono 5.940: il 75% del totale, ma in cui risiede il 90% della popolazione nazionale.

“Quella di dichiarare la propria volontà sulla donazione è una scelta di responsabilità: lo è per se stessi, perché è giusto che ciascuno possa disporre liberamente del proprio corpo dopo la morte; lo è per la comunità, perché una scelta positiva si traduce in una possibilità di guarigione per una persona che sta soffrendo; e lo è per i familiari, che in questo modo vengono sollevati da una scelta delicata in un momento estremamente difficile”. Nei casi in cui il potenziale donatore non abbia espresso in vita una scelta, infatti, sono i familiari (coniuge, convivente more-uxorio, figli, genitori) - che per legge hanno la possibilità di opporsi al prelievo degli organi - a dover prendere una decisione.


Opposizioni: in lieve aumento ma il trend degli ultimi anni è in miglioramento

Nel 2018 le opposizioni alla donazione sono state il 29,9%, un dato in leggero aumento (+1,2%) rispetto al 28,7% del 2017, ma in calo rispetto al 32,8% del 2016 (-2,9%).
A distinguersi, in particolare, sono stati la Liguria, con una riduzione record (-13,3%), la Sardegna (-11,2%), l'Abruzzo (-6,1%) e il Piemonte (-5,4%).

“Le opposizioni sono ciò su cui dobbiamo lavorare di più, specialmente nelle regioni del Sud, dove le dichiarazioni negative superano il 40%. È necessario informare i cittadini sull’importanza della donazione. Sono i donatori, infatti, a rendere possibili i trapianti e a permettere di salvare migliaia di vite ogni anno. Il nostro è un sistema trasparente ed efficace, di cui ci si può fidare: è ciò che vogliamo comunicare agli italiani con la campagna 'Diamo il meglio di noi', a partire dalla prossima Giornata nazionale della donazione di domenica 14 aprile”, dice Massimo Cardillo.

Cellule e Tessuti

Trapianti e donazioni di cellule staminali: il numero più alto di sempre

Il 2018 è stato un buon anno per quanto riguarda i trapianti di cellule staminali emopoietiche (che possono essere raccolte dal midollo osseo o dal sangue periferico): quelli da donatore non consanguineo sono stati 848: il numero più alto mai registrato (8 in più rispetto al 2017 e il 9% in più rispetto al 2016).

Quanto alle donazioni, quelle di midollo osseo nel 2018 sono aumentate del 9,2% rispetto al 2017, mentre quelle di sangue periferico sono rimaste pressoché invariate.
Le strutture italiane abilitate per eseguire trapianti autologi (di cellule staminali appartenenti allo stesso paziente) e allogenici (di cellule staminali provenienti da un donatore sano) di cellule staminali emopoietiche in Italia sono 81. Un elenco è presente sul portale www.doveecomemicuro.it.


Boom di nuovi iscritti al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo

Il numero di nuovi iscritti al Registro IBMDR (Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo) nel 2018 ha raggiunto un picco: 37.835 contro i 25.010 del 2017. L'aumento del 51,3% si deve in gran parte alla solidarietà dimostrata dai cittadini che hanno risposto all’appello in favore del piccolo Alessandro Maria Mentresor. La crescita rispetto al 2016 (quando gli iscritti erano 25.931) è, invece, del 46%.


Trapianti e donazioni di tessuti in lieve calo

I trapianti di tessuti effettuati nel 2018 sono stati 16.468, un numero in lieve calo (-1,4%) rispetto al 2017 (in base ai dati preliminari del CNT): in particolare, sono calati quelli di cute (33,4%) e vasi (-12,1%). In diminuzione (-8,9%) anche le donazioni, passate dalle 14.799 del 2017 alle 13.482 del 2018. Il trend resta comunque molto positivo rispetto ai 4 anni precedenti (+9,6%). L’incremento maggiore, rispetto al 2017, si registra per le donazioni di membrana amniotica (+16,5%) mentre il calo più consistente si ha nelle donazioni dei vasi (-25,4%).


Un portale in aiuto dei pazienti

Le performance che riguardano i centri italiani in cui si eseguono trapianti sono disponibili su www.doveecomemicuro.it, portale di Public Reporting delle strutture sanitarie italiane che vanta un database di oltre 2.000 strutture: oltre 1.300 strutture sanitarie pubbliche e private e oltre 900 strutture territoriali, tra centri specialistici, polispecialistici, diagnostici e residenze sanitarie.

Per operare un confronto, è sufficiente inserire nel “cerca” la parola chiave prescelta, ad esempio “Trapianto” e selezionare la voce che interessa tra quelle suggerite, ad esempio “Trapianto di rene”, “Trapianto di fegato”, “Trapianto di cuore”, “Trapianto di polmone”, “Trapianto di pancreas e cellule pancreatiche”, “Trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche”, “Trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche”.

In cima alla pagina dei risultati compariranno i centri ordinati per numero di casi trattati, per vicinanza o in base ad altri criteri selezionabili. E  possibile anche restringere il campo alla regione di appartenenza. Per filtrare ulteriormente i risultati, basta spuntare le caselle della colonnina in basso a sinistra relative, ad esempio, alle certificazioni.


CLASSIFICHE NAZIONALI

RENE
1. Azienda Ospedaliera di Padova (195 di cui 63 da vivente, 16 del totale sono pediatrici di cui 4 da vivente)
5. Policlinico Umberto I di Roma (78 di cui 5 da vivente)

FEGATO
1. Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana - stabilimento di Cisanello - di Pisa (161)
2. Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino (152)
3. Azienda Ospedaliera di Padova (102, di cui 1 pediatrico da vivente)
4. Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (90)
5. Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano (79)

CUORE
1. Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano (31)
2. Azienda Ospedaliera di Padova (30)
4. Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino (18)
4. Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (18)

POLMONE
1. Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino (33)
2. Ospedale Maggiore Policlinico – Clinica Mangiagalli di Milano (31)
3. Azienda Ospedaliera di Padova (30)
4. Azienda Ospedaliera Universitaria Senese di Siena (11)
5. Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (9)
5. Ospedale Policlinico San Matteo di Pavia (9)

PANCREAS E CELLULE PANCREATICHE
1. Azienda Ospedaliera di Padova (11)
2. Ospedale San Raffaele – Gruppo San Donato di Milano (8)
3. Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana – stabilimento di Cisanello – di Pisa (6)
4. Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano (5)
5. Presidio Ospedaliero Molinette - A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino (4)

*I trapianti pediatrici sono inclusi nei dati riportati. Solo quelli effettuati a Padova, dove il centro trapianti pediatrico è distinto da quello degli adulti, sono specificati tra parentesi (in linea con il Report 2018 del CNT).
(Fonte: Sistema Informativo Trapianti 2018)
Ultimo aggiornamento: 09 aprile 2019
Archivio