Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi in Toscana?

Infarto, bypass e angioplastica: dove operarsi in Toscana?

I ricoveri per infarto miocardico acuto in Italia sono calati del 7,6% tra il 2012 e il 2018 mentre la mortalità media a 30 giorni è scesa dal 9,98% all’8,03%; quanto allo standard di 100 ricoveri annui, è rispettato dal 61,9% degli ospedali; la soglia di 200 interventi di bypass aortocoronarico è raggiunta dal 27,7% dei centri mentre il valore di 250 interventi di angioplastica coronarica è ottenuto dal 58,8% delle strutture. Su www.doveecomemicuro.it le classifiche regionali degli ospedali più performanti per volume (fonte: PNE 2019 riferito al 2018). Al 1° posto per numero di ricoveri per infarto miocardico acuto, per il bypass e per l’angioplastica c’è l’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze.

CLASSIFICHE REGIONALI
(Fonte: PNE 2019)
    
Ricoveri per infarto miocardico acuto

Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di ricovero sono 39 (considerando anche quelle sotto i 10 volumi: 51).

Le 5 strutture che in Toscana effettuano un maggior numero di ricoveri sono: 
  1. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze (n° ricoveri: 663) (rispetta sia la mortalità a 30gg: 5,27% che la %PTCA a 48h: 64,32%)
  2. Ospedale Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli – USL Toscana (n° ricoveri: 572) (rispetta sia la mortalità a 30gg: 4,01% che la %PTCA a 48h: 72,63%)
  3. Ospedale San Donato di Arezzo (n° ricoveri: 538) (rispetta sia la mortalità a 30gg: 5,94% che la %PTCA a 48h: 74,28%)
  4. Ospedali Riuniti di Livorno – USL Toscana nord ovest (n° ricoveri: 515) (rispetta sia la mortalità a 30gg: 7,85% che la %PTCA a 48h: 57,89%)
  5. Ospedale Misericordia di Grosseto (n° ricoveri: 489) (rispetta sia la mortalità a 30gg: 7,56% che la %PTCA a 48h: 67,4%)
In Toscana il valore di riferimento ministeriale di minimo 100 ricoveri l’anno è rispettato dal 59% delle strutture.

Tutte le strutture sopramenzionate oltre a vantare alti volumi mantengono anche una bassa mortalità a 30 giorni dal ricovero (che deve mantenersi inferiore o uguale all’8%) e un’alta percentuale (che deve mantenersi superiore o uguale al 45%) di pazienti sottoposti a PTCA (angioplastica coronarica percutanea transluminale) entro 48 ore dal ricovero. È l’unica Regione italiana in cui le 5 strutture sanitarie in cima alla classifica per volume vantano questo risultato.

Le strutture che in Toscana rispettano tutti e 3 i valori di riferimento sono 10, pari al 25,6% delle strutture che effettuano questo tipo di ricovero. 
 
  VOLUME di ricoveri % Mortalità a 30 gg % PTCA entro 48h dal ricovero
Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze 663 5,27 64,32
Ospedale Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli (FI) 572 4,01 72,63
Ospedale San Donato di Arezzo 538 5,94 74,28
Ospedali Riuniti di Livorno – USL Toscana nord ovest 515 7,85 57,89
Ospedale Misericordia di Grosseto 489 7,56 67,4
Azienda Ospedaliera Universitaria Senese 475 7,62 60,89
Nuovo Ospedale Santo Stefano di Prato 472 4,17 63,13
Ospedale San Giuseppe di Empoli – USL Toscana Centro 465 5,32 46,91
Fondazione Gabriele Monasterio - Stabilimento ospedaliero di Massa - Ospedale del Cuore G. Pasquinucci 416 5,78 69,63
Ospedale San Jacopo di Pistoia – USL Toscana Centro 345 7,07 74,58

Il 2,3% dei residenti sceglie di farsi curare in altre regioni.
Il 97,6% dei residenti sceglie di farsi curarsi nella propria regione. 
Il 4,4% di interventi eseguiti su non residenti.

Interventi chirurgici di bypass aortocoronarico

Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 5 (considerando anche quelle sotto i 5 volumi: 6).

Le 5 strutture che in Toscana effettuano questo tipo di intervento sono: 
  1. Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze (n° interventi: 279) 
  2. Fondazione Gabriele Monasterio – Stabilimento ospedaliero di Massa - Ospedale del Cuore G. Pasquinucci (n° interventi: 235) 
  3. Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana - stabilimento di Cisanello (PI) (N° interventi: 110)
  4. Azienda Ospedaliera Universitaria Senese (SI) (n° interventi: 71)
  5. Fondazione Gabriele Monasterio - stabilimento ospedaliero di Pisa (n° interventi: 34)
In Toscana il valore di riferimento ministeriale di minimo 200 interventi l’anno è rispettato dal 40% delle strutture. 

La Fondazione Gabriele Monasterio – Stabilimento Ospedaliero di Massa - Ospedale del Cuore G. Pasquinucci oltre a vantare alti volumi mantiene anche una bassa mortalità a 30 giorni dall’intervento (che deve mantenersi inferiore o uguale all’1,5%) (mortalità a 30gg: 1,2%) 

È l’unica struttura che rispetta entrambi questi valori di riferimento, pari al 20% delle strutture che effettuano questo tipo di intervento.

Il 4,3% dei residenti sceglie di farsi curare in altre regioni.
Il 95,7% dei residenti sceglie di farsi curarsi nella propria regione. 
Il 7,7 di interventi eseguiti su non residenti.

Interventi chirurgici di angioplastica coronarica

Le strutture pubbliche o private accreditate che effettuano questo tipo di intervento sono 27 (considerando anche quelle sotto i 10 volumi: 33).

Le 5 strutture che in Toscana effettuano un maggior numero di interventi sono: 
1.    Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze (n° interventi: 1125) TERZA IN ITALIA
2.    Ospedale Santa Maria Annunziata di Bagno a Ripoli – USL Toscana (n° interventi: 744)
3.    Ospedale San Donato di Arezzo (n° interventi: 600)
4.    Azienda Ospedaliera Universitaria Senese (SI) (n° interventi: 568)
5.    Ospedale Santo Stefano di Prato – USL Toscana centro (n° interventi: 546)

In Toscana il valore di riferimento ministeriale di minimo 250 interventi l’anno è rispettato dal 48% delle strutture.

Le altre strutture che rispettano il valore di riferimento sono:
6.    Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana - stabilimento di Cisanello (n° interventi: 508)
7.    Fondazione Gabriele Monasterio - Stabilimento ospedaliero di Massa - Ospedale del Cuore G. Pasquinucci (n° interventi: 469)
8.    Ospedali Riuniti di Livorno – USL Toscana nord ovest (n° interventi: 453)
9.    Ospedale Misericordia di Grosseto (n° interventi: 447)
10.    Ospedale San Giuseppe di Empoli – USL Toscana Centro (n° interventi: 395)
11.    Ospedale San Luca di Lucca – USL Toscana nord ovest (n° interventi: 387)
12.    Ospedale San Jacopo di Pistoia – USL Toscana Centro (n° interventi: 384)
13.    Fondazione Gabriele Monasterio - stabilimento ospedaliero di Pisa (n° interventi: 330)

Il 3,7% dei residenti sceglie di farsi curare in altre regioni.
Il 96,3% dei residenti sceglie di farsi curarsi nella propria regione. 
Il 5,4% di interventi eseguiti su non residenti.

Visite specialistiche più cercate

Trova strutture

Le migliori strutture per...

Installa subito l'APP
e resta sempre aggiornato!